Donna Lakota (Mary Crow Dog)

A cura di Sergio Mura

L’autobiografia di una donna pellerossa non l’avevo ancora letta e sono contento che questa sia capitata tra le mie mani.
Nata nella riserva di Rosebud, nel sud Dakota, Mary è cresciuta in una baracca con una sola stanza, senza acqua corrente ed elettricità e, ovviamente, senza radio e televisione.
Rimane perciò all’oscuro di tutta la “costosa spazzatura” dell’America bianca. Il primo contatto con la civiltà avviene quando, come molti bambini delle riserve, viene mandata in un collegio missionario.
Mary si ribella con tutte le sue forze alla rigida disciplina imposta dalle suore, scappa e affronta un precocissimo destino di drop-out. A salvarla sarà l’ondata d’orgoglio tribale che attraversa l’America degli anni Sessanta e nei primi anni Settanta, quando la ribellione travolse anche un’intera generazione di indiani.
In questo libro si può trovare tutto quello che manca agli altri che vi descrivo in queste pagine, cioè il racconto, la descrizione di come vivono oggi i pellerossa e di cosa sono oggi le riserve.
Lo consiglio caldamente.

Titolo: Donna lakota

Autore: Mary Crow Dog, Richard Erdoes

Editore: Marco Tropea Editore

Traduttore: Marco Massignan

Autori: Crow Dog Mary, Erdoes Richard

Data di Pubblicazione: 2000

Collana: Est

Pagine: 248

Rilegatura: Brossura leggera

Pregi: Analizza la rinascita culturale dei pellerossa negli ultimi decenni e come si vive oggi nelle riserve

Prezzo: Euro 7,23

Condividi l'articolo!

Commenti

Articolo non commentabile.