I viaggi di padre Marquette e Louis Joliet

A cura di Pietro Costantini

Il 17 maggio 1673 due canoe di corteccia di betulla che trasportavano sette Francesi lasciarono la missione gesuita a Michilimackinac, quella che oggi è St. Ignace, nel Michigan, imbarcandosi in quello che sarebbe diventato uno dei più grandi viaggi di scoperta della storia americana. Il loro pericoloso viaggio di duemila miglia attraverso l’interno del Nord America avrebbe portato gli esploratori a imparare la sua geografia e a visitare i suoi Nativi.
La spedizione fu organizzata su richiesta di Louis de Frontenac, il governatore della Nuova Francia. I preparativi durarono per tutto l’inverno con l’aiuto di indiani nomadi che permisero di disegnare le prime mappe.
A guidare la spedizione c’erano due uomini i cui nomi sono indelebili nella storia antica degli stati occidentali dei Grandi Laghi e della Valle del Mississippi: il commerciante di pellicce di origine canadese Louis Jolliet e il missionario gesuita Jacques Marquette. Sebbene fossero entrambi assegnati alla stessa spedizione, gli obiettivi per i quali erano stati incaricati erano molto diversi.
Louis Jolliet era nato vicino a Quebec nel 1645. Non si sa molto dei suoi primi anni di vita. Ha perso suo padre quando aveva cinque anni e un patrigno quattro anni dopo. Entrò nel collegio gesuita del Québec all’età di undici anni, con l’intenzione di dedicarsi al sacerdozio. Al college Jolliet si interessò alla musica, suonando l’organo nella chiesa del Quebec “per molti anni”. Il censimento del Canada del 1666 elenca il futuro esploratore come un clercq d’esglise (un chierico della chiesa). Forse avendo ripensamenti sul sacerdozio, Jolliet lasciò il seminario e salpò per la Francia nel 1667, dove visse a Parigi e La Rochelle, iniziando una carriera nel mondo degli affari. Tornò nel Qubec l’anno seguente, con l’intenzione di commerciare con gli indiani Algonchini. Jolliet acquistò una grande scorta di beni commerciali da suo zio Charles Aubert de La Chesnaye. Ciò che Jolliet fece con la merce non è noto. Sembra che Louis abbia viaggiato per la prima volta nel paese occidentale dei Grandi Laghi durante l’autunno del 1670. Documenti d’epoca lo collocano al suo posto commerciale a Sault S.te Marie nel giugno 1671. Tornò nel Basso Canada poco dopo. Lì fu notato dal magistrato Jean Talon, i cui scopi erano allora quelli di sviluppare la colonia francese attraverso un’alleanza con gli Indiani della regione del Mississippi. Quest’ultimo decise di affidare questo tentativo a Louis Jolliet, conoscendo il suo gusto per l’avventura e associò padre Marquette a lui a causa della sua conoscenza delle lingue indiane.


Un murale di Louis Jolliet adorna lo Starved Rock State Park Visitor Center di Utica, Illinois. Per gentile concessione di Mark Walczynski.

