La banda dei Dalton

A cura di Paolo Santoni

Credo sia di gusto romantico affermare che i fratelli Dalton furono indirizzati verso una vita all’insegna del crimine. Il fatto è che crebbero in un luogo selvaggio in tempi selvaggi: sul confine dei Territori Indiani, nelle vicinanze di Coffeyville, Kansas. Per un breve periodo servirono la legge in qualità di Marshall. Il fratello maggiore, Frank Dalton, ricevette l’incarico di Marshall di corte federale a Forte Smith. Il 27 novembre 1887, durante una sparatoria con la Banda Smith-Dixon, venne colpito ed ucciso. Grat Dalton, che insieme al fratello Bill si era trasferito in California, tornò nei Territori Indiani e continuò laddove il fratello maggiore aveva dovuto lasciare. Lavorando come marshall, durante l’arresto di un sospetto fu colpito al braccio da un proiettile e nel 1889 ricevette l’incarico di marshall per la corte di Muskogee.
Bob Dalton era marshall per la corte federale di Wichita, Kansas; operava nella Nazione Osage e spesso affiancava il fratello Frank. Anche Emmet Dalton collaborava con i fratelli, ma si guadagnava da vivere lavorando soprattutto come cowboy nel Ranch Bar X Bar, nei pressi della Pawnee Agency.
Fu proprio nel ranch che Emmet incontrò due dei futuri membri della Banda: Bill Doolin e William St Power, alias Bill Powers, alias Tom Evans. Sono scarse le notizie circa Bill Power. Tutto ciò che sappiamo è che si spinse dal Texas fino ai Territori seguendo un sentiero tracciato dalle mandrie dei Pecos. Lavorando al Bar X Bar Emmett fece la conoscenza dei futuri membri banda, tutti cowboys operanti nei vicini rach. Erano Charlie Pierce, George Newcomb, Charlie Bryant, e Richard (Dick) Broadwell, alias Texas Jack alias John Moore.
Bill Doolin
Dick Broadwell apparteneva ad una famiglia abbiente dei pressi di Hutchinson, Kansas. All’apertura dei Territori in Oklahoma ottenne una concessione di terreno nella zona dei Cowboy Flats. Incontrò e si innamorò della giovane donna che possedeva il territorio di fianco al suo. Le chiese di sposarlo. Lei accettò e propose di vendere entrambi i territori e di trasferirsi insieme a Fort Worth, Texas, dove poi lei scomparì con tutti i soldi. Dick tornò nei Territori e cominciò a lavorare nei ranch.
Charlie Pierce veniva dalla contea del Blue River, Missouri. Si trasferì nella Nazione Indiana per evitare guai nel Missouri, stabilendosi nella contea Pawnee. Passò del tempo nella prigione di Forte Smith per traffico illegale di whisky.
George Newcomb, conosciuto anche come Bitter Creek Newcomb, veniva da Forte Scott, Texas. All’età di dodici anni Newcomb iniziò la sua carriera di cowboy lavorando per C.C. Slaughter al Long S Ranch in Texas. Più tardi si trasferì nei Territori.
Charlie Bryant veniva dalla contea di Wise, Texas. Aveva un’ustione da polvere da sparo sulla guancia e per questo veniva chiamato Black Faced Charlie ( Charlie Faccia Nera, N.d.T. ). Nel periodo in cui serviva la legge in qualità di poliziotto della Nazione Osage, venne accusato di traffico di whisky. Nello stesso periodo anche Grat Dalton ebbe dei guai e fu dismesso dal suo incarico di marshall per condotta non appropriata ad un ufficiale. Nonostante non fossero più ufficiali lavorarono ancora come uomini dei marescialli. Lo stipendio però non era più lo stesso.
Bob Dalton
