La ballata di Colton Red

La copertina del libro
Cari appassionati di storia del west, oggi vi segnaliamo l’uscita di un nuovo romanzo del nostro genere preferito… il western. Quello che vi proponiamo è scritto a quattro mani (o forse dovremmo dire a quattro Colt!) dal nostro Gian Mario Mollar, grande talento ben noto a tutti voi che ci leggete qui e altrove, e dal giovane e validissimo sceneggiatore Marcello Bondi. Stiamo parlando de “La ballata di Colton Red”, edita da I Buoni Cugini Editori.
La storia è una vera e propria “spremuta” di western, centocinquanta pagine che si buttano giù tutte d’un fiato come un bicchiere di bruciabudella: all’interno troverete sparatorie, assalti alla diligenza, galoppate a rotta di collo, Apache sul piede di guerra, strade polverose e tramonti mozzafiato.
Protagonista della vicenda è Colton Red, un giovane cowboy che doma cavalli al Sunrise Ranch, al confine tra Texas e Messico.
Un giorno, il ragazzo viene ingiustamente accusato di aver ucciso il proprietario del ranch e per lui inizierà l’inferno, una pista di vendetta, ma anche di amore, che lo porterà prima in un villaggio apache e poi nel torrido Messico, dove dovrà affrontare pericolosi banditi.
Una trama classica, insomma, ma sviluppata con uno stile epico e scattante, che riporta in mente i fumetti Bonelli e gli spaghetti western, rievocati dalla bella copertina illustrata da Niccolò Pizzorno.

L’INTERVISTA AGLI AUTORI

Prima di lanciarci a briglia sciolta nella lettura, facciamo alcune domande agli autori.
DOMANDA: Marcello Bondi, a chi ti sei ispirato per inventare il personaggio di Colton Red e la sua storia?
RISPOSTA: L’idea per questa storia è nata da una richiesta di un disegnatore con cui ero in contatto nel 2014. In quegli anni muovevo i primi passi nel mondo del fumetto, dovevo farmi le ossa e non avevo ancora capito tante cose delle fasi produttive. Questo disegnatore mi chiedeva una storia con protagonista un uomo costretto a fuggire dalla civiltà e rifugiarsi tra un popolo indigeno… o quasi. Io sono sempre stato un accanito lettore di Tex dai miei 11 anni e ho sempre amato l’ambientazione western, così mi è venuto naturale pensare una storia ambientata nel Far West. Come dicevo, eravamo nel 2014. L’anno prima, per il mio diciottesimo compleanno, avevo ricevuto in regalo tutta la “Collezione Storica A Colori” di Tex, e in quel periodo mi stavo rileggendo tutta la saga del ranger. Quindi mi è venuto ancor più naturale ispirarmi a Tex per il personaggio di Colton, lasciandolo però un po’ più umano: al contrario di Tex, Colton sbaglia, si fida delle persone sbagliate, è sempre propenso a vedere il buono nelle persone, non “fiuta” i pericoli in anticipo… finché qualcosa non lo porterà a cambiare… ma non facciamo spoiler! Per il resto, ho voluto creare una storia western classica, quel western che mi piaceva e mi piace ancora molto e dal quale penso si possa sempre attingere per creare delle belle trame intense. Purtroppo, il fatto di aver scritto ben 350 pagine di sceneggiatura per un fumetto, misero in crisi lo stesso disegnatore che mi aveva chiesto la storia. Così mi sono ritrovato con una sceneggiatura completa, e sulla quale avevo speso settimane e molte ore di lavoro, senza la possibilità di farla venire alla luce. In questi anni la storia di Colton Red è sempre stata un cruccio per me… ogni volta che mi tornava alla mente, mi intristivo e mi innervosivo ripensando al fatto che probabilmente nessuno l’avrebbe mai letta. Poi, fortunatamente, è arrivano Gian Mario.
DOMANDA: Gian Mario Mollar, qui a Farwest.it abbiamo imparato a conoscerti attraverso i tuoi articoli sul West misterioso e insolito. Che cosa ti ha spinto in questa nuova avventura?
RISPOSTA: Quando Marcello mi ha proposto di scrivere un romanzo su una sua sceneggiatura ho esitato. Da tempo scrivo saggi e articoli, ma il mondo della narrativa è diverso. Poi, però, ho deciso di mettermi alla prova ed è stato divertente e quasi naturale, perché sono davvero entrato nella storia. Nello scrivere ho messo tutta la mia passione per il western, un “hobby” che mi accompagna fin dall’infanzia. La ballata di Colton Red è una sorta di distillato delle tonnellate di romanzi Longanesi e fumetti che mi hanno fatto compagnia per tutta la vita. Qua e là troverete dei “camei” e delle citazioni più o meno nascoste, ma lascio a voi il piacere di scoprirle. In generale, mi sono divertito a giocare con le metafore ma ho anche cercato un ritmo sostenuto, pieno di azione… proprio come un fumetto. Spero che i lettori si divertano almeno quanto io mi sono divertito a scrivere e immaginare!
Vi aspetta una bella cavalcata nel West! Per rendere il tutto ancora più coinvolgente, all’interno del libro c’è un codice QR che vi permetterà di ascoltare una colonna sonora appositamente pensata per accompagnare la lettura.

TITOLO: La ballata di Colton Red
AUTORE: Gian Mario Mollar e Marcello Bondi
EDITORE: I Buoni Cugini Editori
RILEGATURA: brossura leggera
PAGINE: 150
PREZZO: 14,2 €

LINK PER L’ACQUISTO:
1) AMAZON (CLICCA QUI!)
1) IBS (CLICCA QUI!)
1) I BUONI CUGINI EDITORI (CLICCA QUI!)

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.