La frontiera delle praterie e la guerra delle pianure meridionali

A cura di Matteo Pastore

L’attacco indiano al Warren Wagon Train
Secondo i calcoli storici, i campi ondulati e i pascoli tra la West Fork del fiume Trinity e la Clear Fork dei Brazos abbracciano il territorio più pericoloso del nord del Texas. Il viaggiatore da Jacksboro a Throckmorton non deve deviare lontano dalla US Highway 380 per scoprire perché. Le intestazioni sui marcatori storici statali raccontano la storia: il Massacro del Warren Wagon Train, la lotta indiana di Little Salt Creek, il “Grave of Negro Frontiersman Britt Johnson” e il Raid indiano su Elm Creek.
Un viaggio di meno di 150 miglia porterà il viaggiatore sulle prove di una lotta di 30 anni in questo paese. I forti Belknap e Phantom Hill, insieme a Camp Cooper, rappresentano i tentativi dell’esercito americano di proteggere gli insediamenti bianchi dalle incursioni indiane e di contenere le bande ostili nelle riserve del Texas.
I forti Richardson e Griffin testimoniano la soluzione definitiva dell’esercito al problema delle relazioni tra indiani e i coloni nella frontiera nord-occidentale del Texas.
Quest’area dell’odierno stato del Texas comprendeva la porzione più orientale della presenza dei bisonti della Pianura meridionale. Nella preistoria, era stato una sorta di crocevia per pianure e popolazioni, e all’inizio del 1800 si potevano incontrare Comanche, Wichita e Caddo. A metà del secolo erano presenti un certo numero di bande Comanche.


L’assalto ad una carovana di passaggio nelle pianure

I Nokoni controllavano la regione tra il fiume Brazos e il Red. Il loro capo era chiamato Peta Nocona dagli anglo-texani. Essi erano tra le più nomadi tribù dei Comanche e dopo la morte di Peta divennero noti come “The Wanderers” (i vagabondi).
Più a nord c’erano le terre della tribù dei Kotsoteka, che preferivano le terre prosciugate di un fiume originario del Canada. Più lontano vi erano gli Yamparika, i cui villaggi di solito si trovavano tra il fiume canadese e l’Arkansas nell’ area sud-occidentale dell’odierno Kansas.
All’inizio del 1800, i Comanche avevano stretto una forte alleanza con i Kiowa, con i quale condividevano la spartizione dei bisonti. Sebbene numericamente più deboli dei Comanche, i Kiowa erano più feroci e brutali nelle razzie.
I primi insediamenti bianchi nacquero nei pressi dei fiumi Trinity e Brazos nei primi anni del 1840. Nel 1841 Edward H. Tarrant condusse una compagnia di miliziani contro gli insediamenti di Caddo, Cherokee e Tonkawa presso un’area denominata Village Creek. Gli attaccanti, sebbene più numerosi, si ritirarono dopo aver inflitto e subito lievi vittime, ma quando Tarrant e una forza maggiore tornarono pochi mesi dopo, i villaggi erano stati abbandonati.
In quell’anno, la Repubblica del Texas, ricca di terre ma povera di denaro, autorizzò una serie di accordi per aumentare l’immigrazione. Uno dei beneficiari delle nuove concessioni di terreni era William S. Peters, che inizialmente si era impegnato a far insediare 200 famiglie in un’area prosciugata del Trinity superiore. Mentre gli insediamenti dei coloni si spostavano nelle praterie, dopo la fine della guerra Americano- Messicana, la frontiera nord-occidentale del Texas era particolarmente vulnerabile alle bande della Comanche e dei Kiowa. Con la guerra conclusa, l’esercito fu incaricato di proteggere una vasta area di nuovi territori mentre i politici del Texas cercarono di organizzare un piano difensivo per difendere i nuovi insediamenti.


