George Weightman, “Red Buck”, pericoloso fuorilegge

A cura di Paolo Brizzi da un articolo di Kathy Weiser

George Weightman
George “Red Buck” Weightman (18??-1896) fu uno dei più spietati fuorilegge dell’Oklahoma. Si pensa provenisse dal Texas e meritò il suo soprannome per via dei suoi capelli rossi. In Oklahoma diventò ladro di cavalli e killer; si dice avesse ucciso quattro uomini e ne avrebbe uccisi altri per solo 50 dollari di premio. Fu uno dei fuorilegge più famosi del Territorio Indiano; si diceva provasse piacere ad uccidere e spesso si vantava delle sue gesta. Nel 1889 fu arrestato da Heck Thomas per abigeato e imprigionato, ma dopo tre anni fu rilasciato. Tornò in Oklahoma e si associò con la banda Doolin.
Il 1 Settembre 1893 Red Buck si trovava con la banda Doolin nella sparatoria di Ingalls, Oklahoma, in cui morirono tre vice Marshalls.
In una occasione mentre Red Buck cavalcava con Bill Doolin e gang, Red Buck tentò di sorprendere Bill Tilghman alle spalle.
Comunque Doolin, un uomo giusto malgrado fosse un criminale, fermò Red Buck sostenendo che Tilghman era troppo un brav’uomo per essere colpito alle spalle.
Il 3 Aprile 1895 partecipò alla rapina al treno di Dover, Oklahoma, con la banda Doolin. La banda riuscì a sganciarsi ma una posse fu subito alle loro calcagna e scoppiò una sparatoria in cui “Tulsa Jack” Blake fu ucciso. Red Buck ebbe il cavallo colpito sotto di lui ma riuscì a salire dietro a George “Bitter Creek” Newcombe e infine a distanziare gli uomini di legge.
A quel tempo Red Buck era ben conosciuto da ogni delegato Marshall del territorio e Red Buck inviò loro una sfida aperta ad arrestarlo. Comunque pochi pensarono valesse la pena di tentarne l’arresto, malgrado la ricompensa offerta.
Dopo la fuga della banda Doolin dalla rapina al treno i fuorilegge raggiunsero la casa di un ministro battista, Godfrey, chiesero da mangiare e progettarono di rubare i suoi cavalli.
Una “posse” segue il bandito
Quando Godfrey si oppose Red Buck lo uccise a sangue freddo. Bill Doolin fu cosi arrabbiato per questo delitto ingiustificato che cacciò Red Buck dalla banda.
Red Buck continuò a percorrere la sua pista di sangue e fu assoldato per uccidere un importante rancher, Perry Parish, in Greer County. Comunque Parish scoprì il progetto e riuscì a salvarsi.
Ma nel Settembre 1895 il rancher Gus Holland non fu ugualmente fortunato. Quando Red Buck e un uomo di nome Charlie Smith tentarono di rubargli il bestiame e il rancher si oppose, Weightman lo uccise.
Pochi giorni più tardi i due fuorilegge tentarono di vendere le bestie a un rancher di Cleo Springs, ma quando questi riconobbe il marchio di Holland, rifiutò.
Quella notte Red Buck tentò di uccidere il rancher, che sopravvisse, ma non fece altro per timore per la sua vita.
Red Buck poi riunì una nuova banda di fuorilegge, principalmente Texani, che cominciò a terrorizzare l’area di Taloga. La sua banda includeva un ex-uomo di legge di Motley, Texas, Joe Beckman, che aveva lasciato lo stato per l’accusa di omicidio ed estorsione, così come altri uomini, Hils Loftis e Elmer “Kid” Lewis.
Nell’area viveva anche il vice Marshall Joe Ventioner, determinato a liberare la regione dall’illegalità. Red Buck e i suoi uomini fevero diversi tentativi per liberarsi di Ventioner e di altri uomini di legge, ma senza successo. Quando la banda rapinò uno spaccio ad Arapaho, Oklahoma, 30 miglia a sud di Taloga, fu rapidamente inseguita da Joe Ventioner e posse. La banda fuggì in Texas e Ventioner non potè agire al di fuori della sua giurisdizione. Furono però allertati i Texas Rangers per affrontarli. In uno scontro a fuoco coi Rangers, Joe Beckman fu ucciso e Red Buck gravemente ferito, ma riuscì a fuggire.
Elmer “Kid” Lewis e Hills Loftis riuscirono anch’essi a scappare: Lewis fu più tardi linciato a Wichita Falls dopo aver derubato una banca ed ucciso un bancario. Di Loftis non si seppe più nulla. Red Buck tornò in Oklahoma dove guarì e presto congiunse le sue forze con un altro fuorilegge texano, George Miller.
Un ritratto di Heck Thomas
Un cittadino, W.W. Glover, accolse i due senza legge, ma dopo due giorni pensò che avrebbe raccolto la taglia che pendeva sulle loro teste. Dopo aver informato la Polizia indiana ad Arapaho della loro localizzazione, Glover condusse una posse verso di loro. Red Buck però sparò e lo uccise e i due riuscirono a dileguarsi.
Quando Joe Ventioner seppe che Red Buck era di nuovo nei paraggi unì le proprie forze coi delegati William Holcomb e Bill Quillen e cominciò ad inseguire i fuorilegge.. In Custer County scoprirono che si stavano nascondendo presso la fattoria di Dolph Pickelseimer, che aveva precedenti di amicizia coi fuorilegge. La mattina del 4 Marzo 1896 quando i Marshalls tentarono l’arresto scoppiò una sparatoria e Red Buck fu ucciso da Joe Ventioner. Per vendetta George Miller colpì Ventioner all’addome. Holcomb poi sparò a Miller colpendo la cartuccera e provocando lo scoppio di diverse pallottole; Miller perse la mano destra e tre dita della mano sinistra.
Pickelseimer fu arrestato per complicità e George Miller fu mandato in prigione in Texas dove scontò una breve condanna. Weightman fu sepolto nel cimitero di Arapaho, Oklahoma.
Dopo il suo ferimento Miller venne soprannominato “Hookie” Miller, per via del guanto con uncino che indossava. Continuò una vita di crimini per diversi anni per poi infine convertirsi e diventare uomo di legge egli stesso. Fu più tardi ucciso durante l’esecuzione di un mandato d’arresto. Nel frattempo Joe Ventioner era guarito dalle sue ferite e continuò la sua vita al servizio della legge.

Condividi l'articolo!

Commenti

Una risposta a “George Weightman, “Red Buck”, pericoloso fuorilegge”

  1. -Gre-, il 27 luglio 2010 01:53

    Mi appassionano le storie sulla vita dei fuorilegge.

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.