Al contrario, Marquette era nato in una famiglia importante di Laon, in Francia. Entrò nella scuola gesuita all’età di 9 anni, conseguendo infine una laurea e un master. La sua educazione comprendeva materie come la filosofia, che all’epoca includeva logica, metafisica e matematica. Insegnò anche in diverse università gesuite. La formazione teologica di Marquette sembra essere arrivata più tardi nella sua carriera accademica. Lasciò La Rochelle nel 1666 diretto a Quebec e fu inviato a Trois-Rivières, dove iniziò a imparare le lingue indiane. Partì due anni dopo per unirsi a padre Claude Dablon a Sault Sainte Marie, da cui dipendevano circa 2000 indiani Algonchini prima di fondare la propria missione sullo stretto di Mackinac (St Ignace) tra il lago Huron e il lago Michigan.
Il primo incarico missionario di Marquette fu a Sault S.te Marie nel 1668, insegnando e predicando agli Odawa, agli Ojibwe e ad altri gruppi nativi nei loro villaggi estivi con il collega gesuita Claude-Jean Allouez. Nel settembre del 1669 iniziò il suo successivo incarico sul campo, presso la Mission du Saint Esprit, nota anche come La Pointe, un insieme di circa dodici tribù che vivevano in campi invernali vicino a Chequamegon Bay, sulla riva sud del Lago Superiore vicino all’odierna Ashland, nel Wisconsin. In questa missione Marquette, come il suo predecessore Allouez, incontrò gli Indiani dell’Illinois. Lasciarono una certa impressione su entrambi i missionari che riferirono che l’Illinois era affabile, sembrava desideroso di istruzione nella fede cattolica e viveva in grandi villaggi agricoli semi-permanenti. Sostenevano anche che un grande fiume, il Mississippi, attraversasse le loro terre. Per comunicare con gli Illinois entrambi i missionari iniziarono a imparare i fondamenti della lingua Miami-Illinois. Marquette pianificò di recarsi nel paese degli Illinois nel 1671 per visitare i loro villaggi, incontrare il popolo e muovere i primi passi nell’apertura di un nuovo campo di missione tra le tribù di lingua Miami-Illinois. Tuttavia, scoppiò una guerra tra le tribù di La Pointe e i Sioux, che costrinse le ex tribù a disperdersi. Il viaggio di Marquette nel paese dell’Illinois sarebbe stato sospeso. Lasciò l’area di Chequamegon e si trasferì con i suoi convertiti Odawa e Wendat in una nuova missione, St. Ignace, a Michilimackinac.
Marquette serviva diligentemente le tribù nella sua missione quando, senza preavviso, Jolliet arrivò l’8 dicembre 1672. Jolliet portava degli ordini che imponevano a Marquette di accompagnarlo nel Mississippi e oltre. I due uomini trascorsero l’inverno preparandosi per il loro viaggio, facendo pressione sui membri delle tribù locali per ottenere informazioni sulle terre lontane e persino disegnando una mappa approssimativa basata sulle informazioni raccolte da loro. Poco prima di partire prepararono le loro attrezzature e prepararono il cibo, principalmente mais indiano mescolato con piccoli pezzi di carne per il lungo viaggio.
Il compito di Jolliet era quello di “scoprire nuovi paesi”, come scrisse Marquette. Più specificamente doveva scoprire dove scorreva il misterioso Mississippi. Si scaricava nel mare occidentale in California, nel Golfo del Messico o in Virginia? Un altro compito era quello di determinare se il fiume, noto agli Irochesi come Ohio, fosse lo stesso fiume che gli Algonchini chiamavano “Mitchisipi”? Inoltre, Louis doveva finanziare la spedizione da solo. Il ruolo di Marquette era più sfumato. Avrebbe funzionato come guida gesuita, un compito per il quale era adatto. Secondo quanto riferito, conosceva diversi dialetti nativi americani, tra cui quello dei Miami-Illinois. Marquette conosceva anche la cartografia. I documenti indicano che aiutò Allouez a raccogliere informazioni per l’ormai famosa carta del 1669 intitolata Lac Tracy ou Superieur avec les dependances de la Mission du Saint Esprit (“Mappa che illustra le dipendenze della missione di Saint Esprit”). Lac Tracy era il nome dato al Lago Superiore dai Francesi durante gli anni 1660, dal nome del tenente generale della Nuova Francia, Alexandre de Prouville de Tracy. Il missionario pianificò di cercare i villaggi dei Nativi americani, registrare le loro informazioni demografiche e disegnare una mappa che illustrasse la posizione di ogni villaggio. Con questi obiettivi in mente, l’equipaggio lasciò Michilimackinac e pagaiò con le sue canoe verso il Mississippi.
Il gruppo di esploratori costeggiava la sponda occidentale del Lac des Ilinois, l’odierno lago Michigan, ed entrò nella Baie des Puans, l’attuale Green Bay. Il primo gruppo nativo che i francesi incontrarono fu il Folle Avoine, il “Popolo del riso selvatico”, noto anche come Menominee. Marquette registrò come raccoglievano, essiccavano e preparavano il grano per il consumo. Marquette notò anche che i Menominee tentarono di dissuaderli dal continuare il loro viaggio, avvertendo i Francesi di molti pericoli, di tribù che avrebbero “rotto loro la testa” e di “orribili mostri” che avrebbero divorato loro e le loro canoe. Il missionario ringraziò i Menominee per la loro preoccupazione, ma disse loro che la salvezza delle anime era più importante della propria sicurezza personale.


