Wolfkiller, custode della sapienza Navajo

A cura di Marco Aurilio

Un a fotografia che ritrae Wolfkiller
Nato intorno al 1855, Wolfkiller frequentò spesso il trading post di Louisa Wetherill alla quale insegnò molti aspetti della cultura del suo popolo, del modo di vivere e delle tradizioni. Fu tra i navajos che si arresero recandosi a Bosque Redondo, lui aveva una decina di anni ed era originario della Monument Valley. Queste le prime impressioni di Louisa Wetherill su di lui:” tra i lavoratori ce n’era uno in particolare che abbiamo notato. Sorrideva sempre ed era molto silenzioso. Si faceva i fatti suoi e usava i guadagni per comprare vestiti e cibo per la sua famiglia, mentre molti altri se li giocavano.
Lo chiamavano Wolfkiller e ci ha raccontato di come gli insegnamenti della madre e del nonno lo hanno aiutato nella vita”. Wolfkiller crebbe osservando la bellezza della natura e scoprendo come affrontare il vento, le tempeste, il freddo e persino la morte con ottimismo e coraggio. Attraverso il suo abbraccio al mondo naturale, sviluppò sia una rara profondità di carattere che una comprensione delle relazioni umane che lo guidarono nei momenti di avversità: “finché viviamo noi anziani, cercheremo di mantenere i nostri figli sul sentiero della luce così come lo vediamo”, disse uno dei suoi antenati. Preoccupato che le nuove generazioni perdessero di vista le antiche verità che aveva appreso, chiese alla signora Wetherill di scrivere la sua storia. Appena messa nero su bianco un editore dell’epoca non la volle pubblicare, in quanti gli sembrava troppo strano che un bambino si soli 6 anni riusciva a discutere con il fratello “sull’ingiustizia della vita” e così il manoscritto è rimasto inutilizzato per 75 anni, per poi fortunatamente essere pubblicato, quando ormai sia la Wetherill che il navajo erano morti da tempo.
Ancora Wolfkiller
L’ingiustizia a cui faceva riferimento l’allora piccolo navajo consisteva nel dover lasciare il caldo hogan in una fredda e ventosa mattina di inverno, insieme al fratello, per portare le pecore al pascolo. Il nonno vide i due ragazzini e gli disse: “Non preoccupatevi del vento che soffia. Non possiamo aiutarlo, e c’è un motivo per questo … Tutte le cose sono belle e piene di interesse se le osservi da vicino e le studi “. Con il passare dei giorni, i ragazzi iniziarono a prendere a cuore le sue lezioni. “Abbiamo guardato le dune di sabbia più da vicino, prima pensavamo che fossero solo cumuli di sabbia rossa poi hanno preso forme diverse”, ricordò Wolfkiller. “Erano belle alla luce del sole, coperte di onde come l’acqua. Avevano l’aspetto delle rocce delle alte mesas, con la differenza che erano morbide. Ci siamo domandati se le rocce fossero state una volta dune di sabbia morbide. Questo è stato il lavoro del vento … Avevamo pensato che il vento fosse solo una cosa inutile per causarci infelicità, ma poi abbiamo visto che aveva molti scopi. Ripulisce l’aria dagli odori delle piante in decomposizione e degli animali morti, porta le nuvole sulle sue ali per darci la pioggia e ci ha reso forti “. In un’altra occasione, i ragazzi furono spaventati da un violento temporale che li colse mentre erano fuori con le pecore. Riuscirono a malapena a riportare il gregge al sicuro e furono molto scossi quando arrivarono a casa; “non vi ho forse detto che cose come il lampo, il vento e la pioggia non sono affari nostri?” chiese il nonno. “Colpiscono dove vogliono, e non abbiamo controllo su di loro. Quando li vediamo arrivare, dobbiamo pensare nei nostri cuori che saremo al sicuro da loro, ed è bene dire una preghiera per chiedere di mandarli lontani da noi. È sempre bene pregare per essere resi più forti, ma la paura, come ti ho detto, fa parte dello spirito malvagio e ti avvelenerà in modo che non sarai in grado di pensare a ciò che ti riguarda. Ora che la tempesta è passata, voglio che veniate fuori dall’hogan”. I ragazzi lo seguirono. Disse loro di osservare la tempesta mentre passava sopra le rocce a nord: “Vedete com’è bella davvero”, disse: “Come sono nere le nuvole. Guardate le strisce di fulmini bianchi che scendono. Osservate le rocce sulle quali è passato, come luccicano. E si può vedere quanto sono freschi e verdi i campi di grano, l’erba e gli alberi. Avevamo bisogno della tempesta per rendere le cose belle”. La strategia del nonno in queste lezioni era quella di convincere i ragazzi che quando avevano paura o disagio, a rispondere adattando i loro sentimenti all’ ambiente naturale piuttosto che adattare l’ ambiente per soddisfare i loro sentimenti.


