I revolver ad avancarica del West

A cura di Alfredo Barattucci, con il contributo di Gualtiero Fabbri

Ai tempi del vecchio West – contrariamente a quanto si vede al cinema – i revolver a retrocarica non erano affatto di uso comune e ne circolavano pochissimi. Infatti cominciarono a diffondersi solo dopo il 1873, anno in cui fu prodotta la celebre Colt SAA, cioè il modello denominato “Single Action Army”. Prima di quella data, se si esclude qualche prototipo, o qualche arma modificata, anche i più famosi pistoleri erano armati di revolver ad “avancarica del tamburo”, come la Colt Dragoon, la pistola Remington, la Colt modello Army del 1860, e la Colt Modello 1851.
Quest’ultima, prodotta nel calibro da 36 centesimi di pollice, era chiamata “Colt modello da cintura in calibro navale”, ma fu ribattezzata “Colt Navy Modello 1851” dai primi collezionisti e ancora oggi è conosciuta sotto tale denominazione.
Nonostante questo, dal 1860 al 1873 vi furono diverse ditte che producevano già revolver a cartuccia metallica, generalmente non sviluppavano grande potenza, ad esempio per parlare della sola Smith-wesson produsse circa 350.000 di queste armi di piccolo e medio calibro, nonché, prima del 1874, anche 28.000 potenti revolver in cal, 44. Leggi il resto