Storia di una pistola

A cura di Omar Vicari

Colt 1873 da cavalleria donata da Harry Carey
Dal supplemento a Diana Armi n° 5 del maggio 1979 leggo un interessante articolo a firma di Helen Dubrownik, al tempo residente in Svizzera ed esperta di armi americane.
Alla studiosa in questione fu chiesto dalla polizia svizzera un parere su una rivoltella la cui classificazione ai fini giuridici non era del tutto chiara. La domanda era se si trattava di un pezzo di antiquariato, secondo quanto definito dalla legge svizzera e quindi non soggetto a controlli, oppure se di un’arma moderna che necessitava di una licenza. In entrambi i casi si voleva sapere se fosse un oggetto storico di sufficiente importanza per meritare un trattamento speciale.
L’arma in questione era una normale rivoltella Colt 1873 militare, calibro .45, punzonata “US”, in buone condizioni, matricola 112006, anno di fabbricazione 1884, che portava sulla guancetta sinistra una targhetta d’argento tenuta con tre viti ed incisa con la dicitura “Presented to Hon. Charles Evans Hughes by Harry Carey, First to limit armament. Nov. 12- 1921”. Leggi il resto