Incontro di Jacques Marquette con alcuni membri delle tribù dell’Illinois a La Pointe

Il gruppo continuò il suo viaggio entrando nel fiume Fox e, poco dopo, incontrando le rapide vicino all’attuale De Pere, nel Wisconsin. Probabilmente per aggirare la cascate, il gruppo continuò su per il Fox, fermandosi in un villaggio di indiani Mascouten, noti anche come “Nazione del Fuoco”, un sito che presumibilmente si trovava vicino all’odierna Berlin, nel Wisconsin. Marquette notò che oltre ai Mascouten, alcuni Miami e Kickapoo vivevano nel sito. Sia Marquette che Jolliet parlarono con gli anziani della tribù in un consiglio. Oltre a spiegare il motivo della loro visita, i due esploratori chiesero delle guide per scortarli a monte, fino al passaggio attraverso cui l’equipaggio francese sperava di portare le canoe al fiume Wisconsin. Sebbene il villaggio dei Mascouten non fosse così lontano dal “portage” per il Wisconsin, le numerose paludi, laghi e corsi d’acqua che fanno parte del bacino del fiume Fox potevano rendere difficile trovare il punto del passaggio. Due bande di Miami furono incaricate di scortare i Francesi a monte.
Dopo aver raggiunto il portage, le guide di Miami tornarono al loro villaggio, lasciando il gruppo francese a badare a se stesso. Marquette notò che il suo gruppo aveva raggiunto uno spartiacque continentale, dove le acque scorrevano verso sud, non a est e verso l’Atlantico. Dopo aver trasportato le canoe e le attrezzature attraverso il portage di 2.700 gradini, situato nell’odierna Portage, nel Wisconsin, il gruppo condusse le canoe lungo il fiume Wisconsin e nel Mississippi. Raggiunto il Mississippi il 17 giugno, Marquette scrisse della grande gioia che provò nel vedere questo grande fiume, la strada per il paese dell’Illinois e, infine, il mare.
Il gruppo francese usufruì di un viaggio senza eventi lungo il Grande Fiume. Il missionario notò le varie specie di fauna selvatica che incontrarono, tra cui bisonti, cervi e uccelli acquatici, e descrisse il paesaggio, le isole, le colline e le praterie. Raggiungendo il fiume Des Moines, la linea di confine tra l’odierno Iowa e il Missouri, sembra che il gruppo abbia fatto una breve ricognizione lungo il torrente. Lì videro quello che sembrava essere un sentiero che conduceva attraverso gli alberi che costeggiavano il fiume. Il gruppo accostò le canoe a riva. Esaminando il “sentiero un po’ battuto”, come lo descrisse poi Marquette, Jolliet e Marquette si diressero con cautela lungo il sentiero, che conduceva a una prateria situata su un’ampia pianura alluvionale.
L’aggiramento delle cascate
Dopo aver camminato per diversi chilometri, i due esploratori salirono su un piccolo altipiano dove videro tre villaggi in lontananza. Si avvicinarono lentamente al primo villaggio, non sapendo se gli abitanti fossero amici o nemici. Arrivarono così vicino, scrisse Marquette, che poteva sentire gli abitanti parlare. Trovandosi in questa situazione precaria, i due esploratori urlarono ad alta voce per annunciare la loro presenza. Sentendo le loro grida gli abitanti del villaggio lasciarono le loro “capanne” e si precipitarono a vedere chi stava causando il trambusto. Quello che videro probabilmente li sorprese: due Francesi, uno dei quali indossava un lungo abito nero. Rendendosi conto che Jolliet e Marquette non rappresentavano una minaccia per il villaggio, quattro anziani della tribù si fecero avanti per salutare gli estranei.
Marquette apprese presto che queste persone erano una banda di Peoria, una sottotribù della confederazione Illinois. I villaggi erano situati in quello che ora è noto come il sito storico dello stato del villaggio di Illiniwek, nella contea di Clark, nel Missouri.
