Autunno Cheyenne

A cura di Cristiano Sacco

I capi CheyenneLittle Wolf (Piccolo Lupo) e Dull Knife (Coltello Spuntato)
Nei primi giorni dell’aprile 1877, quasi mille Cheyenne settentrionali, stanchi, affamati e seminudi, erano giunti a Fort Robinson provenienti dalla regione dello Yellowstone, nel Nebraska nord-occidentale. Erano giunti fin lì per arrendersi all’Uomo Bianco confidando nelle sue false promesse di cibo e rifugio, addirittura anche di un’agenzia nel loro stesso territorio di caccia. Presto però si diffuse la notizia secondo la quale tutti i Cheyenne settentrionali avrebbero dovuto trasferirsi nel Territorio Indiano, in Oklahoma, per congiungersi ai Cheyenne meridionali già lì presenti, in modo di creare un’unica riserva in cui riunire tutti i Cheyenne.
Questo annuncio venne accolto dagli Indiani con vivo disappunto, si rifiutarono di partire e resistettero finché l’agente fece sapere che non avrebbe più distribuito razioni di cibo lì, nel Nebraska. Leggi il resto

Charles B. Gatewood, l’eroe dimenticato dell’Arizona

A cura di Omar Vicari

Charles B. Gatewood e gli scout Apache
Dal supplemento a Diana Armi n° 5 del maggio 1979 leggo un altro interessante articolo a firma di H. Chatfield su un personaggio che ha avuto una parte di primo piano sulla cattura di Geronimo. Circa centoventisette anni fa, in una calda mattina d’agosto, un giovane ufficiale degli Stati Uniti, accompagnato solo da due indiani della tribù Apache e da Tom Horn, capo degli esploratori, s’inoltrò a cavallo nell’ostile territorio degli Apaches con uno scopo ben preciso: convincere Geronimo e la sua banda ad arrendersi al gen. Nelson Miles.
Il giorno seguente, Geronimo con i suoi pochi seguaci iniziò il viaggio verso il luogo prestabilito per incontrarsi con Miles. Finalmente anche in Arizona la pace era ristabilita e la popolazione non sarebbe più vissuta sotto la minaccia costante della banda di Geronimo.
Ma il giovane ufficiale, che ebbe una parte così importante nelle vicende degli ultimi giorni di libertà dell’indiano più famoso d’America, fu presto dimenticato da tutti. Leggi il resto

Bakeitzogie, detto Dutchy

A cura di Paolo Brizzi

DutchySecondo Henry Daly, responsabile delle salmerie, Dutchy era un ubriacone, un ladro e un assassino. Invece Britton Davis scrisse: “Tra i miei scout Dutchy era così chiamato per il viso dall’aspetto tedesco e diventammo presto amici.”
Nel marzo 1880 Dutchy fu arruolato come scout a San Carlos diventando parte della compagnia del tenente Maney, di stanza a Fort Cummings.
Secondo il Tenente Hanna, Dutchy era un fratello di Chihuahua, anche se probabilmente era solo un suo parente. Altre 3 compagnie di scout furono impiegate nella campagna contro Victorio.
Il 7 Aprile ci fu lo scontro a Hembrillo Canyon; il 24 Maggio, sotto Henry K. Parker, gli scout sorpresero il campo degli ostili sul versante est della Black Range, si scontrarono con Victorio per tutta la giornata, ma poi dovettero ritirarsi per il bisogno di acqua. Dutchy fu congedato e subito riarruolato il 19 Settembre: una notte, ubriacatosi col mescal, minacciò gli altri scout con un coltello, prima di essere immobilizzato da Daly, Rowdy e Yuma Bill e messo in prigione. Leggi il resto

Frank Grouard, l’avventuriero che ingannò Toro Seduto

A cura di Anna Maria Paoluzzi

Un ritratto di Frank Grouard
Eccezionale e contraddittoria sono forse gli aggettivi che meglio definiscono la storia del West americano e che sono forse l’essenza dei suoi protagonisti, nelle cui personalità vediamo allo stesso tempo tratti di coraggio e lealtà, come di doppiezza e vigliaccheria.
Frank Grouard fu in questo senso un vero uomo del West. Di origine oscura, coraggioso fino alla temerarietà ma anche bugiardo e millantatore, divenne forse il più famoso scout nella storia delle guerre indiane degli anni Settanta, vicino a figure come Toro Seduto, George Crook e Cavallo Pazzo, nelle cui vicende ricoprì un ruolo chiave.
Le origini di Frank Grouard sono state per molto tempo oggetto di discussione: ritenuto inizialmente un mezzosangue Lakota, pare però ora accertato che fosse nato intorno al 1850 nell’arcipelago della Isole della Società, terzo figlio di un missionario mormone, Benjamin Grouard e di Nahina, una donna polinesiana. Leggi il resto

