La storia del Texas

A cura di Federico Galeotti


La vecchia bandiera del Texas. Clicca per INGRANDIRE

Nel 1821, a seguito di una guerra di indipendenza il Messico si svincolò dalla tutela coloniale offerta dagli spagnoli e dopo tre anni travagliati, riuscì a concretizzare una costituzione, diventando una Repubblica federale che adottava il cattolicesimo come religione di stato. Leggi il resto

Il Texas, lo stato della stella solitaria

A cura di Sergio Mura

Un qualunque texano, oggi, non è per nulla differente nell’approccio alle cose da un texano del 1820. L’orgoglio è lo stesso, la prontezza di reazione alle aggressioni esterne è la stessa. Il desiderio di autonomia e la volontà fortissima di mantenere fuori dai confini le interferenze è lo stesso del passato.
Su queste caratteristiche è nato lo stato della stella solitaria.
Per circa una decina d’anni il Texas, con quell’enormità del suo territorio, riuscì ad esistere come stato indipendente, sia dal Messico che dagli Stati Uniti, con un suo governo, una sua amministrazione autonoma e persino un suo esercito. Il governo regolava l’economia dello stato e tesseva una sua particolare politica estera.
Certo, nel 1820 sarebbe stato difficilissimo ipotizzare una cosa del genere, quando le prime persone si spostarono dalle terre ad est del Mississippi verso ovest e precisamente verso le vaste distese non popolate del Texas. Leggi il resto

La battaglia di Coleto Creek

A cura di Omar Vicari

La data del 6 marzo 1836 rimarrà impressa in eterno nella storia del Texas. Alle prime ore di quel mattino, circa 185 texani furono trucidati da forze preponderanti messicane all’interno di una vecchia missione nota col nome di Alamo.
Tra quelle mura, assieme agli altri, trovarono la morte Davy Crockett, Jim Bowie e William Travis.
All’inizio dell’assedio della missione, più o meno alla fine di febbraio, il colonnello James Fannin, allora comandante di Fort Defiance (oggi Presidio La Bahia), con l’intento di portare soccorso ad Alamo, partì coi suoi uomini da Goliad verso San Antonio de Bexar non sapendo che il generale messicano Josè de Urrea aveva attraversato il Rio Grande per dirigersi proprio verso Goliad.
Il fatto costrinse Fannin a invertire la marcia e a tornare di fretta verso la sua guarnigione. Il mancato aiuto di Fannin decise la sorte degli uomini di Alamo. La missione, come abbiamo detto, fu presa alle prime ore del mattino del 6 marzo 1836. Leggi il resto

Alamo, ritrovato il luogo dove si arresero i messicani

A cura di Paolo Salom

Davy Crockett
«Ricordatevi di Alamo!». Tutto era cominciato nel forte di Davy Crockett, per finire lungo il fiume San Jacinto: qui, 173 anni or sono, i miliziani di Sam Houston sconfissero in un’epica battaglia i soldati del generale Antonio Lopez de Santa Anna (guidati dal colonnello Almonte), strappando al Messico il Texas e tutti i territori occidentali fino alla California. «L’espansione verso Ovest degli Stati Uniti dipende tutta da questo evento», spiega l’archeologo Roger Moore, autore di una scoperta che ha ridisegnato la mappa della “Rivoluzione texana”. Molti luoghi dove si verificarono gli scontri, infatti, sono noti e riconosciuti. Agli archeologi e agli storici mancava però il luogo della resa di Santa Anna, riconosciuto erroneamente nel 1890 dai veterani americani non lontano da San Antonio, e mai più ritrovato. Leggi il resto