Schierati contro il loro stesso sangue

A cura di Marcello Floris

Custer e i suoi scout indiani
Le guerre indiane per la conquista dell’Ovest hanno certamente avuto delle specificità proprie, diverse da quelle a loro contemporanee tradizionalmente studiate sui libri di scuola. Diverse soprattutto dai conflitti del vecchio continente.
Un solo dato è davvero significativo: durante tutte le guerre indiane dal 1775 al 1890 morirono circa cinquantamila indiani, meno uomini di quanti ne morivano spesso in una sola battaglia durante la prima guerra mondiale. Combattimenti mordi e fuggi in uno sterminato campo di battaglia grande decine di volte l’Italia. Conflitti senza dichiarazioni di guerra e senza armistizi: privi, insomma, di molti dei connotati salienti delle guerre occidentali. Leggi il resto

Le compagnie delle pellicce

A cura di Enrico Rizzo


Cacciatori di pellicce – clicca per INGRANDIRE
Le “compagnie delle pellicce” si svilupparono nel continente nord-americano per soddisfare le necessità commerciali delle potenze europee nell’ambito delle pelli da trattare, ad esempio, per la realizzazione di abiti o altri accessori. Inghilterra e Francia fecero certamente la parte del leone in quei traffici, almeno finché tra un conflitto e l’altro non divenne importante anche la presenza degli Stati Uniti che, alla fine, fagocitarono il mercato. Leggi il resto

Kit Carson, leggenda del west

A cura di Federico Boggio Merlo


Kit Carson – clicca per INGRANDIRE
Uomo di frontiera, cacciatore di pellicce, soldato e guida, Christopher Carson, meglio noto come Kit Carson, è uno dei grandi eroi del vecchio West. Agli inizi del XIX secolo Carson era un leggendario uomo delle montagne e commerciante del sud-ovest americano, e si era guadagnato un’ottima reputazione per il suo commercio di pelli e per le sue eccezionali qualità di guida lungo le piste selvagge dal New Mexico alla California. Leggi il resto

Le guerre indiane dal 1680 al 1840 – 15

A cura di Domenico Rizzi
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19.


LA NUOVA FRONTIERA

Mentre gli Stati Uniti ponevano fine alla dominazione spagnola in Florida e i Seminole arretravano verso l’interno della regione, la Vecchia Frontiera si trasferiva sempre più ad occidente.
Il West dei primi decenni dell’Ottocento – Kentucky, Tennessee, Ohio, Louisiana, Indiana, Illinois, Mississippi, Alabama e Missouri – era passato, nel periodo 1810-1820, da 1 milione a 2.200.000 abitanti, rappresentando il 23% della popolazione USA, salita complessivamente ad oltre 9 milioni e mezzo di persone. Dalla conquista dell’indipendenza, nel 1783, la popolazione americana di razza bianca aveva registrato un aumento di 6.800.000 unità, quella nera di 1.270.000, costituendo, con 1.771.000 individui, oltre il 18% degli abitanti degli Stati Uniti. Leggi il resto

Hugh Glass, tra verità e finzione

A cura di Domenico Rizzi

ZZ30A2B353Il recente film “The Revenant”, diretto nel 2015 da Alejandro González Iñárritu, destinatario di 12 nomination che gli sono valsi 3 premi Oscar (miglior regia, miglior attore protagonista Leonardo di Caprio e miglior fotografia di Emmanuel Lubezki) e 3 Golden Globe (miglior film drammatico, miglior regista e miglior attore protagonista) ha riproposto l’incredibile odissea di Hugh Glass, un avventuroso cacciatore di pellicce che compì un’impresa quasi unica nella storia del West.
Glass, nato in Pennsylvania da genitori scoto-irlandesi nel 1783 (secondo altre fonti, nel 1780) – pochi anni prima del più famoso David Crockett, che come lui sarebbe perito di morte violenta combattendo ad Alamo contro i Messicani del generale Antonio Lopez de Santa Anna – raggiunse le selvagge terre situate fra il corso del fiume Platte e l’alto Missouri per dedicarsi alla professione del trapper, all’epoca assai redditizia. Leggi il resto

Hugh Glass a Fitzgerald: Ne risponderai a Dio!

Da un lavoro di di Jana Bommersbach

Hugh Glass
Grazie al supporto di Hollywood, finalmente quest’anno abbiamo potuto commerare adeguatamente colui che è stato definito “l’uomo più fortunato del west”, Hugh Glass il trapper. Il film “The Revenant” – con Leonardo Di Caprio, vincitore del premio Oscar – ci ha raccontato solo uno dei molti episodi avventurosi della vita di Hugh Glass, anche se si tratta certamente dell’episodio più impressionante. Hugh Glass ricordava, ad esempio, di quando era appena un bambino ed era riuscito a sfuggire al terribile pirata Jean Lafitte. Più avanti negli anni Glass mise nel sacco un capo indiano che intendeva bruciarlo vivo legato ad un palo. Ancora, si ricorda della volta che Glass sopravvisse ad un agguato che gli lasciò come ricordino una punta di freccia infilata profondamente nella schiena. Ma l’episodio più incredibile è stato quello celebrato nel famosissimo film, ossia l’attacco che il trapper subì da un grizzly nel mese di agosto del 1823. In tale attacco Hugh Glass restò ferito quasi a morte. E’ questo l’episodio che Hollywood ha trovato più affascinante e che gli spettatori hanno trovato così cruento che, a volte, è stato difficile guardarlo. Leggi il resto