Wolfkiller nel 1906 ospite nel trading post a Oljato in Utah

La loro madre rinforzò questa lezione quando tornò l’inverno; li svegliò all’alba, ricordò Wolfkiller, dicendogli che nevicava e dovevano uscire e rotolarsi nella neve. I ragazzi si lamentarono del fatto che non gli piaceva rotolarsi nella neve fredda. “Figli miei, è la ragione per cui voglio che lo facciate. È perché vi sembra freddo. La neve sarà con noi per diverse lune ora, e se vi ci rotolate dentro e la trattate come un amico, non vi sembrerà così freddo. Vi siete rotolati nella neve ogni inverno quando eravate bambini. Perché non dovreste volerlo fare ora?”. “Uscimmo e facemmo ciò che nostra madre ci disse di fare e non ci sembrava neanche più freddo come prima”. Il ritrovato apprezzamento della natura da parte di Wolfkiller ebbe un profondo effetto benefico. “Quando venne l’alba, il mondo sembrava diverso. Guardavo oltre le montagne verso est e vedevo la luce bianca sopra di loro. Mai prima il cielo era apparso così bianco e luccicante come sembrava quel mattino, come l’interno di un guscio, tutto brillante e bello. Poi, mentre il sole tramontava all’orizzonte, le montagne diventavano rosse e gialle, e poi blu. Fu bellissimo! Perché non l’avevo mai visto prima?”.

IL POTERE DEI PENSIERI

Wolfkiller imparò anche l’importanza di controllare i suoi pensieri. Suo nonno gli insegnò che i pensieri hanno un grande effetto sulla personalità del pensatore e gravi conseguenze sul benessere degli altri. Quando disse ciò per la prima volta alla sua amica bianca, la signora Wetherill, rimase sconcertata. Chiese al navajo come una persona con pensieri negativi avesse potuto danneggiare gli altri senza nemmeno toccarli: “è la paura che viene messa nella mente dal pensiero malvagio di un altro”, rispose, “ma come può un solo pensiero fare del male?” chiese, “un pensiero, parlato o meno, è una cosa reale”, spiegò lui. “Non avrei mai pensato al male che un pensiero malvagio può causare se mio nonno non me lo avesse insegnato.”
Il nonno di Wolfkiller illustrò questo concetto con un’altra lezione della natura, quella che riguarda la coltivazione del mais. Iniziò l’addestramento istruendo i ragazzi a piantare alcuni semi e annaffiarli regolarmente. Passarono alcuni giorni prima che i semi iniziassero a gonfiarsi. Poi una mattina videro delle piccole piante bianche che uscivano da alcune di esse. Con il passare dei giorni, divennero piante verdi forti. Erano molto interessati a vederle crescere. Quando furono diventati forti, il nonno gli disse di portare un po ‘d’acqua da una sorgente. “Ma nonno, l’acqua di quella sorgente non è buona”, protestarono. “Perchè lo vuoi? È molto amara.” ,”Lo so, mio nipote, ma voglio che tu ne porti un po’ comunque. Ti dirò cosa voglio per domani.”


