Il Territorio Indiano


Agli indiani nei loro territori bastava avere un’idea degli spazi di influenza, senza necessità alcuna di segnare sul terreno o su una mappa dei confini ben definiti. L’uomo bianco, invece, aveva bisogno di individuare con certezza gli spazi entro i quali esercitare la propria influenza o di cui vantare la proprietà privata. Anche in questo caso, dunque, il confronto tra due modi di vedere le cose e anche due modi di vivere creò attriti più o meno grandi. Questo a prescindere dal problema di fondo che l’avanzata dei coloni limitava sempre più i movimenti e le espressioni culturali dei Nativi. Leggi il resto

I cavalli e i nativi delle grandi pianure

A cura di Matteo Pastore

Guerrieri indiani a cavallo
Quando pensiamo ai nativi americani (più comunemente “indiani d’America”) tendiamo ad immaginarli a cavallo che impugnano una lancia o con arco e frecce; ma i nativi non sempre possedevano dei cavalli anzi alcune volte non avevano neppure arco e frecce ma questa è un’altra storia. In questo articolo si tratterà di nativi e dei loro cavalli.
Gli indiani d’America ottennero i primi cavalli dagli Spagnoli. Quando gli esploratori iberici, Coronado e De Soto, giunsero in America portarono con sé numerosi cavalli. Era il 1540; alcuni di questi cavalli scapparono e diventarono selvaggi stabilendosi vicino ai villaggi nativi. A quanto pare, i nativi, non fecero nulla con i cavalli che si trovavano allo stato selvaggio ma iniziarono ad usarli e a cavalcarli solo molti anni dopo. Leggi il resto

I Cheyenne Dog Soldiers

A cura di Gaetano Della Pepa

Le cosiddette “società guerriere” erano quei raggruppamenti che, all’interno delle bande o delle tribù, si incaricavano dell’inquadramento delle individualità dei guerrieri, finalizzandole al bene collettivo. Svolgevano incarichi di “polizia” interna e portavano avanti le attività guerresche sempre in prima linea. La loro rilevanza era enorme, anche se il contatto con i bianchi ne ridusse la portata.
Tra i Cheyenne l’importanza delle società guerriere, specialmente di quella dei Soldati Cane, fu veramente notevole. Leggi il resto

Gli Athabaska del Grande Nord

A cura di Giampaolo Galli
Pochi ambienti naturali dell’America Settentrionale presentano delle condizioni di vita così proibitive come la regione che dalla Baia di Hudson si estende fino al corso sinuoso del Mackenzie. Lunghi , terribili inverni e brevi, tiepide estati caratterizzano quest’area immensa tra la taiga e la tundra. Durante la stagione fredda, tempeste di neve, temperature inferiori ai 40 gradi sottozero e luce limitata, rendevano la fame e l’esposizione alle intemperie, un pericolo costante. Durante i gradevoli e luminosi mesi estivi, gli onnipresenti sciami di mosche nere e zanzare costituivano un flagello ancor più terribile del freddo, e costringevano gli abitanti a coprirsi completamente da capo a piedi. Leggi il resto

La ruota di medicina


Medicine Wheel, Bighorn Mountains, Wyoming
Ci sono dei grandi cerchi di pietre sparsi tra praterie e altopiani del Nord America. Queste antiche strutture sono conosciute come Medicine Wheel, Ruote della Medicina. Una delle più famose si trova nelle montagne del Big Horn (Wyoming) e misura ben trenta metri di diametro. All’origine delle Ruote della Medicina vi è un significato è ancora misterioso che si perde nella notte dei tempi. Si tratta, secondo alcuni studiosi, di mappe astrologiche, secondo altri di rappresentazioni religiose dei cicli dell’universo e dei segreti della vita e, secondo interpretazioni più recenti di complesse simbolizzazioni filosofiche dell’esistenza nel suo complesso e della mente umana in particolare. Leggi il resto

Gli indiani e il cavallo


Un indiano Yakima e il suo cavallo – clicca per INGRANDIRE
Chiunque si accosti con passione alla storia del west finisce rapidamente per ritenere che il cavallo e la bravura nell’utilizzarlo siano state prerogative degli indiani americani, che lo adoperavano egregiamente per andare a caccia del bisonte e per combattere contro i nemici. La realtà è un po’ diversa… Leggi il resto

L’organizzazione socio-politica degli indiani americani


Per la maggior parte degli indigeni nordamericani, come in effetti per la maggior parte dei popoli nel corso della storia umana, non esistevano alcune forme istituzionalizzate del potere sociale e politico, nessuno stato, nessuna burocrazia e nessun esercito. Le società degli indiani americani erano di regola egualitarie senza un’autorità centrale ed una gerarchia sociale, tipiche delle società moderne. Costumi e tradizioni al posto della legge e della coercizione, regolavano la vita sociale. Leggi il resto

Gli indomabili Kickapoo

A cura di Gianni Albertoli

Nel decennio precedente alla Civil War (1861-65), i Southern Kickapoo furono molto attivi, inquieti e particolarmente bellicosi. Dopo varie peripezie, tra il Messico e il Territorio Indiano, molti di loro accettarono di stabilirsi in una piccola Riserva presso gli indiani Sauk & Fox. Almeno tre significativi movimenti della storia dei Southern Kickapoo si sarebbero verificati nel periodo antecedente la Civil War. Uno fu la loro partecipazione al movimento di Wildcat, che avrebbe coinvolto una migrazione a nord del Messico ed un successivo rapido ritorno nel Territorio Indiano. Leggi il resto

Segnali di fumo

A cura di Matteo Pastore

I segnali di fumo erano usati da molte culture, tra cui i nativi americani, come mezzo per comunicare rapidamente sulle lunghe distanze. I messaggi inviati tramite questi segnali erano trasmessi per mezzo di colonne o sbuffi intermittenti di nuvole di fumo.
Ogni tribù aveva il proprio sistema per fare il fuoco. Una volta appiccato si poteva ottenere la quantità, densità e colore di fumo desiderato controllando il materiale che bruciava.
Una coperta bagnata veniva usata per coprire il fuoco e quando veniva rilasciata si poteva ottenere una colonna di fumo nero visibile a distanza di molti chilometri. Leggi il resto

Gli indiani tra i due fuochi della Guerra Civile

A cura di Sergio Mura

Soldati di origine indiana
Anche i tragici e grandiosi eventi bellici della Guerra Civile Americana furono un banco di prova per la tenuta delle tribù indiane. Gli indiani non sapevano resistere lontano dai campi di battaglia, anche per via della formazione individuale e tribale che, in genere, attribuiva all’onore un grande rilievo. E così non seppero tenersi alla larga dalle sanguinose battaglie campali della Guerra Civile, schierandosi sia con il Nord che con il Sud. Gli indiani si divisero anche in quella circostanza, come era già successo parecchio tempo prima, quando ci fu da decidere con chi schierarsi durante le guerre coloniali… Leggi il resto

Pagina successiva »