Hugh Glass, il trapper leggendario

A cura di Isabella Squillari e di Giuseppe Santini

Un bel ritratto di Hugh Glass
Ognuno dei presenti riuniti lì attorno conosceva il vecchio “procione” Hugh Glass, e sapeva benissimo quanto egli fosse coriaceo, per questo mantenevano fisso lo sguardo incredulo su ciò che gli implacabili artigli dell’orsa, lunghi tre pollici, avevano risparmiato del vecchio trapper. Quel poco che si poteva scorgere attraverso il lordume che lo ricopriva, un miscuglio di sangue, foglie, muschio e terriccio, creatosi durante la lotta, li aveva inorriditi. Lo scalpo pendeva a brandelli, il volto sfigurato, il torace, su cui le striature che lo solcavano ricordavano un campo arato, lasciava scorgere tra le profonde ferite il biancore delle costole, le braccia e le mani, che avevano tentato un’inutile estrema difesa, erano un mucchio di carne sanguinolenta. Vedere come l’orsa aveva dilaniato le sue spalle e la schiena, lasciava increduli che quel corpo umano, insistendo nel voler continuare a considerarlo tale, possedesse ancora un anelito di vita. Leggi il resto

Revenant. La storia vera di Hugh Glass e della sua vendetta

A cura di Mario Raciti

Boschi fitti, avamposti sperduti, montagne insuperabili, sopravvivenza estrema. E poi ancora lunghi fucili a pietra focaia, bisonti, indiani sempre sul piede di guerra, vestiti di pelle sfrangiati, pelli di castoro, storie davanti al fuoco di un bivacco…
È questo il mondo dei trapper, i cacciatori di pellicce che tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento fondarono nel West il fruttuoso e affascinante regno del commercio delle pellicce. Quante volte questo periodo è stato immortalato nei romanzi che tanto amiamo? A me vengono in mente Passaggio a Nord Ovest di Kenneth Roberts e Il grande cielo di A.B. Guthrie, ma se ce ne sono altri di sicuro basterebbero le dita di una mano per contarli tutti.
Einaudi ha deciso di colmare questa lacuna (ovviamente tipicamente italiana) dando alle stampe il libro di Michael Punke che in America ha riscosso un grande successo: Revenant. La storia vera di Hugh Glass e della sua vendetta. Leggi il resto

Revenant, il film su Hugh Glass il trapper

Nell’imminenza dell’uscita nelle sale del film dedicato all’avventurosa vita di Hugh Glass il trapper, di cui parliamo ampiamente – dal punto di vista storico – in questo nostro sito, ci è sembrato opportuno pubblicare una recensione di questo che sarà certamente un blockbuster e che noi tutti stiamo aspettando.
Il film si intitola Revenant – Redivivo (The Revenant) ed è del 2015, diretto, co-scritto e co-prodotto da Alejandro González Iñárritu.
Il film, basato sul romanzo omonimo del 2003 di Michael Punke, è stato scritto da Iñárritu e Mark L. Smith, ed è parzialmente ispirato alla vita del cacciatore Hugh Glass. Il film è interpretato da Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Will Poulter e Domhnall Gleeson.
La trama rispecchia la vita di High Glass per come la conosciamo, chiaramente con qualche abbondante concessione alle esigenze cinematografiche. Leggi il resto

Lo spirito della frontiera

A cura di Domenico Rizzi

Quando il capitano John Smith, eroe di mille avventure vere o inventate nella tormentata Europa del XVII secolo, approdò alle coste della Virginia nel 1607, i colonialisti inglesi non potevano certo immaginare le conseguenze politico-sociali che l’impresa avrebbe avuto nel lungo periodo. La spedizione mirava, come le altre che l’avevano preceduta senza successo, ad impossessarsi di una porzione di suolo americano per contrastare l’invadenza degli Spagnoli – già saldamente insediati del Messico, nel Centro e Sud America – e dei Francesi, che dalle fredde regioni canadesi minacciavano di allargare, grazie ai loro intrepidi esploratori e “voyageurs”, le aree più ricche di cacciagione del nuovo continente.
Il manipolo di avventurieri che aveva posto una seria ipoteca sul possesso dell’odierna Virginia, fu seguito da altri arrivi nel breve volgere di qualche anno e nel 1620 i Padri Pellegrini sbarcarono a Cape Cod, nel Massachussets, per fondarvi altre colonie. Leggi il resto

« Pagina precedentePagina successiva »