Butch Cassidy, Sundance Kid e il Mucchio Selvaggio

A cura di Omar Vicari

Butch Cassidy, al secolo Robert Le Roy Parker, nacque a Beaver, un piccolo paese dello stato dello Utah, il 13 aprile 1866. I suoi genitori, Maximilian Parker e Annie Gilles Parker, mormoni, giunsero nello Utah dall’Inghilterra nel 1856. Primo di tredici figli, Le Roy, come era comunemente chiamato in casa, lavorò da giovane presso alcuni ranch della zona. In uno di questi, fece la conoscenza di Mike Cassidy, un razziatore di bestiame che prese a ben volere il giovane Parker. Leggi il resto

L’ultima verità su Butch Cassidy

A cura di Guido Olimpio

Il ritratto di Butch Cassidy
Come si è potuto leggere nei più attenti giornali statunitensi, sembra che Butch Cassidy non sia stato ucciso in Bolivia nel 1908, come recita la storiografia, ma che sia morto nel ’37 dopo aver scritto la sua storia…
Insieme con quello di Billy the Kid è uno dei grandi misteri del West. Il bandito Butch Cassidy è morto con le pistole in pugno in Bolivia nel 1908 o invece è spirato nel suo letto nel 1937? Nessuno ha la prova del nove e questo ha creato, nel tempo, due “partiti” tra appassionati e ricercatori. L’ultimo a riaccendere la miccia è stato un collezionista di libri, Brent Ashwort, che è in possesso di una copia de Il bandito invincibile. Si tratterebbe di una versione più lunga di un romanzo scritto – ma mai pubblicato – da William T. Phillips, deceduto a Spokane nel 1937. Per Ashwort nel testo vi sono particolari che solo Butch Cassidy poteva conoscere e dunque Phillips era il famoso bandito. Leggi il resto

The Sundance Seven Photograph: storia di una fotografia

A cura di Omar Vicari


Clicca per INGRANDIRE l’immagine
Per molti anni, la foto sopra del “Mucchio Selvaggio”, scattata da John Swartz nel 1900 nel suo studio di Forth Worth nel Texas, è stata l’immagine più famosa o quantomeno una delle più famose del vecchio west.
Da sinistra a destra, seduti, si intravvedono Sundance Kid, Ben Kilpatrick, Butch Cassidy
In piedi…Bill Carver e Harvey Logan (Kid Curry).
Dieci anni o forse più, prima che John Swartz scattasse quella famosa foto, un altro fotografo di nome L.B. Miller che aveva uno studio in Sundance (Wyoming) scattò un altrettanto interessatissima foto in cui appaiono Butch Cassidy, Sundance Kid, Harvey Logan, Lonnie Logan, Flat Nose George Curry, Matt Warner e Elzy Lay ancora non molto famosi e molto giovani. Leggi il resto

Butch Cassidy

Un ritratto di Butch Cassidy
Di Butch Cassidy si è detto molto, scritto moltissimo e ipotizzato tutto il possibile, quando non l’impossibile. E’ il destino che spetta a chi è entrato nella leggenda del west dalla porta principale, con una fama che è obiettivamente sproporzionata alla vera vita.
Butch Cassidy è stato un autentico fuorilegge, uno che aveva messo su una banda per rapinare le ferrovie e le banche nel sud-ovest degli Stati Uniti. Tuttavia, benché fosse uno dei banditi più ricercati d’America, divenne noto come una specie di “ladro gentiluomo”; una simpatica canaglia, come ce lo tramanda la tradizione, capace addirittura di farsi benvolere e di risultare simpatico.
D’altronde la mitologia legata al personaggio racconta che non ha mai ucciso e che fosse una persona estremamente simpatica e alla mano. Leggi il resto

Kid Curry, la tigre del Mucchio Selvaggio

A cura di Omar Vicari

Un quadro che ritrae Kid Curry
Molti libri sono stati scritti sulla vita di Harvey Logan, alias “Kid Curry”, certamente il componente più pericoloso del “Mucchio Selvaggio”, la banda più organizzata negli Stati Uniti a cavallo tra la fine otto e l’inizio novecento che faceva capo a Butch Cassidy.
Alcuni dati che possiamo leggere su qualcuno di questi libri circa sua origine sono poco attendibili. Grazie a ricerche di tipo “genealogiche”, è stato comunque possibile per gli storici ricostruire un quadro più veritiero. Kid Curry nacque da William H. Neville Logan e da Elisa Jane Johnson nel 1867 nella contea di Tama nell’Iowa. Il suo nome per esteso era Harvey Alexander Logan.
Nella stessa contea nacquero anche gli altri suoi fratelli e la sorella Arda Alma. Leggi il resto

Le donne del Mucchio Selvaggio

A cura di Omar Vicari

Etta Place e Sundance Kid
L’Utah è con certezza uno dei più belli e spettacolari stati del sud-ovest americano. I suoi parchi e tra questi il Bryce Canyon, Capitol Reef, Arch Park e Canyonland ci appaiono oggi in tutta la loro selvaggia bellezza e come tali sono il risultato dell’azione corrosiva del vento e dell’acqua avvenuta nel corso dei secoli, un’azione che ha modellato il terreno creando canyon, anfratti e gole rendendo il paesaggio odierno desolato e spettacolare allo stesso tempo, simile a un girone dantesco. A ridosso del parco di Canyonland esiste una zona altrettanto impervia segnata sulle cartine col nome di Robber’s Roost poiché la zona era il perfetto nascondiglio per i fuorilegge del “Mucchio Selvaggio”, una delle più organizzate bande del selvaggio west di fine secolo. Leggi il resto

Ipotesi sulla fine di Butch Cassidy e Sundance Kid

A cura di Omar Vicari

Butch Cassidy e Sundance Kid
Nel 1908, Cassidy e Longbaugh rapinarono la miniera di Aramayo. I due uomini, senza Etta, tornata tempo prima negli Stati Uniti, scapparono sulle montagne con un bottino di 15.000 dollari boliviani e con alcuni muli della compagnia mineraria. Arrivati a San Vicente alcuni giorni dopo, il marchio dei muli venne riconosciuto, sembra, da un graduato del locale posto di polizia che non ci mise molto a collegare i muli con la rapina alla miniera di Aramayo. Nell’arco di pochi minuti, la locanda in cui si erano rintanati i due “bandidos yanqui”, venne circondata da una compagnia di cavalleria boliviana. I due uomini, senza alcuna speranza di cavarsela, feriti più volte, preferirono, si dice, il suicidio alla galera certa. Il giorno seguente, i cittadini di San Vicente seppellirono effettivamente nel loro cimitero due “bandidos yanqui” non meglio identificati.
Ma chi erano quegli uomini? Leggi il resto