Guerrieri indiani inseguiti dai soldati dopo un raid

Nel 1849, una compagnia del 2° Reggimento di Cavalleria (tutt’ora esistente) stabilì una postazione difensiva sulla West Fork del fiume Trinity. Fu chiamato Fort Worth, in onore del maggiore generale William Jenkins Worth, comandante dell’ottavo dipartimento militare (in seguito, dipartimento del Texas). Fino al suo abbandono nel 1853, Fort Worth era un anello di una catena di forti che includeva Fort Graham e Fort Gates
nella regione settentrionale della prateria, e si estendeva a sud degli insediamenti di immigrati alsaziani e tedeschi a ovest di San Antonio.
Il concetto della linea difensiva del 1849 fu fatalmente imperfetto. I posti erano troppo vicini agli insediamenti e presidiati principalmente dalla fanteria che non aveva la capacità di intercettare i predoni Comanche e Kiowa in arrivo o di perseguirli efficacemente. La risposta dell’esercito a questo problema fu una nuova linea difensiva. Il Capitano dell’esercito Randolph B. Marcy era stato inviato per creare una rotta militare diretta da Fort Smith, Arkansas, a Santa Fe. La sua rotta di ritorno attraversò le praterie del Texas occidentale e nel 1851 quella rotta ispirò una nuova linea di forti.
Il più settentrionale di questi era Fort Belknap, a circa 80 miglia a nord-ovest di Fort Worth sul fiume Brazos. Circa 80 miglia a sud-ovest di Belknap, appena a nord dell’odierna Abilene, era un posto sulla Clear Fork of the Brazos, conosciuta ufficiosamente come Fort Phantom Hill. A sud-ovest fu fondato il Fort Chadbourne sulle rive del fiume Colorado.


Soldati in uscita da un forte di frontiera per una missione

Nessuna di queste linee fortificate infastidivano le popolazioni di Comanche e Kiowa. Nei luoghi precedentemente menzionati, durante gli anni 1848-1855, furono combattuti solo due scontri con gli indiani. Uno di questi fu un attacco contro i soldati a Fort Chadbourne. Phantom Hill, a causa della mancanza di legname adeguato alla sua manutenzione e l’assenza di acqua potabile, fu presto abbandonato. Fort Belknap fu retrocesso come forte per come postazione di controllo delle riserve che lo stato aveva creato per alcuni nativi.
Nel 1854 fu autorizzata la creazione di due riserve: una nei pressi del fiume Brazos sotto Fort Belknap e l’altra, la “Riserva Superiore”, sulla Clear Fork. La riserva di Brazos ospitava circa 1.000 indiani Anadarko, Caddo, Tawakoni, Tonkawa e Waco. La Riserva Superiore ne “ospitava” solo circa 450. Il compito dell’esercito era di mantenere questi indiani nelle loro riserve e di tenere lontani i coloni bianchi.
Albert Sidney Johnston
Tuttavia, i forti della regione, presero un nuovo ruolo. L’arrivo della Seconda divisione di Cavalleria alla fine del 1855 presagì un drammatico cambiamento nella strategia militare. Il suo comandante era il colonnello Albert Sidney Johnston, un veterano di numerose campagne indiane ed ex segretario alla guerra della Repubblica del Texas. Il futuro generale confederato Robert E. Lee era il suo secondo in comando.
Le compagnie della cavalleria furono stanziate lungo un’area che delimitava la “seconda linea” delle fortezze. In verità furono collocati il più vicino possibile agli insediamenti in cui il grano per gli animali del reggimento era più disponibile e i soldati non potevano farsi mancare nulla durate le licenze. Lee, era effettivamente al comando per gran parte della missione del reggimento in Texas, prese la stazione a Camp Cooper vicino alla Riserva Superiore. La maggior parte dei forti della “seconda linea” divennero poi bivacchi e punti di rifornimento per le truppe che cercavano i nativi oltre ad intercettare ed eliminare i predoni che potevano trovare.
Un altro cambiamento strategico fu il metodo di colpire i nativi senza. La più ambiziosa di queste campagne seguì il modello di ranger del Texas. Nella primavera del 1858, il veterano degli scontri con i nativi, John S. “Rip” Ford, ricevette un incarico governativo molto particolare come “capitano anziano al comando della frontiera del Texas”.


