I Nativi nella Guerra di Rivoluzione Americana – 5

A cura di Pietro Costantini
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5.

La Spedizione Sullivan
Antefatti. Il massacro di Cherry Valley aveva convinto i coloni americani che era necessario per loro passare all’azione. La maggioranza della Lega Irochese stava creando parecchi problemi ai capi dei patrioti, in particolare al generale George Washington e ad un altro comandante, Philip Schuyler. Nell’aprile 1779 il colonnello Van Schaick aveva condotto una spedizione con più di 500 soldati contro gli Onondaga, distruggendo diversi villaggi. Quando, nel 1779, gli Inglesi avevano cominciato a concentrare le operazioni militari sulle colonie del sud, Washington approfittò dell’opportunità per lanciare una grande offensiva organizzata contro Fort Niagara. Leggi il resto

Un grido: arrivano i Cherokee!

A cura di Pietro Costantini

“The Cherokee are coming!”
I Cherokee usano riferirsi a sé stessi come Tsalagi o Aniyunwiya, che significa “Primo Popolo”. Vi sono molte teorie, sebbene nessuna provata, sull’origine del nome “Cherokee”. Potrebbe derivare dalla parola Choctaw Cha-la-kee, che significa “coloro che vivono sulle montagne”, oppure da Chi-luk-ik-bi (“quelli che vivono nel paese delle grotte”). La prima parola spagnola per riferirsi a loro fu Tchalaquei. Un’altra teoria è che Cherokee derivi da una parola dei Lower Creek, Cilò-kki, che designa qualcuno che parli un’altra lingua. La derivazione più comune, in ogni caso, è l’anglicizzazione del nome che danno a sé stessi nella loro lingua, cioè Tsalagi. Leggi il resto

I Comanche, foto dei grandi guerrieri delle pianure

I Comanche sono stati dei grandissimi guerrieri, indomiti e quasi invincibili. Erano tra i migliori cavalieri che si potessero incontrare nelle pianure del west ed erano temprati da una vita durissima, spesso fatta di stenti e sofferenze, specialmente queo “il popolo” era aggredito da più parti. La loro abilità, usata in battaglia, finì per far temere i Comanche quanto bastava per fare intervenire l’esercito americano in difesa dei coloni. I Comanche erano potenzialmente sempre in guerra con tutti i gruppi di nativi americani che vivevano nelle Grei Pianure, questo li portò ad essere oggetto delle manovre politiche dei poteri coloniali europei e degli Stati Uniti. IComanche riuscirono a mantenere la loro indipendenza a lungo e ad incrementare i loro territori, ma alla metà del 1800 furono decimati da un’ondata di epidemie introdotte dai coloni bianchi. Epidemie di vaiolo (1817, 1848) e di colera (1849) ridussero notevolmente la popolazione dei Comanche, che passò dalle 20.000 unità della metà del secolo, a poche migliaia intorno al 1870. Leggi il resto

La tessitura navajo

A cura di Angelo D’Ambra


Quando gli spagnoli cominciarono a penetrare nel Sud Ovest, i navajo dell’area del Four Corners fuggirono spingendosi tra i canyon e qui riadattarono il loro stile di vita, riducendo l’interesse per l’agricoltura e divenendo allevatori di bestiame. A quanto pare dunque le prime generazioni di navajo nel Sud Ovest non erano esperte di filatura e tessitura, i navajo erano solo cacciatori e raccoglitori. Le prime pecore le rubarono o le acquistarono dagli spagnoli, ma per mangiare. Tutto cambiò sul finire del Seicento quando gli indiani pueblo, prevalentemente allevatori e tessitori, si ribellarono agli spagnoli ed i navajo si unirono a loro. Leggi il resto

I Nativi nella Guerra di Rivoluzione Americana – 4

A cura di Pietro Costantini
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5.

La battaglia di German Flatts
La prima spedizione di Brant contro gli insediamenti colonici di frontiera era stata quella contro Cobleskill. Poi aveva continuato a fare incursioni contro altre comunità per tutta l’estate. Quando, nel luglio 1778, aveva attaccato i villaggi di Springfield e Andrustown, Brant aveva lasciato in vita i sopravvissuti, con l’avvertimento che presto sarebbe stata attaccata anche German Flatts. Leggi il resto

La grande nazione Arapaho

A cura di Marco Fiore

La prima fotografia degli Arapaho (1859) – clicca per INGRANDIRE
Gli Arapaho sono una tribù di nativi americani, la quale viveva originariamente nelle pianure del Colorado e del Wyoming, alleati in maniera più o meno ferrea con gli Cheyenne, i Lakota e i Dakota. La lingua Arapaho, Heenetiit, è di origine algonchina, simile a quella dei Gros Ventre, considerati come una prima propaggine degli Arapaho.
Le prime tribù Arapaho erano stanziate nella regione dei Grandi Laghi e praticavano l’agricoltura, nello specifico coltivavano il mais. Leggi il resto

Osage, il popolo venuto dalle stelle (1800-1872)

A cura di Pietro Costantini

Blackheart
All’inizio del XIX secolo gli Osage dovettero affrontare, oltre il we- lu-ska (il “piccolo popolo” dei germi) portato dai Francesi e dagli Spagnoli, l’invasione degli Americani, da loro inizialmente chiamati sia “Folte Sopracciglia” sia “Lunghi Coltelli”, dato che i Piccoli non avevano ancora deciso cosa fossero in realtà. Leggi il resto

Chippewa

A cura di Gianni Albertoli

L’avanzata Chippewa verso ovest, fino alle terre dell’Upper Mississippi, avrebbe interessato almeno due secoli di storia, questi indiani dovettero combattere aspramente i bellicosi Sioux per ritagliarsi i loro spazi vitali. La trattazione ci porterà fino all’alba del XIX secolo, quando la situazione cambierà anche notevolmente. Leggi il resto

Gli indiani della Yosemite Valley

A cura di Armando Morganti

Gli inizi della vita umana nella Yosemite Valley sono ancor oggi avvolti nel mistero, ma da tempi immemorabili “nella valle di Ahwahnee” vivevano gli indiani Ahwahneechees, i quali, nella splendida vallata si sentivano al sicuro dagli attacchi nemici e la loro proverbiale bellicosità li rendevano particolarmente temuti dalle popolazioni vicine. Leggi il resto

I Rickahockens, il popolo emerso dalle nebbie

A cura di Armando Morganti

Apparvero come una meteora dalle profondità del continente, per scomparire nel nulla e mai più riapparire. Spesso nella storia ci sono state popolazioni che sono scomparse velocemente nel nulla. Ma è mai possibile che un popolo scompaia definitivamente?
Una delle popolazioni più sconosciute del continente nord-americano sono sicuramente i Rickahockens. Difficile credere che una popolazione possa far perdere le sue tracce nell’arco di pochi decenni, ed anche difficile è credere nel suo completo sterminio, mai la storia dei nativi americani ebbe un simile epilogo. Leggi il resto

Pagina successiva »