Ulzana

A cura di Gian Maria Tolu

Ulzana, grande guerriero Apache, è nato intorno al 1821 e morto il 21 dicembre 1909 nella riserva di Fort Sill, in Oklahoma.
Era fratello maggiore del capo Chihuahua; entrambi appartenevano a una banda di Chiricahua Chokonen, distinta da quella di Cochise, che viveva a nord del territorio del grande capo. La zona preferita da questa banda per vivere era il blue canyon.
Secondo Eugene Chihuahua, figlio del capo, al momento dell’elezione del capo della banda, i guerrieri in consiglio scelsero Chihuahua, sebbene Ulzana fosse più grande d’età e un ottimo guerriero. Egli comunque fu sempre fedele al fratello che lo scelse come suo secondo (una sorta di vice-capo tra i Chiricahua).
Ebbe 2 mogli e 7 figli dei quali solo due gli sopravvissero. Uno di questi era Richard Johlsanny, informatore di Eve ball, studiosa della tradizione orale Chiricahua. Leggi il resto

Standing Bear (Orso In Piedi) e i Ponca

A cura di Marco Villa

Standing Bear
Gli Stati Uniti avevano deciso anche per loro. Nella primavera del 1877, i Ponca, popolo pacifico che viveva lungo le rive del fiume Niobrara, doveva spostarsi nel Territorio Indiano, dove erano già state ammassate alcune grandi tribù come quella dei Cheyenne e degli Arapaho.
Per i Ponca era strana questa decisione, avevano vissuto in pace con i coloni bianchi che erano andati a vivere nei loro territori, secondo un trattato del 1858 col quale i Ponca rinunciavano ad una parte delle loro terre per avere l’assicurazione di vivere per sempre nella loro terra natale.
Ma non è stato così.
Nel 1868 le terre dei Ponca sono state inserite erroneamente tra le terre da destinare ai Sioux, e quest’ultimi andavano dai Ponca con richieste di pagamento in cavalli e con l’intento di scacciare gli invasori dalla loro terra. Leggi il resto

L’esempio di Orso in Piedi

A cura di Luca Barbieri

Orso in Piedi, Ponca
Nel gennaio del 1879 un mesto corteo funebre marciò malinconicamente per circa cinquanta giorni attraverso le vaste pianure del Nebraska e del Kansas, affrontando ogni genere di intemperie che il clima statunitense aveva da offrire: piogge torrenziali, sole cocente e turbini di vento. Il corteo era composto da sessantasei indiani della tribù dei Ponca ed era guidato dal loro capo, Orso in Piedi. Dentro la cassa di legno che i pellerossa portavano con loro giaceva il corpo dell’ultimo figlio del capo tribù. Prima di morire il giovane indiano aveva espresso il desiderio di essere sepolto nell’antico cimitero della sua gente, vicino al corso del fiume Niobrara, insieme ai suoi antenati: erano state queste le sue ultime volontà. Orso in Piedi, con la morte nel cuore, le aveva rispettate; l’esercito americano, di fronte a un gesto tanto compassionevole di un padre nei confronti del figlio, aveva fatto quello che reputava giusto: arrestare il capo indiano e rinchiuderlo con la sua gente nelle prigioni di Fort Omaha. Non era certo la prima volta che i soldati americani mostravano un comportamento del tutto privo di comprensione umana nei confronti degli indiani, né sarebbe stata l’ultima. Leggi il resto

La campagna del Tonto Basin

A cura di Gian Maria Tolu

La storia della Campagna del Tonto Basin è indubbiamente interessante, perché descrive quale fu il traumatico scontro tra tribù native che avevano avuto pochi contatti con i bianchi e l’esercito degli Stati Uniti; inoltre, in questa vicenda, furono utilizzati alcuni accorgimenti strategici che vennero poi presi a modello dalle truppe USA, nelle successive guerre contro i Nativi e anche oltre. Ecco come si svolsero i fatti.
La Tribù dei Tonto era divisa in due gruppi, i Tonto del Nord (divisi nelle bande del Mormon Lake, di Fossil Creek, di Bald Mountain e degli Oak Creek) e Tonto del Sud (banda Matzatzal e 6 semibande).
Il termine Tontos fu affibbiato a questi indiani dagli spagnoli, a causa della loro presunta imbecillità (Tontos significa sciocchi), sulla base della denominazione data loro dagli altri apache, che consideravano questi loro parenti come stupidi. Leggi il resto

« Pagina precedente