Nel luglio del 1890 Bob, Grant ed Emmett furono accusati di aver rubato cavalli vicino a Claremore I.T. e di averli poi venduti in Kansas. Con gli uomini degli sceriffi alle calcagna Bob ed Emmett lasciarono i Territori dirigendosi verso la California. Grat fu arrestato, rinchiuso in prigione e successivamente rilasciato per mancanza di prove evidenti. Anche lui lasciò i territori per unirsi ai fratelli, in California. Lì i ragazzi si unirono al fratello Bill e gli eventi li videro ben presto ancora alle prese con la violazione della legge. Nella notte del 6 febbraio 1891 il convoglio ferroviario della Southern Pacific RR venne assalito e derubato ad Alila, California. Vennero accusati i fratelli Dalton. Ancora una volta Bob ed Emmett fuggirono con gli sceriffi alle calcagna. Grat e Bill furono arrestati. Bob ed Emmett tornarono nei Territori ma la legge, che si ricordava ancora di loro, faceva bruciare il terreno sotto i loro piedi. Nascosti nelle Nazioni Indiane, i ragazzi si accordarono con i vecchi compagni di ranch di Emmett, Charlie Bryant e Bitter Creek Newcomb, per un assalto al treno a Wharton, Territori Osage, maggio 1891. La banda si appropriò di 1.745 dollari appartenenti alle ferrovie. Poco tempo dopo Charlie Bryant si ammalò e fu portato per una visita medica a Hennessey, T.O.
Il marshall Ed Short vide Bryant nel momento in cui venne portato in città e lo arrestò nell’hotel in cui era stato ricoverato. Non essendoci prigioni ad Hennessey il marshall decise di trasferire il prigioniero, via ferrovia, nella prigione federale a Wichita. Durante il trasferimento Bryant operò un disperato tentativo di evasione. Si procurò una pistola e ingaggiò uno spaventoso conflitto a fuoco con il marshall. Entrambi gli uomini morirono sotto i colpi reciproci.
Il successivo colpo della Banda avvenne ai danni del treno Katy a Leiaetta, nei pressi di Wagoner I. T.
Al fianco di Bob ed Emmett c’erano Bitter Creek Newcomb, Bill Powers, Dick Broadwell, Charlie Pierce e Bill Doolin. Nella notte del 15 settembre 1891 il treno fu fermato ed assalito, il bottino ammontava a 2.500 dollari. Nel frattempo, il 3 luglio 1891, in California, una giuria riconobbe Grat Dalton colpevole dell’assalto al treno di Alila. Nell’attesa della sentenza Grat evase, era il 18 settembre, dirigendosi verso l’Oklahoma. Si unì prontamente ai suoi fratelli. Sul finire del maggio del 1892 i tre Dalton si unirono a Pierce, Newcomb, Powers, Broadwell e Doolin per un altro colpo al treno.
Il corpo di Bitter Creek
Il 1 giugno 1892, nella stazione di Red Rock, si posizionarono aspettando il convoglio in arrivo. La banda però fiutò qualcosa di sospetto e decise di non intervenire, aspettando invece il treno successivo, ed assalendolo. In effetti il primo convoglio ospitava guardie armate a protezione di 70.000 dollari appartenenti all Sac and Fox. Sfortunatamente il treno successivo regalò loro un bottino ben più misero. La banda si allontanò con soli 50 dollari!
Il 14 luglio 1892 la banda eseguì il suo ultimo assalto ferroviario a Adair I.T.
Anche questa volta il treno era pieno di guardie, ma la banda lavorò così silenziosamente e così velocemente che i marescialli si accorsero solo all’ultimo momento di quanto stava accadendo proprio sotto al loro naso. Ci fu una breve ma feroce sparatoria durante la quale un innocente passante rimase ucciso ed un altro venne ferito. I banditi scapparono illesi con un bottino di entità sconosciuta.
Dopo il colpo di Adair la banda si divise ed ognuno andò per la propria strada. Con la legge alle calcagna i Dalton pianificarono un ultimo colpo per garantirsi un cospicuo bottino e lasciare poi il paese. Il piano prevedeva una doppia rapina: due banche contemporaneamente, due banche dello stesso paese. Si sarebbero così garantiti il denaro per lasciare il paese, ed un posto nella Storia per aver eseguito un colpo mai tentato da nessun’altra banda..
La località perfetta per questo colpo era Coffeyville, Kansas, la città dei Dalton.

Condividi l'articolo!

Pagine di questo articolo: 1 2

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.