I due esploratori furono scortati al primo villaggio dove incontrarono il capo che offrì loro un calumet, una pipa da fumare per amicizia e per una questione di etichetta e ospitalità. Poco dopo Jolliet e Marquette furono scortati al secondo villaggio dove incontrarono il “grande capitano” dei Peoria, che si congratulò con loro per aver visitato il loro villaggio. Furono poi invitati a un consiglio di capi villaggio e anziani dove veniva fumato il calumet e venivano scambiati doni. Dopo il concilio c’era una “grande festa” che includeva mais, sagamité e bisonte. I Peoria scortarono anche Jolliet e Marquette attraverso il loro villaggio, una città considerevole composta da circa 300 logge. I Francesi passarono la notte con gli Illinois. Il pomeriggio successivo tornarono alle loro canoe seguiti da una schiera di ammiratori nativi. Continuarono il loro viaggio lungo il fiume. Il gruppo trovò due immagini simili a grifoni, conosciute oggi come Piasa, che erano state dipinte sul lato di una scogliera calcarea bianca vicino all’attuale città di Alton, Illinois.
A breve distanza oltre la Piasa c’era la foce del “Pekistanouï”, il fiume Missouri, che Marquette notò essere in piena, fangoso e trasportava interi alberi nelle sue acque turbolente. 150 miglia a sud del Missouri il gruppo passò la foce del “Ouaboukigou”, il nome Marquette applicato all’odierno fiume Ohio, che confermò loro che il fiume Ohio non era il Mississippi, ma un flusso diverso. Il primo potenziale scontro del gruppo con tribù ostili avvenne a una certa distanza sotto la foce dell’Ohio, quando comparvero diversi guerrieri armati in attesa delle canoe francesi. Gli esploratori considerarono questa come un’aggressione e si prepararono a difendersi. Marquette sperava di allentare le tensioni alzandosi in piedi e alzando il calumet in alto, segno che erano venuti in pace. Alla fine le due parti capirono che stavano fraintendendo le reciproche intenzioni. Nessuno dei due gruppi voleva la violenza. Gli esploratori si fermarono a riva e fecero una breve visita al villaggio. Lì ricevettero notizie incoraggianti, e cioè che erano solo a una decina di giorni di viaggio dal mare.
Le canoe francesi continuarono il loro viaggio verso sud. Vicino alla foce del fiume St. Francis dell’Arkansas videro remare verso di loro un gruppo di guerrieri armati che intendevano circondare e intrappolare gli esploratori. Altri membri della tribù elevavano grida di guerra dalla riva, mentre altri ancora tentavano di nuotare verso le canoe francesi. Ancora una volta Marquette si alzò e tenne alto il calumet in segno di pace, ma questa volta gli antagonisti prestarono poca attenzione ai gesti del sacerdote. Fortunatamente per i Francesi, alcuni anziani del villaggio videro il gesto di Marquette che alzava il calumet e annullarono l’attacco.
Con la tensione così allentata, i Francesi pagaiarono fino a riva e sbarcarono nel villaggio. Gli esploratori appresero che il villaggio apparteneva ai Michigamea, una tribù che si sarebbe fusa con gli Illinois e sarebbe diventata una sottotribù dell’alleanza degli Illinois all’inizio del 18° secolo. Al villaggio tentarono di comunicare con i membri della tribù, ma senza successo. Anche se Marquette parlava più dialetti e lingue dei Nativi americani, il suo gruppo aveva viaggiato oltre la gamma delle sue capacità linguistiche. Un uomo anziano del villaggio, tuttavia, era in grado di pronunciare alcune parole di Miami-Illinois.
Dopo aver trascorso una notte in ansietà tra i Michigamea, i Francesi furono scortati dai loro ospiti in un villaggio dell’Arkansas situato a breve distanza dalla foce del fiume Arkansas. Fu in quel villaggio che Jolliet e Marquette capirono che dovevano prendere una decisione: dovevano continuare verso il Golfo che erano stati portati a credere fosse solo dieci giorni di viaggio dal villaggio (in realtà era a 700 miglia di distanza)? Se così avessero fatto, avrebbero incontrato tribù ostili? Avrebbero rischiato la cattura e la possibile morte per mano degli Spagnoli che si diceva si trovassero nella regione? Se avessero continuato verso il Golfo avrebbero rischiato di perdere tutte le informazioni importanti che avevano raccolto durante il loro viaggio? O dal momento che avevano raggiunto quasi tutti gli obiettivi della loro missione, dovevano tornare in Canada?


