Massacro a Fort Parker (Texas)

A cura di Sergio Mura

Ciò che sarebbe stato chiamato Fort Parker, nacque come fattoria fortificata abitata da coloni, a circa due miglia a nord dell’attuale Groesbeck (Contea di Limestone in Texas). L’insediamento venne costruito dall’anziano John Parker (1758-1836) che ci visse con i suoi figli, Benjamin, Silas e James, più altri membri della “Pilgrim Predestinarian Baptist Church”, una chiesa battista originaria della contea di Crawford, Illinois. I coloni erano guidati da John e Daniel Parker e arrivarono in Texas nel 1833. All’inizio il gruppo di Daniel si stabilì nella contea di Grimes, ma poi si trasferì nella contea di Anderson (nei pressi dell’attuale Elkhart) ove fondò la Pilgrim Church. Il gruppo guidato dall’anziano John Parker si stabilì invece nei pressi delle sorgenti del fiume Navasota e lì costruì una vera e propria fattoria fortificata che aveva tutte le parvenze di un forte militare. Leggi il resto

Lillie Langtry, la prima star degli Stati Uniti

A cura di Valentina Santoli


Un ritratto di Lillie Langtry e, sullo sfondo, il saloon di Roy Bean
Non solo di indiani, pionieri e pistole era popolato il vecchio West: a volte, un tocco di grazia femminile riusciva a farsi strada in quel nuovo mondo. Lillie Langtry, nata Emile Charlotte LeBreton, con la sua splendida eleganza ed un folta capigliatura rosso tiziano conquistò l’America grazie alla sua bellezza e alle eccezionali doti artistiche, che la proiettarono negli ambienti più esclusivi. Leggi il resto

Cynthia Ann Parker, storia della giovane texana che divenne Comanche

A cura di Sergio Mura


Cynthia Parker mentre allatta la figlia e Quanah, altro suo figlio, capo dei Comanche
Cynthia Ann Parker, una bimba texana di appena nove anni, fu rapita dagli indiani Comanche mentre la sua famiglia veniva brutalmente massacrata davanti ai suoi occhi.
Dopo che l’isolato avamposto texano fu attaccato da un gruppo di guerra di Comanche, la piccola Cynthia venne allontanata da sua madre, portata via a cavallo e allevata per vivere come una delle donne della tribù.
Per 24 anni la donna dagli occhi azzurri, dapprima prigioniera, rimase volontariamente con i suoi rapitori, sposandosi con un Comanche e facendo nascere dei figli, dimenticando perfino la sua lingua d’origine. Leggi il resto

Sarah Winnemucca, una vita in difesa dei Paiute

A cura di Valentina Santoli

Sarah, nipote del Capo Truckee della tribù dei Paiute, nacque nel 1844 nella Contea di Washoe, Nevada. Il Capo Truckee aveva amichevolmente condotto esploratori bianchi come John C. Fremont alla scoperta della Sierra Nevada, non prevedendo che da quella prima ricognizione sarebbe conseguito l’avanzare di orde di coloni bianchi, che avrebbero invaso la sua terra costringendo all’esilio lui e la sua gente.
Sarah scrisse nella sua autobiografia “Ero molto piccola quando i primi bianchi giunsero nel nostro territorio. Arrivarono come un leone, sì, come un leone ruggente e hanno continuato ad arrivare nello stesso modo sin da allora, e io non ho mai dimenticato la loro prima venuta”.
Il nonno di Sara, nella sua saggezza, era convinto dell’importanza di mantenere la pace con i nuovi arrivati, e aveva fatto in modo che sia Sarah che la sua sorellina potessero ricevere un’istruzione, apprendendo il modo di vivere dell’uomo bianco e la lingua inglese: poiché desiderava che le bimbe avessero gli strumenti per ottenere ogni vantaggio possibile dal contatto con i coloni, si era accordato con un commerciante della Virginia che viveva in un insediamento vicino con la sua famiglia, affinchè facesse loro da insegnante. Leggi il resto

