Il Generale Robert Lee

Allo scoppio della guerra fu nominato alla testa di tutte le forze della Virginia e poi uno dei primi cinque generali comandanti (full general) delle forze confederate. Lee, comunque, rifiutò di indossare le mostrine di Generale della Confederazione affermando che, in considerazione del suo rango di colonnello dell’esercito degli Stati Uniti, egli avrebbe indossato solo le tre stelle di colonnello confederato fin quando la guerra civile non fosse stata vinta e Lee, in tempo di pace, avesse potuto essere promosso generale nell’esercito della Confederazione.
Dopo aver comandato le forze confederate nella Virginia occidentale ed essere poi stato incaricato delle difese costiere lungo i litorali della Carolina, divenne consigliere militare di Jefferson Davis, presidente della Confederazione, che egli aveva conosciuto ai tempi di West Point.
A seguito della ferita ricevuta dal generale Joseph E. Johnston nella battaglia di Seven Pines, il 1º giugno 1862, Lee assunse il comando dell’Armata della Virginia Settentrionale, la sua prima opportunità di comandare un esercito sul campo. Subito lanciò una serie di attacchi nelle battaglie dei Sette Giorni, contro le forze unioniste del generale George B. McClellan che minacciavano Richmond, la capitale confederata. Gli attacchi di Lee comportarono pesanti perdite della Confederazione dovute a maldestre prestazioni tattiche dei suoi subordinati ma le sue aggressive iniziative innervosirono McClellan. Dopo il ritiro di McClellan, Lee sconfisse un altro esercito unionista nella seconda battaglia di Bull Run (chiamata dalla Confederazione “Seconda Manassas”). Invase poi il Maryland, sperando di rifornirsi e possibilmente influenzare le elezioni del Nord in cui si discuteva di mettere fine alla guerra. McClellan venne in possesso di un ordine smarrito che rivelava i piani di Lee e manovrò per portarsi con forze superiori ad Antietam prima che l’Armata di Lee potesse essere radunata. Nella più cruenta giornata della guerra, Lee respinse gli assalti unionisti ma si ritirò in Virginia con la sua Armata decimata.


La resa di Lee

Contrariato per il fallimento di McClellan di distruggere l’esercito di Lee, Lincoln nominò Ambrose Burnside comandante dell’Armata del Potomac. Burnside ordinò un attacco al di là del fiume Rappahannock in quella che fu definita la battaglia di Fredericksburg. I ritardi nel gettare i ponti sul fiume regalarono all’Armata di Lee tempo in abbondanza per organizzare una solida difesa e l’attacco del 12 dicembre 1862 fu un disastro per l’Unione. Lincoln allora nominò Joseph Hooker comandante dell’Armata del Potomac. L’avanzata di Hooker per attaccare Lee nel maggio 1863, presso Chancellorsville, in Virginia, lo portò a una sconfitta ad opera di Lee, grazie all’audace piano di “Stonewall” Jackson di dividere l’esercito e di attaccare il fianco di Hooker. Fu una vittoria clamorosa ai danni di una forza molto maggiore ma essa comportò un grave costo, dal momento che il miglior subordinato di Lee, Thomas Jonathan Jackson, fu gravemente ferito e morì poco dopo per una polmonite intervenuta dopo l’amputazione del braccio.
Nell’estate del 1863 Lee intraprese una nuova invasione del Nord nella speranza che una vittoria del Sud avrebbe obbligato il Nord a riconoscere l’indipendenza della Confederazione. Il suo tentativo di sconfiggere le forze unioniste al comando di George G. Meade a Gettysburg, in Pennsylvania, tuttavia fallì. I suoi subordinati non attaccarono con il piglio aggressivo che Lee si aspettava. La cavalleria di J.E.B. Stuart era lontano dal luogo degli scontri e la decisione di Lee di lanciare un massiccio attacco contro il centro delle linee dell’Unione — la disastrosa Carica di Pickett — si concluse con pesanti perdite. Lee fu costretto a ritirarsi ancora ma, come dopo Antietam, non fu inseguito con determinazione. In seguito alla sua sconfitta a Gettysburg, Lee inviò una lettera di dimissioni al Presidente confederato Jefferson Davis l’ 8 agosto 1863 ma Davis respinse la richiesta di Lee.
Nel 1864 il nuovo generale comandante in capo dell’Unione, Ulysses S. Grant, cercò di distruggere l’Armata di Lee e di catturare Richmond. Lee e i suoi uomini bloccarono l’avanzata ma Grant ricevette rinforzi massicci e cominciò a spingersi ogni volta un po’ di più verso Sud-Est. Tali battaglie, nella Campagna Terrestre, compresero Wilderness, Spotsylvania Court House e Cold Harbor. Grant infine ingannò Lee spostando segretamente la sua Armata al di là del fiume James. Dopo aver bloccato un tentativo dell’Unione di catturare Petersburg (Virginia), un collegamento ferroviario vitale per rifornire Richmond, gli uomini di Lee costruirono un sistema elaborato di trincee e furono assediati a Petersburg. Lee tentò di rompere la situazione di stallo inviando Jubal A. Early a compiere un’incursione attraverso la valle dello Shenandoah su Washington D.C. ma Early fu sconfitto dalle superiori forze avversarie di Philip H. Sheridan. L’assedio di Petersburg continuò da giugno 1864 fino ad aprile 1865.