Wolfkiller e il minatore John H. Marks nei pressi del San Juan River

“La mattina dopo, quando iniziammo a portare le pecore fuori dal recinto, il nonno venne a trovarci. Ci chiese di prendere l’acqua amara ed in un’altra brocca, dell’acqua buona. Portammo entrambe le brocche sul campo di mais. Il nonno scelse alcune delle nostre piante forti e ci disse di annaffiarle con l’acqua amara e le altre piante con l’acqua buona. Per diversi giorni, portammo l’acqua amara a casa e innaffiammo sempre le stesse piante. Presto cominciarono a diventare gialle”. Dissero al nonno che stavano morendo. “Così è, mio nipote. Stasera, ti dirò perché l’ho fatto”. Quella sera, terminata la cena, li chiamò da lui e disse: “Ora vi dirò a cosa serviva l’acqua amara. L’acqua amara è per le piante come i pensieri cattivi sono per un uomo. Avete notato che le piante sono diventate più pallide e più chiare fino ad ora che sono quasi bianche? Il tempo che avete dedicato loro è stato quasi nullo. Allo stesso modo, se permettiamo a pensieri cattivi di crescere in noi, tutti i nostri anni andranno persi. Domani dovete ricominciare a dare acqua buona alle piante e guardarle diventare verdi, ma non potranno mai essere forti come se non avessero mai avuto l’acqua amara”; “così è per noi. Se non permettiamo mai che i cattivi pensieri entrino in noi, saremo molto più forti. Tutti abbiamo il male in noi, come ti ho detto prima, ma dobbiamo combatterlo per impedirci di controllarci. Questa lotta ci rende forti e, come ho detto prima, dobbiamo combattere per vivere. Non dobbiamo lasciare che lo spirito malvagio ci controlli. Se lo facciamo, siamo persi proprio come le piante di mais andrebbero perse se continuaste a dare loro acqua amara. ”
Oltre alle lezioni sulla natura, il nonno di Wolfkiller istruiva i bambini attraverso storie di animali che raccontava la sera quando la famiglia si riuniva nella loro casa. Le ideò per associare importanti lezioni morali con le situazioni comuni che i bambini avrebbero incontrato nelle loro esperienze quotidiane. Raccontò la storia della ragazza e del ragazzo che hanno creato il primo asino con pezzi di materiali diversi trovati in giro. L’aspetto ruvido dell’animale contrastava con i bellissimi materiali usati dai bambini per le sue viscere: turchese, pietre rosse e conchiglie bianche.
“Non sei molto carino all’esterno con la tua grande testa, le orecchie lunghe e la coda divertente”, disse la bambina, “ma tu sei bello dentro, perché sei fatto di cose belle.” Poi il vento sussurrò loro e disse: “Non devi dire cose cattive sulle persone se vuoi che esse equivalgano davvero a qualcosa. D’ora in poi, devi pensare e parlare di questo animale in modo gentile. Pensa a cosa è fatto dentro e non a ciò che sembra all’esterno. Sai che dipende da come è dentro una persona se vale la pena o meno. D’ora in poi, cerca di trovare il bene nelle persone e non cercare il male. Chi cerca il male nelle cose avvelena esso stesso ed anche le persone intorno a lui. Se cerchi il bene, aiuterai te stesso e le persone intorno a te”. Il giorno seguente, ignaro del fatto che suo nonno stava orecchiando, il giovane Wolfkiller disse a suo fratello che avrebbe voluto essere fatto di cose belle dentro. Il nonno si avvicinò a loro e disse.


Wolfkiller in un ritratto fotografico

“Sei fatto di cose belle dentro, ma puoi trasformare tutte le cose belle in cose brutte, se non cerchi di mantenerle belle. Se permetti a te stesso di arrabbiarsi e ad avere pensieri malvagi, presto ti avvelenerai in modo da non poter più trovare la via della luce. Presto sarai come un albero che è rimasto in acqua stagnante fino a quando l’interno delle sue radici diventerà nero e morbido. Da questo giorno in poi devi cercare di mantenere i tuoi pensieri sulla retta via da percorrere e non cercare il male e sentirti scontento “.
Wolfkiller non si limitò a descrivere il modo di vivere navajo e le tradizioni del suo popolo, ma lasciò anche informazioni sugli avvenimenti storici durante l’ultima guerra navajo. Raccontò di come molti anziani si adoperarono per indurre Manuelito a consegnarsi ai soldati, fu testimone della sua resa: “Arrivarono anche Manuelito e 23 guerrieri, scortati dai soldati. Gli anziani gli parlavano perchè vedevano che aveva ancora in lui lo spirito della guerra. Non volle ascoltare nulla e si rifiutava di mangiare”. Descrisse anche la permanenza a Bosque Redondo, di come gli erano stati affidati campi da coltivare: “Soltanto Manuelito rifiutava di inchinarsi davanti al conquistatore. Giorno dopo giorno rimaneva seduto e intagliava frecce”. Un giorno al trading post la vista dell’anziana Not-Glean-Nospah gli ricordò di un attacco degli ute al suo campo e di come con altri adolescenti si lanciò sulle loro tracce.
Verso il 1926, il caro amico della signora Wetherill lasciò questo mondo. “Per vent’anni ho conosciuto Wolfkiller, non l’ho mai visto arrabbiato o disturbato da nulla né l’ho mai sentito mentire una sola volta”, disse la Wetherill. “Ha vissuto la sua spiritualità ed ha continuato a lavorare fino alla fine. Un giorno riportò le pecore nel recinto nel tardo pomeriggio. Un’ora dopo, se ne andò. Morì come aveva vissuto, in silenzio ed in pace con il mondo”.

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.