Un ritratto di John S. “Rip” Ford

Con un centinaio di rangers e l’agente Shapley Ross con alcuni membri della Polizia Indiana, Ford attaccò il campo dei Kotsoteka (nelle Antelope Hills) nel Territorio Indiano. Iron Jacket e altri 75 Comanche furono uccisi dalla forza d’attacco. Altri nativi furono catturati, principalmente donne e bambini, oltre a circa 300 cavalli mentre il villaggio fu raso al suolo.
Quattro mesi dopo il ritorno di Ford, una forza del 2° Cavalleria del capitano Earl Van Dorn si trasferì nel territorio indiano con un distaccamento della 1° Fanteria e 60 ausiliari indiani dall’agenzia Brazos. Gli indiani erano guidati dal figlio ventenne dell’agente, Lawrence S. “Sul” Ross. Successivamente si accamparono vicino a un villaggio di Wichita nella valle di Rush Creek. Van Dorn colpì il campo di Comanche all’alba. Il combattimento durò per più di un’ora fino a quando i Comanche sopravvissuti fuggirono. Van Dorn perse un ufficiale e quattro uomini. Lui, Ross e altri nove furono gravemente feriti.
Nella primavera del 1859, Van Dorn guidò una nuova spedizione oltre il Red River, questa volta attaccò un villaggio di Kotsoteka a Crooked Creek, nell’odierno Kansas. L’ufficiale perse numerosi uomini contando specialmente i feriti. Nessuno dei Comanches fuggì; 50 furono uccisi, 50 vennero feriti gravemente e 37 (di cui 32 donne) furono catturati.
L’aggressività dell’esercito non impedì ai Comanches e ai Kiowa di razziare varie aree del Texas. Ma alla vigilia della Guerra Civile, l’esercito e rangers del Texas stavano prendendo il sopravvento sui nativi. A metà dicembre del 1860, la compagnia di rangers di Sul Ross si unì a un distaccamento della 2° Cavalleria per attaccare un campo di Comanche vicino al fiume Pease. Gli abitanti del villaggio catturati includevano Cynthia Ann Parker (la moglie bianca del capo nonché sua prigioniera dall’età di dieci anni) e sua figlia. Ross riferì che il capo, Peta Nocona, era tra i quattordici morti. Sebbene suo figlio, Quanah, abbia contestato tale affermazione, le prove suggeriscono che Peta morì in quel momento, a causa delle ferite riportate.
Una delle ultime grandi imprese del 2° Cavalleria fu quella di aiutare a rilocare i nativi nelle riserve del Texas dai loro villaggi del Territorio Indiano. Sin dall’inizio, i coloni bianchi erano interessati alle terre delle riserve. Le incursioni ai Comanche e ai Kiowa, così come i furti perpetrati dai bianchi, furono attribuiti agli indiani delle riserve. Per le tribù che vivevano nella Riserva di Brazos – specialmente i Tonkawa – fu una grande offesa, poiché probabilmente erano innocenti della maggior parte delle accuse e avevano servito come esploratori e guerrieri con i rangers e l’esercito.


Guerrieri Comanche e Kiowa

Gli attacchi alle riserve aumentarono e nel 1859 l’agente Robert Neighbors riuscì a ottenere nuove terre a nord del Red River. Il maggiore George Thomas del 2° Cavalleria guidò una missione dell’esercito che accompagnò gli indiani nei loro viaggi. Le autorità del Texas erano così ansiose di lasciar partire gli indiani che, nell’improvvisa partenza, furono costretti a lasciare indietro la maggior parte dei loro averi.
La Secessione e la Guerra Civile misero i coloni di frontiera in grave difficoltà e dovettero sopravvivere solo con le proprie risorse e metodi non sempre raffinati. Gli sforzi dello Stato, come l’istituzione di un reggimento di frontiera e l’organizzazione dei coloni di frontiera in milizie, furono significativi ma non abbastanza per proteggere i coloni dai predoni nativi Alla fine della guerra, gli insediamenti cercarono l’aiuto delle contee vicine o più sviluppate. Successivamente, con l’interruzione dei fondi statali agli stati del sud come punizione iniziale della Secessione e del conflitto, durante il periodo di ricostruzione la frontiera iniziò a spopolarsi. Nell’ottobre 1864, il raid ad Elm Creek, fu tipico evento di quegli anni. Un gruppo di Kiowa e Comanche di circa in 700 guerrieri assalì una serie di fattorie lungo Elm Creek vicino alla sua confluenza con il fiume Brazos. Undici coloni – uomini, donne e bambini, sia bianchi che neri – furono uccisi e sette donne e bambini, tra cui la moglie e due dei figli del colono e futuro allevatore nero Britton Johnson, furono catturati. Undici case vennero saccheggiate o bruciate. I predoni sfuggirono all’inseguimento e tornarono nel Territorio Indiano.


Britton Johnson, il cowboy di colore

Johnson fece quattro viaggi nella Comancheria (territorio dei Comanche) per recuperare ciò che restava della sua famiglia (i nativi avevano ucciso suo figlio maggiore durante il raid).
Da una raccolta di notizie di alcune contee si notò che 163 coloni uccisi venero uccisi dai nativi oltre ai feriti e più di quaranta furono rapiti tra l’estate del 1865 e 1867.
Sebbene, in Texas, vennero inviate numerose divisioni dell’esercito Unionista (specialmente a causa della guerra), l’esercito americano era lento nell’ occuparsi della situazione della frontiera per tutta la durata della seconda metà del 1865 e 1866.
Un anno dopo, il 6° Cavalleria si stabilì a Fort Griffin. I vari forti furono inizialmente presidiati principalmente dalle divisioni di cavalleria. Le compagnie di fanteria furono aggiunte nel 1869 e le compagnie del 4° Cavalleria arrivarono nel 1870.
In quell’anno, una compagnia di 60 uomini attaccò il campo di Kicking Bird dei Kiowa, ma si ritrovò rapidamente in svantaggio e fu costretto ritirarsi dopo un combattimento di sei ore. L’esercito assegno diciotto Medaglie d’Onore del Congresso per questa azione.
L’esercito inviato in Texas nel dopoguerra non era libero di muoversi come le compagnie del 2°Cavalleria poiché doveva attenersi ai trattati del 1867 (Medicine Lodge) e alla “Politica di Pace” promossa dal presidente Grant. I trattati prevedevano che Comanche e Kiowa venissero rilocati in una riserva combinata nell’area sud-occidentale del Territorio Indiano, appena a nord del Red River. Il governo degli Stati Uniti doveva fornire loro razioni e altri beni di prima necessità e potevano lasciare la riserva solo per cacciare i bufali. L’esercito aveva l’autorità di imporre queste norme ma solo con i capi che avevano firmato il trattato.