Marquette mostra il calumet della pace

Decisero di tornare a nord. Lasciando il villaggio dell’Arkansas il 17 luglio, il gruppo risalì lungo il Mississippi. A Grafton, Illinois, portarono le loro canoe lungo il fiume Illinois, diventando le prime persone conosciute di origine europea a percorrere quel corso d’acqua. Sia Jolliet che Marquette rimasero impressionati da ciò che videro. Praterie, fauna selvatica e terra pronta per l’aratro che non richiedeva ore di lavoro per essere ripulita. Vicino a Utica il gruppo francese si fermò in un villaggio di indiani Kaskaskia, un’altra sottotribù della confederazione Illinois. Lì Marquette parlò con i capi villaggio e gli anziani, che chiesero al missionario di tornare per istruire il suo popolo nella fede cattolica. In sette anni il villaggio sarebbe cresciuto da 74 logge, con circa 1.450 abitanti, come riportato da Marquette, a più di 400 logge, e una popolazione di oltre 7.000. Il commercio, l’alleanza militare e la conversione religiosa degli Illinois a Kaskaskia portarono i Francesi a fermarsi in modo stabile nell’attuale Illinois.
Gli esploratori lasciarono Kaskaskia sotto una scorta di guide della tribù. Il loro percorso li portò lungo l’Illinois fino al fiume Des Plaines e su per le Des Plaines fino al Portage di Chicago. Attraversando il portage fangoso lanciarono le loro canoe sul fiume Chicago e pagaiarono fino al lago Michigan. Dirigendosi a nord arrivarono alla missione di San Francesco Saverio a De Pere, nel Wisconsin. È in questo momento che Marquette probabilmente diede a Jolliet una copia della sua relazione, da consegnare alle autorità gesuite in Quebec.
Jolliet e l’equipaggio proseguirono verso nord fino al posto commerciale a Sault Ste. Marie, dove svernarono. Dopo il disgelo, Jolliet e altri tre pagaiarono in Quebec per riferire le loro scoperte alle autorità canadesi. Sfortunatamente la loro canoa si capovolse nelle rapide vicino a Montreal. Tutto nella canoa andò perduto, due uomini, un ragazzo indiano, curiosità ed esemplari raccolti durante la spedizione, e il rapporto di Marquette (Marquette ne conservò una copia che arrivò in Quebec nel 1675). Solo Jolliet sopravvisse al naufragio. Il 1º agosto 1674, Jolliet incontrò l’attuale superiore gesuita del Canada, Claude Dablon, e diede al gesuita il suo resoconto verbale della spedizione.


Marquette e Jolliet percorsero 2.000 miglia dall’alto Michigan all’Arkansas

Marquette era rimasto alla missione di San Francesco. Soffriva di una malattia interna che alla fine gli avrebbe tolto la vita. Nell’ottobre del 1674 le sue condizioni erano migliorate e si sentiva abbastanza bene da tornare a Kaskaskia. Il 25 lui e due compagni, Jacques Largillier e Pierre Porteret, partirono per il villaggio nativo. Durante il viaggio le condizioni di Marquette subirono una ricaduta. Il tempo inclemente, i corsi d’acqua ghiacciati e un disturbo che si era trasformato in “un flusso sanguinoso”, come lo descrisse Marquette, resero il lungo e difficile viaggio verso Kaskaskia ancora più estenuante.
Il gruppo arrivò a Kaskaskia il 9 aprile, il giovedì prima di Pasqua. Ma anche se il missionario stava soffrendo, trovò comunque la forza di visitare gli Illinois nelle loro logge e incontrare il capo e gli anziani in consiglio. Celebrò anche la Messa la domenica di Pasqua. Marquette e i suoi compagni lasciarono presto Kaskaskia per la sede della sua missione a Sant’Ignace a Michilimackinac, dove il religioso sperava di ottenere un meritato riposo e forse qualche assistenza medica adeguata. Non ci riuscì, morì mentre era in viaggio ed venne stato sepolto presumibilmente da qualche parte lungo il fiume Marquette nel Michigan.
La spedizione Jolliet-Marquette del 1673 fu importante per molte ragioni. Era la prima volta che i non Nativi esploravano le porzioni centrali del fiume Mississippi. Marquette fu il primo a determinare i corsi dei fiumi che attraversavano l’interno del continente nordamericano. Determinò che il Mississippi sfociava nel Golfo del Messico e che il fiume Ohio non era il Mississippi. Fu il primo tentativo di comprendere la geografia della valle del Mississippi. Servì anche come impulso per la successiva occupazione francese del paese degli Illinois. La spedizione del 1673 fu importante ai suoi tempi come la spedizione di Lewis e Clark fu per i giovani Stati Uniti e l’atterraggio lunare dell’Apollo 11 fu per gli americani del XX secolo.

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.