Donne selvagge del West

A cura di Michele De Concilio

Alcune signore non eccellevano in moralità, ma virtualmente tutte dimostrarono grande coraggio e affrontarono i pericoli e le incertezze della vita della frontiera.
Sia che la si chiamasse Madame o Ma’am, Señorita o Squaw, una donna doveva avere fegato per sopravvivere nel West. Il “sesso debole” incontrò ostacoli selvaggi, brutali e sgradevoli (e questi erano proprio gli uomini!), senza menzionare Madre Natura e una calamità o due. O tre. Nonostante queste avversità, o forse a causa di esse, la frontiera Americana attirò legioni di donne anticonformiste – fuori dal branco, solitarie, eccentriche e avventuriere. E alla fine tutte conservarono il loro senso dell’umorismo: “Ho 350 capi di bestiame e un figlio” disse una vedova proprietaria di ranch. “Non so chi è più duro da allevare.”
Nel caso della “boat people” (immigranti venuti dall’Europa) che si avventuravano verso il West, le donne in genere dovettero fare a meno della famiglia, degli amici, della loro cultura nativa e delle “strutture protettive” della società dell’Est. Leggi il resto

La nascita del mito Western nell’Ottocento: Eroine nelle dime Novels – 12

A cura di Noemi Sammarco
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16.


Eroine nelle dime Novels
Quando pensiamo agli eroi del west, la nostra mente corre quasi esclusivamente a personaggi maschili.
Non è pertanto sorprendente che in nessuno dei testi della letteratura “classica” americana sia possibile ritrovare un’eroina della frontiera capace di sparare e combattere come Natty Bumppo. Solamente a partire dalla seconda metà dell’Ottocento in alcune dime novel si affacciarono personaggi come Hurricane Nell e Calamity Jane, eroine dalla mira infallibile, provette cavallerizze, esperte lanciatrici di “lazo”. Leggi il resto

La nascita del mito Western nell’Ottocento: Le eroine del west – 11

A cura di Noemi Sammarco
Tutte le puntate: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16.


Le eroine del west, la nascita del Mito
L’immagine mitica del caotico e violento Far West è dura a morire. Tra sceriffi e fuorilegge, cowboy e indiani, teepee e saloon, cavalli e bisonti, canyon e praterie, frecce e Colt, il Far West è uno dei luoghi comuni più popolari dell’immaginario.
Il western nasce come prodotto culturale ed è il frutto di condizioni storiche, politiche, sociali e culturali decisamente uniche ed è caratterizzato da una costruzione mitica che ha le sue radici nella cultura ottocentesca, che della conquista del West ha sempre dato eccessivo rilievo agli aspetti sensazionali e patologici, lontani dagli aspetti storici. Leggi il resto

Charley (Charlotte) Parkhurst, la frusta più famosa del west

A cura di Valentina Santoli


La diligenza di Charley Parkhurst – clicca per INGRANDIRE
Nel dicembre del 1879, quando il notissimo conducente di diligenze delle colline della Sierra Nevada Charley Parkhurst passò a miglior vita, venne così ricordato:
“Era il più abile e celebrato fra i conducenti di diligenze, ed era un onore occupare il posto di scorta del sedile del conducente quando l’intrepido Charley Parkhurst teneva le redini” – Commento di un conducente al “San Francisco Morning Call”, 1879. Leggi il resto

La storia di Olive Oatman

A cura di Massimo Bencivenga


Olive Oatman
I racconti e la cinematografia, i fumetti e i libri, le canzoni e le ballate ci hanno abituato ad immaginare un bianco, bambino o adulto, che vive pacificamente con i Nativi.
Ma le cose non andavano sempre così lisce, né tantomeno così pacificamente. Andremo un po’ a vedere la storia di Olive Oatman. Leggi il resto

Godless


Godless
Godless è una miniserie televisiva western in 7 puntate andata in onda in questi giorni su Netflix che l’ha prodotta. La trama è proprio western, nel senso abbastanza classico del termine: la serie ruota intorno all’ingegnosa lotta per la sopravvivenza del giovane bandito Roy Goode (Jack O’Connell), in fuga dopo aver tradito il compagno di rapine Frank Griffin (Jeff Daniels) e la sua banda di fuorilegge. Ma soprattutto Godless racconta la strenua resistenza di un gruppo di donne, tra cui la vedova Alice Fletcher (Michelle Dockery) presso la quale trova rifugio Roy, rimaste sole nella decadente città mineraria di La Belle. Leggi il resto

Pagina successiva »