James Earp e David Andrews

A cura di Lorenzo Barruscotto

James Earp (a destra), ritratto con il fratello Wyatt
James Cooksey Earp, nato a Hartford, Kentuky, il 28 giugno 1841 è uno dei meno noti fratelli Earp, passati alla storia per le imprese e le battaglie sostenute specialmente da Wyatt, Virgil e Morgan resisi universalmente conosciuti anche a chi non mastica pemmican e western per via della sparatoria all’Ok Corral.
Comunque sia neanche James difettava di fegato: a 19 anni si arruolò tra le file nordiste entrando a far parte della compagnia F del 17esimo fanteria dell’Illinois, nel maggio 1861, con i fratelli Newton (ancora meno noto di lui) e Virgil durante la Guerra di secessione. Il 17esimo reggimento fu organizzato ed armato ad Alton, Illinois. Il 31 ottobre 1861, la sua unità si oppose alle forze della Guardia di Stato del Missouri vicino a Fredericktown, nel Missouri per l’appunto. Leggi il resto

“Hostiles”, malinconico addio al west

A cura di Domenico Rizzi

Vi è chi, come Quentin Tarantino, insiste su una visione del West che ricorda molto gli esperimenti italiani del genere e chi pensa di ridare fiato alla leggenda con discutibili riedizioni de “I magnifici sette” o brutte performance sul modello de “Il duello”, di Kieran Darcy-Smith. Vi sono anche registi che, pur valendosi di una rappresentazione cruda degli annali della Frontiera, sono riusciti a sfornare opere credibili, ancorchè di sapore marcatamente crepuscolare. Dopo “The Homesman”, diretto e interpretato da Tommy Lee Jones nel 2014, di cui si è già detto in un precedente articolo pubblicato su queste pagine, merita una segnalazione “Hostiles”, realizzato nel 2017 sotto la regia di Scott Cooper, che ne è anche il produttore insieme a Ken Kao e John Lesher. Leggi il resto

Oro & Piombo, di Emiliano Ferrera

A cura di Gian Mario Mollar
È possibile girare oggi, in Italia, un film che riprenda lo spirito degli Spaghetti Western degli anni Sessanta e Settanta? Si può confezionare una pellicola western di grande qualità con una produzione indipendente e un budget ridotto all’osso?
“Oro & Piombo” di Emiliano Ferrera, realizzato nel 2019, ci dimostra che la risposta è sì, si può fare. Considerate le condizioni in cui è stato realizzato, il film è un vero e proprio miracolo, che vi regalerà due ore di epico e travolgente intrattenimento western nel solco della tradizione. La ricetta è quella intramontabile di Sergio Leone, con primi piani intensi e occhiate che sembrano incendiare la pellicola, sparatorie e paesaggi riarsi, ma il regista ha saputo infondere nuova vita negli ingredienti del genere, conferendo loro epicità e credibilità.
“Chi va in cerca dell’oro, è destinato a incontrare il piombo”: con questa frase lapidaria si potrebbe riassumere l’intera trama del film, che in effetti non è altro che una drammatica “caccia al tesoro”. Leggi il resto

The Homesman

A cura di Domenico Rizzi

Il western moderno, ideale continuazione del filone revisionista, ha introdotto una serie di situazioni che spesso ricalcano trame del passato e attingono, in misura evidente, agli esperimenti italiani degli Anni Sessanta e Settanta, assimilandone talvolta gli aspetti peggiori.
Premesso che frequentemente si tratta di vendette o di sfide, con immagini insistite quanto superflue di torture e violenze, molte delle trame portate sullo schermo si sono sempre più allontanate dal clichè classico dei vecchi western movie, che, al termine di tormentose vicende e sofferenze dei protagonisti, si chiudevano generalmente con un lieto fine. Leggi il resto

