- www.farwest.it - https://www.farwest.it -

Come si viveva nei reparti di frontiera dell’esercito

A cura di Lino De Rosa

Fort Dodge
La storia del west e della sua conquista è indissolubilmente legata alla presenza dei reparti dell’esercito statunitense. Talvolta si trattava dell’unico baluardo che provava a garantire un minimo di giustizia in zone difficilissime e assai violente e pericolose. Uno dei fattori determinanti della vita nell’esercito degli Stati Uniti alla frontiera d’America (concetto che si legava all’espansione della presenza “civilizzata” verso l’Ovest) era la piccola dimensione della forza impegnata in operazioni che si svolgevano in relativo isolamento dal paese e dal resto dell’esercito.
L’esercito era sparso in centinaia di piccoli forti, postazioni, avamposti e stazioni in tutto il West americano, spesso con poco più di una compagnia di cavalleria o fanteria in ogni posto.
Questo isolamento ha generato, da un lato, un forte senso di cameratismo, di legame, all’interno dell’esercito in un modo che solo la sofferenza condivisa può fare. Gli ufficiali e gli uomini si sono spesso sentiti parte di una famiglia allargata che ha dovuto cercare la forza basandosi sui propri costumi, rituali e senso dell’onore, separati da quel lontano mondo civile o persino dalla società militare molto diversa. Questo senso di unità, di “splendido isolamento”, tenne insieme l’esercito come istituzione durante le dure missioni del servizio alla frontiera occidentale ma, allo stesso tempo, portò troppo spesso alla stagnazione professionale e personale. La promozione era lenta e le possibilità di gloria erano poche, dati i pericoli e le difficoltà delle azioni di piccole unità contro un nemico inafferrabile.


Un’esercitazione di soldati in un forte di frontiera

L’isolamento ha anche creato una certa dose di fiducia reciproca, poiché ufficiali e soldati hanno sviluppato vari costumi e rituali per dare struttura alla loro vita. I rituali formali di un posto di frontiera – la vita regolata da trombe, sfilate formali, balli del sabato sera per gli ufficiali, uniformi distintive e soprannomi di unità – erano tentativi di affrontare le tensioni e le pressioni di una vita dura per un soldato e la sua famiglia con paga bassa e poco prestigio. Anche se forse glamour in retrospettiva, o se visti attraverso l’occhio dei film di Hollywood, tali piccole comunità avevano anche la loro parte di ubriachezza, meschini litigi, corruzione, discussioni su rango e quarti, e altre controversie apparentemente minori ben conosciute da chiunque abbia vissuto in una piccola città americana. Era una vita al tempo stesso pericolosa e monotona, camerata e isolata, gratificante e stremante da un punto di vista professionale. Con stipendi bassi, alloggi poveri, un pubblico indifferente e un nemico abile che era allo stesso tempo temuto, odiato e ammirato, gli ufficiali e gli uomini dell’esercito di frontiera sembravano coinvolti in una lotta senza fine con un nemico inafferrabile e il loro ambiente. Uno storico ha riassunto la postazione dell’esercito durante questo periodo alla frontiera in questo modo: “Se una descrizione potesse da sola adattarsi a tutti i posti di frontiera, sarebbe una routine monotona alleviata solo leggermente dal colore della cerimonia periodica”. Questa cultura condivisa ha creato molti dei miti e costumi istituzionali che continuano a influenzare l’immagine dell’esercito di se stessa fino ai giorni nostri.
Le forze di lavoro di tutte le varie missioni dopo la Guerra Civile, oltre a gestire tutti i posti di frontiera e le stazioni, hanno messo a dura prova le risorse di un esercito regolare in contrazione.


Soldati di frontiera

Quando l’Esercito del post Guerra Civile prese forma, la sua forza lavoro iniziò un decennio di declino, scendendo da un livello del 1867 di 57.000 alla metà in quello del 1876, per poi stabilizzarsi a una media di 26.000 per i restanti anni fino alla Guerra ispano-americana . La forza effettiva giace sempre da qualche parte al di sotto della forza autorizzata, gravemente compromessa da alti tassi di malattia e diserzione, per esempio. Poiché le responsabilità militari dell’esercito erano di proporzioni continentali, comprendenti ampie distanze, risorse limitate e operazioni estese, era necessaria una struttura amministrativa per il comando e il controllo. L’esercito era quindi organizzato su base territoriale, con segmenti geografici variamente designati come divisioni, dipartimenti e distretti. Vi furono frequenti modifiche dell’organizzazione, riarrangiamenti dei confini e trasferimenti di truppe e posti di frontiera per soddisfare le mutevoli condizioni.
Lo sviluppo di un sistema di difesa di base nell’ovest del trans-Mississippi aveva seguito il corso dell’impero. L’acquisizione e l’esplorazione territoriale seguite dall’emigrazione e dall’insediamento portarono i coloni sempre più in collisione con gli indiani e aumentarono progressivamente la necessità di posti militari lungo i sentieri transcontinentali e nelle aree colonizzate.
L’annessione del Texas nel 1845, la risoluzione della disputa sul confine dell’Oregon nel 1846 e la positiva conclusione della guerra messicano-americana con la cessione agli Stati Uniti nel 1848 di vaste aree di terra, avevano tracciato i contorni del maggiore compito che ha affrontato l’esercito in Occidente a metà del XIX secolo. Durante il periodo tra le guerre messicane e civili, l’esercito aveva istituito un sistema ragionevolmente completo di forti per proteggere le arterie di viaggio e le aree di insediamento attraverso la frontiera. Allo stesso tempo, l’esercito aveva avviato operazioni contro le tribù indiane che rappresentavano minacce effettive o potenziali al movimento e all’insediamento.


