Fort Whoop-Up

A cura di Marco Chiornio


Fort Whoop-Up

Il nome di Fort Whoop-up è notorio. Nella lunga storia della vendita del Whisky e delle Giubbe Rosse Canadesi (quelle che furono chiamate “Mounties”) rappresenta quel che di peggio il West seppe produrre.
In particolare a Fort Whoop-up si lega la tragica ed illegale attività dei moltissimi e feroci “desperados” americani che si recavano in terra canadese con l’idea di realizzare e vendere i peggiori e più nocivi intrugli liquorosi (dando loro il nome assolutamente improprio di Whisky) alle locali popolazioni indiane, assolutamente non abituate all’alcool e tanto meno a quel che si voleva propinargli. Leggi il resto

Il lungo viaggio di Estevanico

A cura di Pietro Costantini


Estevanico
Una delle più grandi odissee della storia americana iniziò nella piccola città di Azamor, sulla costa occidentale del Marocco, all’inizio del XVI secolo. Il giovane, che aveva trascorso i suoi primi anni di vita guardando le rive dell’Atlantico, poteva non avere alcun sentore del bizzarro futuro che il fato aveva in serbo per lui: un viaggio attraverso quel grande oceano fino alle terre di genti che non avevano alcuna conoscenza dell’Islam in cui era nato. In quelle terre sarebbe morto con un nome cristiano in una città che si credeva contenesse favolose ricchezze. Leggi il resto

La cultura di Chaco Canyon

A cura di Pietro Costantini


Petroglifi a Una Vida, nel Chaco Canyon

Il Parco della Cultura Chaco possiede la più densa ed eccezionale concentrazione di insediamenti nativi ancestrali del Sudovest americano. Si trova nel nordovest del New Mexico, tra Albuquerque e Farmington, in una vallata tagliata da Chaco Wash, un arroyo. Il Parco offre il più ricco assortimento di rovine di culture native ancestrali, antenati dei Pueblos e conserva una delle più affascinanti aree storiche e culturali d’America. Il parco è situato nell’arida ed inospitale regione dei Four Corners, ed è un centro culturale Chaco molto fragile; il rischio erosione causato dai turisti ha portato alla chiusura al pubblico di Fajada Butte. Leggi il resto

Soldati a cavallo (US Plains Cavalry)

A cura di Sergio Mura


George A. Custer
Per oltre 50 anni gli appassionati di cinematografia western hanno potuto guardare molti film in qualche modo dedicati alla Cavalleria americana delle pianure. Nei film c’era solo l’opportunità di vedere una versione romanzata della vita dei soldati di cavalleria, ma era un approccio comunque utile per via del fondo di verità storica che era possibile intravvedere aldilà della cortina dei racconti edulcorati. Tutto iniziò nel 1939 con il famosissimo film Stagecoach (Ombre Rosse in Italia) in cui si racconta l’avventurosa traversata di una diligenza inseguita dagli indiani. In quel film a salvare la situazione sono proprio i cavalleggeri che con il più classico squillo della tromba arrivano all’ultimo istante e salvano i poveri bianchi dai selvaggi urlanti. Leggi il resto

Rare foto d’epoca dei Nativi Americani colorate a mano

A cura di Paul Ratner


Come regista, sono sempre stato attratto dalle immagini.
Il mio primo amore per il cinema è venuto dai vecchi e gloriosi film in bianco e nero. Ad un certo punto, al college, mi è sembrato quasi strano vedere un film realizzato a colori. Crescendo, ho accettato il colore e ora ho difficoltà a seguire una “dieta” monocromatica. La vita mi sembra che sia troppo risplendente per essere incardinata intorno ad un solo tono. Leggi il resto

Storia dei popoli del Nord-America – 8

A cura di Claudio Ursella
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.


LE FORESTE ORIENTALI

La vasta regione compresa tra i Grandi Laghi, il fiume Mississipi, il Golfo del Messico e l’oceano Atlantico, è certamente una tra le zone del mondo che offre le migliori condizioni per lo sviluppo dell’attività umana: un clima che va dal temperato freddo della fascia settentrionale, al subtropicale lungo le coste del Golfo, con una piovosità abbondante, una vegetazione ricca, grandi foreste di latifoglie nell’interno e pinete nelle zone costiere; quasi al centro della regione, una bassa catena montuosa, i monti Allegheni o Appalachi, che si estende da nord a sud. Leggi il resto

Il Pow Wow

A cura di Pietro Costantini


Un pow wow
Il Pow Wow, insieme di danze e canti tradizionali degli Indiani d’America, pur essendo una manifestazione recente, consolida nella sua struttura numerosi elementi tribali appartenenti ad antiche tradizioni. Le danze che lo costituiscono sono un segno di riaffermazione etnica, l’espressione di elementi ideologici e spirituali che contraddistinguono la cultura ancestrale dei Nativi nordamericani. Il Pow Wow si evolve, arricchisce i suoi mezzi espressivi, si adatta alle esigenze comunicative dettate dagli eventi storico-sociali, realizzando un graduale adattamento dei suoi modelli che, iniziati come cerimonia rituale, si sono ridefiniti in una forma competitiva più spettacolare. Leggi il resto

Jesse Chisholm

A cura di Sergio Mura


Un ritratto di Jesse Chisholm
Nonostante ciò che si potrebbe credere al riguardo del volenteroso creatore del Chisholm Trail, lungo il quale sono transitati milioni di capi di bestiame diretti dal Texas verso il Kansas, Jesse Chisholm non aveva mai allevato il bestiame. Il sentiero che porta il suo nome l’aveva disegnato solo per trasportare le merci tra i suoi trading post (posti commerciali di scambio).
Jesse Chisholm era nato nel Tennessee nel 1805 o forse nel 1806 ed era il più vecchio di tre figli, nato da un immigrato scozzese, tale Ignatius Chisholm e da sua moglie, una indiana Cherokee. Qualche tempo dopo, i suoi genitori si separarono, ma entrambi andarono a vivere nel Territorio dell’Arkansas. Leggi il resto

La grande galleria dei Nativi Americani

A cura di Anna Maria Paoluzzi


I Nativi Americani hanno conquistato il nostro cuore da decenni. Lo hanno fatto con la forza della loro determinazione, con la loro indomita resistenza, con la bellezza e la ricchezza delle loro tradizioni, con tutta la loro drammatica eppur avvincente storia. Sono stati i padroni incontrastati del Nord America praticamente da sempre e fino all’arrivo dell’Uomo Bianco. Da quel momento nulla è stato più come prima, né per i bianchi né tantomeno per gli indiani. Tribù sparite nel nulla, altre decimate, culture intere annientate e altre asservite… Leggi il resto

Il Trattato di Fort Wise (18-2-1861)


Black Kettle (secondo in basso da sinistra) e altri guerrieri delle pianure
Quando nel 1859 gli Stati Uniti inviarono numerosi prospettori, tecnici e cercatori alla scoperta dell’oro nel Territorio del Colorado, improvvisi scoppiarono numerosi conflitti, piccoli e grandi, tra i bianchi affamati del metallo prezioso e gli indiani che difendevano la loro terra da quell’invasione. Nel tentativo di arginare il rischio di una guerra continua con gli indiani delle pianure, gli emissari governativi proposero di incontrare i capi delle tribù a Fort Wise per discutere insieme di come restare in pace, garantendo agli indiani il loro spazio vitale e ai cercatori d’oro il diritto di restare nelle terre indiane. Leggi il resto

Pagina successiva »