L’Hubbell Trading Post

A cura di Angelo D’Ambra

Hubbell Trading Post (Hubbell è seduto)
Lorenzo Hubbel nacque nel 1853 a Pajarito, nel New Mexico. Era figlio di James Lawrence Hubbell, nativo del Vermont, i cui genitori erano inglesi, e Juliana Gutierrez, figlia di un’antica e orgogliosa famiglia pioniera spagnola. Visse tra i mormoni dello Utah da cui poi scappò in seguito ad una colluttazione, fu curato dai Paiute e poi finì a vivere tra gli Hopi. Prima di dedicarsi al commercio lavorò come traduttore per l’esercito e poi acquistò quello che sarebbe diventato l’Hubbell Trading Post nel 1878.
Il negozio si trovava lungo il Pueblo Colorado, un fiume vicino alla città di Ganado. Nei primi anni questo negozio fu noto come Pueblo Colorado Trading Post.


Il trading post

Quello di Hubbel è il più antico emporio di tessuti navajo. Oggi questo negozio è un po’ il cuore sociale e commerciale della nazione navajo. Gli indiani fanno miglia e miglia per arrivarvi e fare acquisti ed amicizie. Vi lavorano due tessitori navajo e ricreano le coperte antichi di Hubbel usando ordito di lana navajo e trame da matasse commerciali creando duplicati infiniti dei modelli di una volta. A Hubbel piaceva il rosso e così i tessitori insistono sul rosso spingendosi solo al bianco, grigio e nero. E fu così che nacque lo stile madre delle coperte navajo: il Ganado style…


Juan Lorenzo Hubbell

La stessa Ganado, all’arrivo di Hubbell si chiamava “Pueblo” e, per non confondersi con l’omonima località del Colorado, mutò il suo nome proprio su consiglio di Hubbell in memoria del capo navajo Ganado Mucho, grande amico del nostro commerciante.
Hubbel era anzitutto un amico dei navajo, certamente un uomo ambizioso, ma anche giusto, si racconta infatti che durante le crisi economiche sosteneva le famiglie navajo e continuava a pagare gli stessi salari alle tessitrici. Aiutò inoltre molti navajo a diventare economicamente autosufficienti mostrando loro gli schemi di coperte più appetibili sul mercato. “Nak’eznilih” ovvero Doppio Vetro – così lo chiamavano i navajo – non era solo un mercante, ma un cultore d’arte capace di intrattenere rapporti con presidenti americani, scienziati e filosofi. Era anche attivo nella scena politica dell’Arizona.


La coperta intessuta al trading post per Roosevelt

Addirittura Theodore Roosevelt fu ospite di Hubbell per una settimana, nel 1912, e con lui assistette alla Danza del Serpente degli Hopi. Più tardi i navajo gli donarono una bella coperta.
Per seguire la sua passione politica, che l’aveva condotto a diventare sceriffo della contea di Apache, Hubbel si affidò per un po’ di tempo alla collaborazione di Clinton Neal Cotton, altro commerciante fondamentale nella storia della tessitura, a cui è legato il “Gallup Throw Rug” e l’idea di convertire le coperte in tappeti. Così Hubbell, sgravato dai suoi impegni, divenne senatore dello stato. Con questa carica difese sempre gli allevatori di pecore ma non cessò di dedicarsi alla tessitura, impegnandosi  migliorare il design, la qualità, i colori delle coperte, divenendo così il commerciante più famoso del Southwest!


L’interno del trading post, com’è conservato oggi

Hubbell continuò a gestire l’emporio fino alla sua morte nel 1930. Il suo negozio divenne una mecca per turisti e viaggiatori del Southwest e passò poi ai suoi figli. E’ ancora aperto ed è un monumento storico nazionale.

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.