Soldati in marcia

Militarmente riuscite in alcuni casi, queste operazioni hanno tuttavia rafforzato l’opposizione indiana, scaturito provocazioni più ampie da entrambe le parti e portato alla delimitazione di una barriera indiana che si estende lungo le Grandi Pianure dal confine canadese a quello messicano. Il generale di brigata William S. Harney, ad esempio, rispose al massacro di Sioux del tenente John L. Grattan con un attacco punitivo contro individui di quella tribù sul torrente Blu Watrer nel Nebraska nel 1855. Più a sud, il colonnello Edwin V. Sumner colpì i Cheyenne sulla Solomon Fork in Kansas nel 1857 e il maggiore Earl Van Dorn di Brevet combattè i Comanche in due battaglie di successo, rispettivamente a Rush Spring in Oklahoma e Crooked Creek in Kansas nel 1858 e 1859. L’esercito sulle Grandi Pianure si trovò a diretto contatto con una cultura altamente mobile e bellicosa che non fu facilmente soggiogata.
Nel sud-ovest, tra le guerre, le unità dell’esercito inseguirono gli Apache e gli Ute nel New Mexico, scontrandosi con gli Apache a Cieneguilla e il Rio Caliente nel 1854 e gli Ute al Passo Poncha nel 1855. Ci furono varie spedizioni contro i diversi rami degli elusivi Apache ciò implicava una dura campagna elettorale ma pochi impegni conclusivi come quello di Rio Gila nel 1857. Fu in questa regione nel 1861 che il tenente George N. Bascom si mosse contro il Capo Cochise, precipitando eventi che aprirono un quarto di secolo di ostilità con gli Apache Chiricahua .
Nel nord-ovest, dove esistevano numerose piccole tribù, vi furono occasionali ostilità tra la fine del 1840 e la metà del 1860. Il loro carattere generale era simile alle operazioni come: intrusione di coloni, reazione indiana e contrazione dell’esercito americano o della milizia locale con forza superiore. Gli eventi più importanti hanno coinvolto gli indiani Rogue River in Oregon tra il 1851 e il 1856 e gli Yakama, Walla Walla, Cayuse e altre tribù su entrambi i lati delle Cascade Mountains a Washington nella seconda metà del 1850. L’esercito, spesso in contrasto con l’autorità civile e l’opinione pubblica della zona, ha ritenuto necessario in alcune occasioni proteggere gli indiani dai coloni e viceversa.
La missione di frontiera dell’esercito regolare fu interrotta dall’inizio della guerra civile e il compito di trattare con gli indiani fu trasferito ai volontari. Sebbene gli indiani abbiano dimostrato di essere consapevoli di ciò che stava accadendo e abbiano preso una certa soddisfazione dal fatto che i loro nemici si stavano combattendo a vicenda, ci sono poche prove che abbiano approfittato del periodo di transizione tra la rimozione dei clienti abituali e lo spiegamento dei volontari. La cosiddetta Grande Rivolta dei Sioux nel Minnesota nel 1862 che produsse una campagna attiva nella regione del fiume Missouri superiore nel 1863 e 1864 fu spontanea, e altri scontri attorno all’Ovest furono il risultato non del ritiro dell’esercito regolare dall’Ovest ma del gioco di forze più fondamentali e consolidate. Le unità di volontariato erano in molti casi comandate da uomini con un timbro molto diverso rispetto alle unità dell’esercito regolare.


