The Old West, Time-Life, 1973-1980

A cura di Claudio Tamanini


The Old West – clicca per INGRANDIRE
La collana The Old West protagonista di questo articolo – composta da 26 volumi + un indice globale – è una meravigliosa serie di volumi in lingua inglese pubblicata in vari paesi da Time-Life negli anni ’70. Ogni volume è  rilegato in similpelle marrone, ha una bella immagine in copertina e lettere d’oro in grassetto sul dorso; il colpo d’occhio in libreria, come potete giudicare da voi stessi, è molto appagante e di sicuro effetto, un perfetto connubio tra eleganza ed effetto vintage! Leggi il resto

I classici del west super (Longanesi)

“I classici del west super” è il titolo di una preziosa collana di romanzi western edita, tanto per cambiare, negli anni ’70, quelli che furono probabilmente l’apice della narrativa e della cultura western in Italia.
Della collana fanno parte i nomi più famosi della letteratura western.
Ad avere il prezioso merito di raccogliere i 33 libri che compongono la collana è stata la casa editrice Longanesi, a quel tempo particolarmente impegnata sul versante western.
I volumi sono dei libriccini in formato tascabile, per nulla ingombranti. Al momento è possibile acquistare una buona parte della collana (se non tutti) attraverso i più noti negozi online come Amazon oppure su eBay. Leggi il resto

Western Stories (collana di romanzi western)


E’ in edicola una bellissima e imperdibile serie di romanzi western per i tipi della Gazzetta dello Sport (che è poi Corriere della Sera) composta di ben 30 volumi che usciranno con cadenza settimanale.
I libri sono tutti famosissimi e vorremmo dire immancabili nella libreria di ogni buon appassionato di storia del west e di tutto quanto è collegato al west, romanzi compresi. Leggi il resto

Bibliografia sugli Indiani d’America

A cura di Maria Vayola


Questa bibliografia riguarda solo i libri tradotti e pubblicati in Italia, ed è suddivisa per le specificità delle fonti o per l’argomento che trattano, di carattere generale o limitato ad una singola tribù o ad un singolo personaggio di un gruppo tribale. L’impossibilità, comunque, di avere notizie approfondite su ciascun libro, può avermi indotto a inserire erroneamente un testo all’interno di una sezione piuttosto che in un’altra, o anche di aver messo nell’elenco libri di scarso valore storico ed informativo, spesso i nativi americani sono stati usati a sproposito per sostenere tesi e opinioni diverse, me ne spiaccio. Leggi il resto

La grande storia degli Indiani d’America

Un libro tragico, senza dubbio, nel senso che tratta molto bene e con dati sorprendentemente precisi tutte le guerre Indiane combattute negli Stati Uniti e nel Canada dall’arrivo degli Europei in poi.
La storia degli Indiani d’America, dallo sbarco dei colonizzatori al XX secolo. Una storia di massacri, guerre fratricide e lenta estinzione.
E’ veramente interessante perché analizza approfonditamente aspetti e momenti della grande conquista del west di cui si sa poco o nulla.
E’ il caso, ad esempio, della California, delle guerre tra Francesi e Inglesi; addirittura di quelle tra Russi e popolazioni dell’Alaska, soffermandosi sui Creek, sugli Irochesi, ma anche di moltissime altre tribù sconosciute.
Si parla anche dei primi contatti degli Spagnoli degli anni ’30 e ’40 del 1500 con le tribù dell’Alabama, compiuti da avventurieri senza scrupoli, ma anche di Metacomet e della sua sanguinosa guerra.
Insomma, si può dire che in questo libro ho trovato veramente tutto, anche se è un po’ lungo (1000 pagine) vale la pena di leggerlo. Leggi il resto

La mia tribù: storie autentiche di Indiani d’America

In un panorama in cui le novità italiane legate alla storia del west e ai Nativi d’America sono veramente limitate, è certamente un gran piacere presentarne una che ha anche il pregio dell’originalità e della “presa diretta”. Infatti questo libro non è la traduzione di un testo americano, ma in buona parte il resoconto di esperienze personali tra gli indiani. Uscito solo dopo un anno e mezzo da “Io e i Pigmei”, “La mia Tribù: storie autentiche di Indiani d’America” (edito da Polaris, maggio 2013.) è stato presentato in anteprima al Salone Internazionale del Libro di Torino. Ricco di bellissime immagini e di incredibili storie. “Il sentimento dominante nel libro è il senso di colpa per il peccato di essere bianchi” dice l’autrice.
E’ il racconto di due viaggi, uno nel passato e uno nel presente. Il viaggio nel passato, attraverso gli archivi del BIA (Bureau of Indian Affairs ) e della tribù Crow, è la storia della cospirazione del Governo degli Stati Uniti contro gli Indiani, nei due ultimi secoli. Dal Dawes Act, alla Legge dei Quarti di Sangue, alla sterilizzazione forzata delle donne Native Americane negli anni ’70, raccontata da testimoni viventi. Leggi il resto

