Uno sceriffo per Cheyenne

Ecco un nuovo libro western, un romanzo scritto in maniera rispettosa della verità storica del west, con una trama ben congegnata e interessante.
È uscito nel solo formato digitale, con un prezzo assolutamente bassissimo, alla portata di chiunque.
La trama parla di Cal Rymes, un reduce dalla guerra civile e del tempo trascorso sotto il comando di un famigerato assassino, il colonnello confederato William Clarke Quantrill. Lascia i guerriglieri di Quantrill con una notevole esperienza e il desiderio andare il più lontano possibile dal suo passato.
Tutto ciò cui aspira è una vita tranquilla, un piccolo ranch dove allevare una mandria e dei cavalli. Ambizione elevata per un uomo che non sa nulla in materia, ma sa come uccidere. Leggi il resto

L’anima della frontiera

A cura di Gian Mario Mollar

Lo diceva anche Tom Mix, il famoso attore dei film western muti : “il Vecchio West non è un certo luogo in un certo tempo, è uno stato mentale. È qualunque cosa tu vuoi che sia”.
Benvenuti, dunque, a Nevada. Non è lo stato americano, ma un paesino arroccato nell’alta Val Brenta, dove, sul finire del 1800, la famiglia De Boer lotta ogni giorno contro la fame e la miseria coltivando tabacco. Una volta l’anno, il padre Augusto imbraccia uno dei suoi due fucili, San Pietro e San Paolo, carica il mulo di tabacco e sfida la montagna e le guardie del confine per andare a contrabbandare in Austria. I pochi soldi in più gli permettono di tirare avanti e sopravvivere un anno ancora, in una ciclicità che è strettamente connessa ai ritmi della natura.
Quando Jole, la figlia maggiore, compie 15 anni, giunge anche per lei il momento di varcare la frontiera, seguendo le orme del padre sui sentieri di roccia e aghi di pino, condividendone il sudore e la fatica, ma anche il profondo senso di libertà. Leggi il resto

Non c’è ombra in South Dakota

A testimoniare la vitalità del genere western, anche in lingua italiana, ecco che viene in nostro aiuto l’uscita di un nuovo e bel libro ambientato nel vero west. Si tratta di “Non c’è ombra in South Dakota“. È un romanzo propriamente western, ma da intendersi in senso stretto e realista, nel senso che la sua trama si dipana in un’autentica ambientazione western, con rancheros, pistoleri, pionieri, indiani, fuorilegge e sceriffi, ma in senso realistico, con l’intenzione di narrarci com’era effettivamente la vita nella Frontiera americana del XIX secolo.
Tra sbuffi di vapore e crepitare di carbone, l’America di fine Ottocento galoppa sfrenata verso il nuovo secolo.
Il tempo del progresso vola rapido e chi vuole cavalcarlo deve affrettarsi così tanto da rischiare di dimenticare le cose più importanti. Leggi il resto

La grande avventura del West

A cura di Sergio Mura

È uscito il nuovo libro di Domenico Rizzi “La grande avventura del West”, per i tipi delle Edizioni Parallelo45 di Piacenza.
Domenico Rizzi, conosciutissimo da tutti voi frequentatori di Farwest.it, è un affermato ed esperto autore di storia del west, certamente uno dei più preparati del panorama italiano. A lui si devono numerose e belle opere divulgative che esplorano il west in lungo e in largo, dall’esperienza dei Nativi, all’avanzata dei bianchi, alla forza dell’esercito, alle grandi battaglie, ai protagonisti più famosi e persino a quelli meno noti.
Questo nuovo libro, “La grande avventura del West”, è particolarmente prezioso perché non è un libro di sola storia della Frontiera americana, ma è un’opera che affronta anche il discorso letterario, cinematografico e fumettistico relativo al west a tutto tondo. Leggi il resto

Un consiglio per le letture di fine agosto

A cura di Sergio Mura


“Piombo, polvere e sangue” in vacanza al mare!
Cari amici, come è forse facile intuire dalla fotografia che apre questa piccola comunicazione, Farwest.it è in vacanza per il fine settimana. Il vecchio camper che porta in giro la nostra bandiera si chiama Tatanka ed è ora in un bellissimo posto della costa orientale della Sardegna.
Chi vi scrive ha deciso di portare un solo compagno di lettura per questi due giorni di riposo e di mare ed quello che appare nelle mie mani nella stessa fotografia: “Piombo, polvere e sangue”. Leggi il resto