Il Trattato di Medicine Lodge (1867)

La situazione cambiò radicalmente nel 1871. Mentre i raid contro gli insediamenti nelTexas continuavano senza sosta, i politici locali si lamentarono con l’amministrazione Grant. Nessun viaggiatore, colono o proprietario terriero nella prateria nordoccidentale era al sicuro. A gennaio 1871, circa venticinque Kiowa tesero un’imboscata a Britton Johnson e ad altri tre mercanti neri. Chi ritrovò i loro corpi riferì di averli trovati mutilati oltre a quasi duecento proiettili sparati contro l’abitazione dei tre uomini.
William T. Sherman, comandante generale dell’esercito, iniziò un giro di ispezione attraverso la frontiera del Texas in primavera, sulla nuova “linea” di fortezze: McKavett e Concho sull’altopiano di Edwards, Griffin e Richardson nella prateria settentrionale. Era accompagnato dal colonnello Randolph Marcy che, il 17 maggio, scrisse nel suo diario che il “paese delle pianure” non contava tanti coloni bianchi come quando era stato lì per l’ultima volta nel 1853.
Il giorno dopo l’entrata di Marcy, più di 100 indiani, in gran parte Kiowa guidati da Satanta, Satank e Big Tree, lasciarono che il gruppo di Sherman passasse senza problemi la prateria di Little Salt Creek, quindi attaccarono un treno di proprietà del mercante Henry Warren. Il comandante del treno e cinque uomini furono uccisi, un sesto venne torturato a morte e pochi riuscirono a fuggire. Uno dei fuggiaschi raggiunse Fort Richardson e raccontò l’accaduto a Sherman e al colonnello Ranald S. Mackenzie, il nuovo comandante. Sherman inviò Mackenzie alla ricerca dei predoni, quindi proseguì per Fort Sill, verso la riserva di Comanche- Kiowa, dove l’agente indiano Lawrie Tatum espresse la sua preoccupazione per i saccheggi in Texas.
Il colonnello Ranald S. Mackenzie
Dopo uno scontro intenso, in cui il comandante del 10°Cavalleria Benjamin Grierson salvò Sherman da un proiettile di Kiowa, Satanta, Satank e Big Tree furono arrestati. Mackenzie arrivò poco dopo per riferire che gli altri nativi erano scomparsi.
I tre leader Kiowa furono trasferiti a Jacksboro per essere processati con le accuse di omicidio e furto. Mentre era in viaggio, Satanta riuscì a ferire gravemente una guardia,e cercò di scappare ma venne subito catturato. Satanta e Big Tree furono processati ed entrambi furono condannati all’impiccagione. A causa della “Politica di Pace” il governatore per la ricostruzione Edmund J. Davis commutò le sentenze in ergastolo. Satanta si suicidò ad Huntsville nel 1878 gettandosi dalla finestra dell’ospedale carcerario.
Il significato degli eventi nella prateria di Little Salt Creek – “la prateria più pericolosa del Texas” – segnarono ll’inizio della fine della politica di pace. Sherman inviò Mackenzie in una serie di spedizioni verso il Llano Estacado. I Quahadi e i Kotsoteka furono uccisi o allontanati dai loro campi e, cosa ancora più importante, Mackenzie mappò le pianure e i canyon dei Caprock.
Le spedizioni di Mackenzie non portarono progressi significativi nel Territorio Indiano ma causarono la morte di numerosi nativi, la distruzione e la devastazione dei loro villaggi.
L’unico risultato ottenuto fu che numerose tribù Comanche e Kiowa vennero internate nelle riserve entro la fine del 1875. In seguito, in Texas, si verificarono solo sporadici combattimenti tra i soldati dell’esercito americano e gli indiani del nord. L’esercito abbandonò Fort Richardson nel 1878 e Fort Griffin nel 1881 terminando così la guerra per le pianure meridionali.

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.