- www.farwest.it - https://www.farwest.it -

Il codice d’onore del selvaggio west

A cura di Matteo Pastore

La punizione per il ladro di cavalli
Ai tempi del west più selvaggio e della frontiera che avanzava, la legge era un qualcosa di inesistente, semplicemente non c’era o c’era poco. E quel poco era spesso amministrato con ingiustizia. Molto delle relazioni si basava sul rapporto tra deboli e forti e in genere prevalevano i forti sui deboli. Ma anche in una situazione così precaria e ingiusta (specialmente agli occhi di un occidentale dei nostri tempi) c’era bisogno di un certo equilibrio. Non era certo possibile per il forte annientare totalmente il debole, giacché altrimenti non avrebbe avuto alcuno su cui esercitare la propria prepotenza; né sarebbe stato possibile rubare o sottrarre se non ci fosse stato più alcuno contro cui agire.
Perciò vi era una sorta di codice d’onore, un codice non scritto che vincolava buoni e cattivi, deboli e forti ad un comportamento che avesse alcuni punti fermi. Alcuni punti di questo codice d’onore erano “leggeri”, altri tremendamente seri, ma tutti erano da rispettare.
Il codice del West era un accordo di certe regole stipulato da “gentiluomini”. Non fu mai scritto in statuti o codici legali ma veniva rispettato ovunque nel territorio dell’Ovest.
L’esistenza di questo “codice” fu narrata per la prima volta nel 1934 da Zane Grey nel suo libro “Il Codice del West” ma, nonostante le ricerche, nessun codice esistette realmente. Nonostante tutto i duri pionieri dell’Ovest erano legati da leggi non scritte che si basavano sull’ospitalità, l’onestà, la lealtà e il rispetto per la terra.


“Non ordinare nulla di meno forte del whiskey”
Nel 1969, lo storico del West, Ramon Adams spiegò nel suo libro “The Cowman and His Code of Ethics” queste leggi non scritte “stipulate” tra i pionieri, mandriani e altri abitanti che vivevano nell’Ovest.
Egli scrisse “Tempo fa quando i mandriani con i loro mandrie crearono una nuova frontiera, non vi erano delle leggi scritte. La mancanza di codici scritti rese necessario formularne alcune di loro invenzione così fu inventato un codice di comportamento noto come il “Codice del West”.
Queste leggi “fatte in casa” erano rispettate tramite taciti accordi tra le varie persone che popolavano l’Ovest degli Stati Uniti ovviamente era tutto basato sulla sopravvivenza ovvero la “legge del più forte”.
Anche se i mandriani, e non solo, decidevano di non seguire le leggi locali, statali o federali erano orgogliosi di rispettare i loro codici di leggi non scritte.


“Non fare minacce senza aspettarsi terribili conseguenze”

Se si falliva nel rispetto di esse, non si veniva puniti formalmente ma l’uomo accusato veniva emarginato da tutti e poteva essere tormentato in qualunque modo e poteva essere condannati, ovviamente senza leggi scritte, con pene pensate sul momento per punire chi non seguiva le regole del codice.
Anche se non fu mai scritto, qui di seguito, vengono riportate le regole più o meno simili a quelle del Codice del West.

Condividi l'articolo!