Addio a Portis, autore de Il Grinta

A cura di Domenico Rizzi

Charles Portis e Il Grinta
Forse gli eroi solitari non se ne vanno sempre da soli. Dopo la recentissima scomparsa di Kirk Douglas, un altro grande del western ha abbandonato il campo.
Si tratta di Charles McColl Portis, noto semplicemente come Charles Portis, uno scrittore che gli appassionati del genere dovrebbero conoscere soprattutto per il romanzo “True Grit”, scritto nel 1968, pubblicato inizialmente a puntate sul Saturday Evening Post e tradotto per la prima volta in Italia con il titolo “Un vero uomo per Mattie Ross”, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1969. Leggi il resto

Oro & piombo

A cura di Sergio Mura

Pochissimi giorni addietro, nel presentarvi un gran bel gioco da tavolo basato sulla vera storia del west, ci dicevamo che il west e il genere western sono ben lungi dal volersi ritirare nei luoghi della memoria e che, piuttosto, appare evidente che sta solo ricercando le nuove vie adatte a parlare alla gente di oggi.
E oggi vi parliamo di una nuova, stupenda nuova uscita del cinema western, tutta italiana, forte, epica, “spaghetti”… “Oro e piombo”, di Emiliano Ferrera. Proprio lui, quell’Emiliano Ferrera che oltre alla somiglianza straordinaria con il giovane Clint Eastwood dei film western, può vantare una bella genialità, unita a quella bravura artigianale che solo i “piccoli” sanno di dover avere e dimostrare per farsi strada. Leggi il resto

Never grow old

A cura di Gian Mario Mollar

La locandina del film
Never grow old è il primo film western del regista irlandese Ian Kavanagh, uscito negli Stati Uniti il 15 marzo 2019. Come vedrete, ci sono davvero buoni motivi per augurarsi che arrivi presto anche in Italia.
Partiamo innanzitutto dal cast: signore incontrastato della pellicola è un quasi irriconoscibile John Cusak, imbolsito e paludato nei panni tenebrosi del pistolero Dutch Albert. L’attore americano ha alle spalle una lunga ed eclettica carriera, dalla commedia al thriller, e questa volta ci sorprende impersonando un villain crudele e psicopatico. Leggi il resto

Curiosità sulla storia del west

A cura di Domenico Rizzi

Le molte curiosità generate dallo studio della storia del west restano spesso insoddisfatte per via della difficoltà a reperire documenti o ad approfondire le fonti. E anche quando si riesce a mettere le mani su quelli, è comunque difficile discernere tra verità, leggenda, falso storico ed esagerazioni. Gli stessi storici mostrano spesso di arrivare a ricostruzioni completamente diverse, pur partendo da basi identiche. Leggi il resto

“Cavalcarono Insieme”, una lezione di realismo

A cura di Domenico Rizzi

Ogni volta che si parla di John Ford, si tirano in ballo soprattutto i film che gli diedero la celebrità, da “Ombre rosse” a “L’uomo che uccise Liberty Valance”, soffermandosi immancabilmente su “Il massacro di Fort Apache” e spendendo fiumi di parole per “Sfida infernale”, considerati fra i suoi capolavori.
In tema di revisionismo, le sue opere di maggior pregio sono ritenute invece, oltre al citato “Liberty Valance”, “Il grande sentiero”, che, insieme a “I dannati e gli eroi” rappresenta un atto di denuncia verso i soprusi subiti dalle razze considerate inferiori, come gli Indiani d’America e i “Negri”, chiamati oggi “Afro-americani”. Leggi il resto

La ballata di Buster Scruggs


Una scena tratta dalla mini-serie
Per chi si sente a digiuno di film western, oggi abbiamo una valida proposta: La ballata di Buster Scruggs. È un film western antologico diviso in sei parti, una serie di racconti della frontiera americana narrati con lo stile unico e inimitabile di Joel e Ethan Coen. Ogni capitolo propone una storia diversa del West americano.
Il film è stato presentato in anteprima alla 75ima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia ed è stato premiato per la miglior sceneggiatura. È disponibile nella piattaforma Netflix (che lo produce e distribuisce) dal 16 novembre. Leggi il resto

Pagina successiva »