Hoskinini, l’ultimo capo dei Navajos

A cura di Marco Aurilio

Una foto di Hoskinini
Spesso chiamato “l’ultimo capo dei Navajos”, Hoskinini aveva circa 35 anni durante la campagna di Kit Carson del 1863. Mentre i soldati e la loro minacciosa nube di polvere si avvicinavano alla sua casa nei pressi di Kayenta, Monument Valley, Hoskinini e i membri della sua famiglia, afferrato ciò che potevano, fuggirono a nord, verso il paese degli Ute. La sua fuga da Kit Carson ha molte versioni, alcuni sostengono che conoscesse un tunnel segreto sotto il fiume San Juan. Suo figlio, Hoskinini Begay, aveva 5 anni all’epoca, raccontò a Charles Kelly la storia di come riuscirono ad eludere le truppe nascondendosi nei territori più remoti di Dinètah, l’intervista fu possibile grazie all’amicizia che Hoskinini Begay aveva con Harry Goulding, un trader della Monument Valley e con l’interprete Ray Hunt ed è stata pubblicata nell’edizione di Luglio 1941 del “The Desert Magazine”. Leggi il resto