Robert Lee a fianco a Jefferson Davis

Il 31 gennaio 1865 Lee fu promosso generale comandante in capo di tutte le forze confederate. Ai primi del 1865 egli premette affinché si adottasse un piano per consentire agli schiavi di raggiungere i ranghi dell’Armata confederata in cambio della concessione della libertà. Lo schema non dette mai frutti per il breve lasso di tempo rimasto alla Confederazione prima che essa cessasse di esistere.
Dal momento che l’Armata confederata era esausta dopo mesi di battaglie, un tentativo dell’Unione di catturare Petersburg fu realizzato il 2 aprile 1865. Lee abbandonò la difesa di Richmond e tentò di congiungersi con l’esercito del generale Joseph Johnston nella Carolina del Nord. Le sue forze si arresero all’Armata dell’Unione ed egli si consegnò al generale Grant il 9 aprile 1865, ad Appomattox Court House (Virginia). Lee rifiutò le richieste di alcuni suoi subordinati (e indirettamente di Jefferson Davis) di respingere la resa e di consentire a che piccole unità si dileguassero nelle montagne, avviando una lunga guerra di bande.
Nel dopoguerra Lee s’impegnò – senza riuscirvi – perché fosse concessa ufficialmente un’amnistia per gli avvenimenti bellici. Dopo aver completato in proposito un modulo di richiesta, questo fu portato all’attenzione del Segretario di Stato William H. Seward che, immaginando che la questione fosse stata assegnata a qualcun altro e che il modulo sulla sua scrivania fosse una copia personale, lo archiviò fin quando esso non fu ritrovato decenni più tardi nel cassetto della sua scrivania. Lee prese la mancanza di risposta come un segno dell’intenzione del governo di riservarsi il diritto di perseguirlo in futuro.
L’esempio di Lee di richiedere l’amnistia incoraggiò numerosi altri membri dell’esercito della Confederazione ad accettare il pieno reintegro nel diritto di cittadinanza degli USA. Nel 1975 il presidente Gerald Ford proclamò un perdono postumo e il Congresso degli Stati Uniti d’America restituì a costoro retroattivamente la cittadinanza, come conseguenza del rinvenimento da parte di un impiegato degli Archivi Nazionali nel 1970 del loro impegno giurato di fedeltà.
Lee e sua moglie avevano vissuto nella casa della famiglia della moglie prima della guerra, la Custis-Lee Mansion. Essa fu confiscata dalle forze unioniste ed è oggi parte del cimitero di Arlington (Arlington National Cemetery). Dopo la sua morte, i tribunali riconobbero che la proprietà era stata illegalmente confiscata e che doveva essere restituita al figlio di Lee. Il Governo si offrì di comprare la terra intorno e venne raggiunto un accordo in merito.
Lee dopo la Guerra Civile
Lee fu preside del Washington College (oggi Washington and Lee University) a Lexington (Virginia), dal 2 ottobre 1865. In cinque anni egli trasformò il Washington College da piccola generica scuola in uno dei principali college statunitensi che offrono corsi di economia e commercio, giornalismo e lingua spagnola. Espresse anche un completo e incisivo esempio del suo concetto di onore; «Abbiamo una sola regola, che cioè ogni studente è un gentiluomo» — principio che dura ancor oggi nel Washington and Lee College e che poche altre scuole continuano a mantenere.
La sera del 28 settembre 1870, Lee si ammalò, impossibilitato a parlare in modo coerente. Quando i suoi dottori furono chiamati, il meglio che essi furono in grado di fare fu di metterlo a letto e sperare nel meglio. È pressoché certo che Lee abbia avuto un ictus che danneggiò i lobi frontali del cervello e che gli resero impossibile parlare. Fu nutrito forzatamente per recuperare le forze ma contrasse la polmonite, una conseguenza quasi comune per chi perdeva forze.


Monumento funebre di Robert E. Lee nella Lee Chapel a Lexington

Lee morì per gli effetti della polmonite, due settimane dopo l’ictus, la mattina del 12 ottobre 1870, a Lexington, in Virginia, e fu sepolto nella Lee Chapel dell’Università Washington and Lee, in cui il suo corpo riposa tuttora.

Condividi l'articolo!

Pagine di questo articolo: 1 2

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.