Non son degno di Tex

A cura di Domenico Rizzi

Fra i tanti titoli eccentrici dedicati alla materia western – ricordiamo “Avrei voluto essere ucciso da Clint Eastwood”, di Stefano Jacurti, di cui si è già parlato su Farwest, a cura di Sergio Mura – vi è anche “Non son degno di Tex”, edito da Marsilio Editore nel 1997 e nel 2003, scaturito dalla penna del giornalista Claudio Paglieri, collaboratore del “Secolo XIX” di Genova. Il sottotitolo recita appropriatamente “Vita, morti e miracoli del mitico ranger” che, nato nel lontano 1948 per iniziativa di Gian Luigi Bonelli e del disegnatore Aurelio Galleppini, tiene ancora saldamente il mercato. Composto da 15 capitoli e una preziosa ”appendice statistica”, contiene praticamente tutto quello che avreste voluto sapere su Tex, i suoi pard e i suoi nemici, e che non avete mai osato chiedere. Quasi inutile precisare che il libro è capitato in mano all’autore di questo articolo per puro caso, mentre cercava qualche buona lettura in una bancarella domenicale. Leggi il resto

Il sud-ovest americano

A cura di Sergio Mura

Ecco un altro librone prevalentemente fotografico che non può mancare a noi appassionati! Dal Grand Canyon a Zion, attraverso un percorso che tocca Arches e la leggendaria Santa Fe, le Montagne Rocciose e il Grande Lago Salato. Tra le nostre mani scorrono veloci le pagine che contengono il sud-ovest americano, quel paese in cui si sono create e incontrate storie e leggende del vecchio west.
Nel sud-ovest degli Stati Uniti si annodano i fili della storia del far-west, in quella terra che vide compiersi il destino di Geronimo e degli ultimi guerrieri Chiricahua, quella in cui finirono per incidersi per sempre i solchi delle lunghe carovane di mormoni, quella insanguinata del massacro dei Cheyenne al Sand Creek.
Ma il sud-ovest è anche il teatro delle avventure di Billy The Kid, di Pat Garrett e degli indomiti mercanti della Santa Fe Trail. Leggi il resto

La vera storia del west

A cura di Domenico Rizzi

Le pubblicazioni sul West si susseguono a getto continuo, nonostante ci siamo allontanati parecchio da quella gloriosa epopea, segno evidente che l’argomento rimane ancora di vivo interesse.
Il libro “La vera storia del west”, di Jacques Portes, docente universitario di storia nordamericana in una prestigiosa università di Parigi, è un volume di 254 pagine (offerto a modico prezzo dal giornale QN- Quotidiano Nazionale) che ricostruisce la storia della Frontiera americana dalle origini fino alla definitiva colonizzazione, offrendo ampi ragguagli anche sul West attuale e una carrellata, almeno per sommi capi, dei principali film western della tradizione, non mancando di citare autori ed opere letterarie fra le più importanti, quali “Il grande cielo” di Guthrie e “Furore” di John Steinbeck. Preciso nelle date e nella successione cronologica degli avvenimenti salienti – l’esplorazione di Lewis e Clark, la grande emigrazione dei pionieri, le diverse corse all’oro e all’argento, gli scontri con i Pellirosse, il prevalere della cultura europea rispetto a quella dei nativi – Leggi il resto

Elementare, cowboy

A cura di Gian Mario Mollar

La copertina – clicca per INGRANDIRE
I fratelli Amlingmeyer sono due veri cowboy del Montana. Hanno entrambi “i capelli così rossi da poterci accendere un fuoco”, ma sono profondamente diversi l’uno dall’altro. Big Red, Otto, che si chiama così perchè è “solo leggermente più piccolo di una casa di medie dimensioni”, è un estroverso amante di alcol e donne, a differenza di Gustav, Old Red, che è timido, scontroso e, pur non sapendo né leggere né scrivere, ha il cervello affilato come la lama di un coltello Bowie. La vita dei due sarà rivoluzionata dall’incontro con le dime novels di Sherlock Holmes, le cui gesta, lette attorno al fuoco da Big Red, il fratello “letterato”, nonché narratore della vicenda, all’analfabeta Gustav, fanno crescere in quest’ultimo una vera e propria ossessione per il mitico investigatore privato: “Molte persone credono in Dio. Gustav crede in Sherlock Holmes”. Leggi il resto

L’impero della luna d’estate

A cura di Patrizia Ines Roggero

L’impero della luna d’estate. Ascesa e declino della tribù Comanche.
In questo saggio, Sam C. Gwynne ci offre un’ampia visuale dell’America dapprima coloniale e poi nazione. È, infatti, molto più che un trattato sulla storia dei Comanche, perno attorno al quale l’autore fa ruotare un periodo che va dalla colonizzazione spagnola del Messico, ai primi anni del Novecento.
Tra queste pagine, scopriamo personaggi rimasti nell’ombra rispetto a loro contemporanei incensati e giunti a noi nel mito del Farwest. Conosciamo i Ranger, e con loro la storia di una terra non facile come il Texas. L’autore ci accompagna nella Comancheria, nel Texas Panhandle, sull’infinita distesa del Llano Estacado sferzata dal blue norther. Approfondisce l’aspetto psicologico degli uomini di cui ci parla, le loro debolezze, l’astuzia, pregi e difetti. Ciò rende la lettura ancor più piacevole, lasciando la sensazione di aver assimilato non solo nomi e date, ma anche immagini e volti dei quali resta il ricordo. Leggi il resto

Pagina successiva »