L’attacco al campo indiano del Sand Creek

In un caso, un’unità di cavalleria volontaria del Colorado, comandata da un colonnello volontario di nome John M. Chivington, attaccò e massacrò diverse centinaia di pacifici indiani Cheyenne a Sand Creek, in Colorado, nel 1864, in una delle peggiori atrocità delle guerre occidentali. Vi erano pericoli nel fare affidamento su unità di volontariato in questo essenziale ruolo di mantenimento della pace. In ogni caso, nel 1865 la forza complessiva dell’esercito nei dipartimenti di frontiera era circa il doppio di quella che era stata nel 1861. I volontari rimasero al passo con un continuo e progressivo allargamento del movimento verso ovest, sviluppando ulteriormente il sistema di forti che i loro predecessori avevano iniziato.
I sistemi di difesa regionali istituiti in Occidente negli anni 1850 e 1860 fornirono un quadro per lo spiegamento dell’esercito quando tornò dalla guerra civile alle sue responsabilità di frontiera. Alla fine dell’estate del 1866 il comando generale e la struttura amministrativa per la difesa delle frontiere comprendevano la Divisione del Missouri, contenente i Dipartimenti dell’Arkansas, Missouri, Dakota e Platte; la divisione del Pacifico, composta dai dipartimenti della California e della Columbia; e il dipartimento indipendente del Golfo, la cui area comprendeva il Texas. Tuttavia, nel 1870 la Divisione del Pacifico includeva i Dipartimenti della Columbia, della California e dell’Arizona e il Dipartimento del Missouri copriva i Dipartimenti del Dakota, del Platte e del Missouri; il dipartimento del Texas è stato incluso nella divisione del sud.


Ulysses Grant

La sfida dell’esercito in Occidente fu una questione di ambiente e di avversario e, nell’estate del 1866, Ulisse S. Grant inviò un certo numero di ispettori di alto livello in tutto il paese per osservare e riferire sulle condizioni. Il teatro della guerra era disabitato o solo scarsamente sistemato, e le sue grandi distanze e le estreme variazioni del clima e della geografia accentuavano le limitazioni della forza lavoro, i problemi logistici e di comunicazione e le difficoltà di movimento. L’estensione del sistema ferroviario ha solo gradualmente alleggerito la situazione. Soprattutto, le tribù montate delle Pianure erano una razza diversa dagli indiani che l’esercito aveva affrontato in precedenza nelle aree boschive dell’Est. Nonostante il fatto che l’esercito avesse combattuto gli indiani in Occidente nel periodo successivo alla guerra messicana, gran parte dell’esperienza diretta dei suoi ufficiali e uomini era andata perduta durante gli anni della guerra civile. Fino a quando non sarà ristabilita la competenza di frontiera, l’esercito dipenderà dal corpus di conoscenze in qualche modo intangibile che contraddistingue qualsiasi istituzione, fortificata dagli avvenimenti della guerra civile.
Degli ufficiali che si spostarono in prima linea nell’esercito nelle guerre indiane, pochi ebbero esperienza di frontiera ed indiana. All’inizio ai massimi livelli, Grant aveva avuto solo un assaggio della solitudine dell’avamposto di frontiera come capitano. William T. Sherman aveva prestato servizio in California durante gli anni 1850 ma non era stato coinvolto nei combattimenti. Philip H. Sheridan aveva prestato servizio per circa cinque anni nel nord-ovest come ufficiale junior, ma né Nelson A. né Oliver O. Howard avevano conosciuto un servizio di frontiera di alcun tipo. Wesley Merritt, George A. Custer e Ranald S. Mackenzie si erano tutti diplomati da West Point alla guerra civile; e John Gibbon ebbe solo un piccolo coinvolgimento nella Guerra dei Seminole e alcuni incarichi di presidio in Occidente. Alfred Sully, anche lui veterano della Guerra dei Seminole e un attivo attivista contro i Sioux durante gli anni della Guerra Civile, cadde nell’oscurità, mentre Philip St. George Cooke fu superato dall’età e l’esperienza di Edward RS Canby si perse prematuramente a causa della sua morte per mano indiana . Christopher Augur, Alfred H. e George Crook erano tra i pochi capi dell’esercito di alto livello delle guerre indiane che avevano esperienza di frontiera prima della guerra civile.


Philip H. Sheridan

Pertanto, in larga misura, gli ufficiali delle guerre indiane erano prodotti della guerra civile. Molti portarono record eccezionali alla frontiera, ma questo fu un nuovo conflitto contro un nemico non ortodosso. Coloro che si sono avvicinati al loro nuovo avversario con rispetto e hanno imparato le sue vie sono diventati i migliori combattenti indiani e in alcuni casi i più utili nel promuovere una soluzione al problema indiano. Alcuni che avevano scarso rispetto per i “selvaggi” e mettevano troppo in deposito i metodi e i risultati della Guerra Civile ne hanno pagato le conseguenze sul campo di battaglia. Il capitano William J. Fetterman sarebbe stato uno dei primi a cadere all’apertura del capitolo finale delle guerre indiane nel 1866.

Condividi l'articolo!