Amicizia con la terra

Imperdibile raccolta di fotografie storiche, di racconti, discorsi, poesie dei pellerossa. Incorniciata da una superba impaginazione e accompagnata dalle suggestive fotografie di Edward Curtis (scattate sul finire del secolo scorso), la raccolta che ci viene proposta comprende testi originali dei popoli Nativi americani che ci rendono partecipi del loro profondo amore e rispetto per la natura della quale si sentivano parte assolutamente integrante e comunque “figli”.
Per la nostra moderna società civile, la saggezza che traspira da queste pagine, lungamente ignorata e solo ora parzialmente riscoperta, costituisce un’importante eredità spirituale, altamente remunerativa e di grandissima attualità.
La Via degli Indiani d’America rappresenta uno stile di vita che può condurci ad assumere un nuovo atteggiamento, un modus vivendi che rispetta ogni forma di vita e tiene conto dell’universo nella sua molteplicità. Leggi il resto

Tremila cavalieri indiani

La bella copertina del libro
La campagna militare del 1876-77 contro Sioux e Cheyenne e la disfatta del generale Custer al Little Big Horn” è quel libro che gli appassionati italiani delle battaglie di frontiera stavano aspettando da tempo. Le guerre indiane che hanno visto su campi opposti i soldati e la forte coalizione Sioux-Cheyenne non potranno mancare di suscitare l’interesse fortissimo degli studiosi di storia del west che non vorranno mancare l’appuntamento con questo bel libro.
In esso si narrano tutte le fasi – approfondendo specialmente quelle finali – di quella lunga guerra che finì con la morte di Custer da un lato e la fine della vita libera dall’altra.
Al rigoroso rispetto delle fonti, l’autore aggiunge da par suo una forte autonomia di giudizio ed una equidistanza dalle parti in causa che di questi tempi è davvero notevole. Certamente quella che viene proposta è la verità storica e poco o nulla spazio viene lasciato alla leggenda. Leggi il resto

Seppellite il mio cuore a Wounded Knee

Chi è debole di cuore o facile alla commozione non potrà leggere questo libro. E’ davvero troppo “forte” per essere accessibile agli animi sensibili. Scritto da un pellerossa che sa bene quel che scrive, Seppellite il mio cuore a Wounded Knee è un capolavoro che racconta la vera storia della conquista del west non dimenticando di restituirle il sapore e gli odori delle persone che l’hanno vissuta; soprattutto non mancano i dolori e la disperazione delle nazioni indiane, imbrogliate, maltrattate, scacciate e sterminate nelle loro terre. Tutti i capitoli principali riferiti ai movimenti indotti nelle nazioni pellerossa sono trattati con grande sapienza e ottime capacità narrative. Il trentennio della “soluzione finale” per il problema indiano è questo: 1860-1890. E’ quello che approda alla distruzione della cultura e della civiltà dei pellerossa. In questo periodo nascono tutti i grandi miti del West, un’epopea a esclusivo beneficio degli uomini bianchi.
I racconti dei commercianti di pellicce, dei missionari, dei cercatori d’oro, delle Giacche Blu, degli avventurieri, dei costruttori di ferrovie e di città stendono una fitta coltre che nasconde la versione indiana sulla conquista del West. Leggi il resto

La terra è la nostra madre. Discorsi dei capi indiani

“La terra è la nostra madre. Discorsi dei capi indiani” è un libro forte, straziante. Si tratta di una potente raccolta di discorsi svolti da capi indiani o guerrieri autorevolissimi. Discorsi talvolta fatti a rappresentanti del popolo “Invasore”, quel popolo bianco contro il quale si rivolgevano giustissime lamentazioni.
Un esempio vale più di mille parole: “Insudiciano la nostra madre (la terra) con le loro case e la loro spazzatura. La costringono a generare quando non è il suo tempo. E quando non dà più frutti la riempiono di medicine affinché generi ancora. Ciò che fanno non è sacro.
Questo è un breve discorso fatto da Toro Seduto ed è uno dei tantissimi riportati nel libro in questione.Lo considero un ottimo libretto che offre molti spunti di meditazione assai attuali.
Penso che valga molto più del bla-bla che ci propinano i padroni del mondo di oggi quando parlano di rimediare ai danni che l’occidente sta creando al pianeta e quindi a tutti i viventi.
Ah! Costa davvero poco. Leggi il resto

Pagina successiva »