Scatti da Deadwood

A cura di Omar Vicari

La città di Deadwood, se così poteva chiamarsi, venne fondata nei primi mesi del 1876 durante la corsa all’oro dopo la scoperta del prezioso minerale da parte di John B. Parson nella zona delle Black Hills.
A quelle quattro case di legno tirate su nell’arco di una notte venne dato quel nome a causa dei numerosi alberi colpiti dai fulmini e caduti lungo i pendii delle colline circostanti.
Nel 1874, sotto il comando di George A. Custer, venne sponsorizzata dal governo una spedizione affinché confermasse la presenza dell’oro nella zona delle Black Hills, una terra da secoli ritenuta sacra dagli indiani che vi vivevano e che, in base al trattato di Fort Laramie del 1868, era stata definitivamente assegnata ai Lakota-Sioux.
Una volta scoperto l’oro e in barba al trattato, la zona venne letteralmente invasa da un esercito di coloni, minatori e avventurieri di ogni sorta.
Persino alcuni famosi uomini di legge come Wyatt Earp parteciparono a quella grande corsa nella speranza di facili guadagni.
L’alcool scorreva a fiumi per le strade di Deadwood e sicuramente il rispetto della vita altrui non doveva albergare nell’animo di quella moltitudine di rozzi minatori, di bari e assassini che popolava quella fogna a cielo aperto. Si uccideva per poco o niente, anche solo per farsi una reputazione come nel caso di Jack Mc Call, l’assassino di James Butler Hickok, il leggendario pistolero.
John Wallace Crawford, meglio noto come Capitan Jack, fu il primo reporter a metter piede nella zona delle Black Hills. Come corrispondente per l’ “Omaha Bee”, per primo contattò Calamity Jane a Custer City prima che si trasferisse a Deadwood assieme a Colorado “Charlie“ Utter.
Lo sviluppo della città crebbe di pari passo con l’estrazione dell’oro, ma nel corso degli anni alluvioni e incendi furono le cause della perdita di intere fortune. Anche in anni recenti, come nel 2002, il fuoco è arrivato a lambire il circondario di Deadwood e il Mount Moriah Cemetery dove sono sepolte le “ celebrità “ della città.
Oggi Deadwood è una moderna cittadina che nel corso degli anni il consiglio comunale ha trasformato in una piccola Las Vegas. Non c’è angolo di strada in cui non esista un locale con le “slot machine“. La città evidentemente vive di quel tipo di turismo, ma anche del suo turbolento passato. Ancora oggi, infatti, in qualche bar, è possibile rivivere eventi trascorsi come il processo a Jack Mc Call, oppure assistere ad annuali manifestazioni come i “Days of ’76“.
Di seguito, alcune immagini che testimoniano la radicale trasformazione della città nell’arco di un centinaio di anni.

Per visualizzare l’immagine in dimensioni generose e leggere la didascalia completa è sufficiente cliccare sulle miniature, mentre se si vuole scaricare lo sfondo si deve cliccare sulla didascalia delle immagini.
E’ importante lasciare caricare completamente la pagina per vedere le foto ingrandite.

Minatori a Deadwood Pepite d’oro
Sede del Pioneer La prima prigione di Deadwood
Parte posteriore di un saloon Veduta di Deadwood
La diligenza Spearfish-Deadwood Disordine della città in espansione
Il Gem Theater Una forca
L’Oyster Bay Restaurant Deadwood nel 1876
La Chinatown di Deadwood nel 1877 La famiglia Wong
Una Deadwood dall’aspetto moderno L’ultima diligenza guidata da F. Hunter
Immagine di una fonderia Le White Rocks
La ferrovia per le Black Hills Personale della ferrovia
Arrivo del primo treno Dopo l’incendio di Deadwood
Acqua sui binari Le acque travolgono Pluma
James Butler Hickok J. B. Hickok e Agnes Lake Thacher
Hickok uomo di spettacolo Il capitano W. R. Massie
Calamity Jane California Joe
John Wallace Crawford Colt 1849 Pocket Pistol
Calcio della stessa pistola Jack Mc Call
Buffalo Bill Buffalo Bill a Deadwood
Doc Ellis T. Pierce In memoria del predicatore Henry W. Smith
Seth Bullock Sol Star, sindaco di Deadwood
Scott Davis John S. McClintock
La famosa Poker Alice Tubbs Calamity Jane e la tomba di Wild Bill
Franklin Hotel di Deadwood La main street di Deadwood
L’Ufficio Postale di Deadwood Il tempio massone di Deadwood
La prima chiesa Battista Deadwood è ora una moderna città
The Adam House L’Adams Museum
Theodore Roosevelt Folla di turisti
La tomba di Calamity Jane Il Seth Bullock Hotel
Il saloon n° 10 L’ultima locomotiva Mallett
L’entrata del vero Saloon n° 10 I Days of ‘76
Nell Perrigoue La vecchia diligenza Spearfish-Deadwood
La diligenza Abbott-Downing Concord Richard Clarke
Tom Grant Personaggi pittoreschi di Deadwood
Potato Creek Johnny Membri del Whisker Club
Il Sunbonnet Club Kills-a-Hundred
Un ricordo dei Days of ’76 Sulla diligenza, Tom Grant
Richard Clarke (Deadwood Dick) Ancora Deadwood Dick
Rievocazione del processo a Jack Mc Call Deadwood oggi

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.