Rebecca Cumpler, la prima afro-americana a laurearsi in medicina (durante la guerra civile!)

A cura di Marco Vecchioni


Nel maggio 1869, un medico fece un discorso al raduno annuale della Masschussetts Anti-Slavery Society. La schiavitù era stata abolita nel 1865 e chi parlava espresse grandi speranze per il futuro della popolazione di colore. Fece anche una profezia: ci sarebbe voluto “Un duro lavoro per assicurare a tutti i giusti e dovuti diritti.”
Chi tenne quel discorso era una donna, Rebecca Cumpler, la prima donna afro – americana ad essersi laureata in medicina. Dedicò la sua carriera a migliorare la salute della popolazione di colore che viveva in povertà, specialmente donne e bambini. La Cumpler era nata come Rebecca Davis a Christiana, nel Delaware, nel 1831. Si era sposata con Wyatt Lee nel 1852, trasferendosi a Charlestown nel Massachusetts. Aveva lavorato come infermiera per alcuni medici della città che l’avevano sostenuta quando si era iscritta al New England Female Medical College.
Nel 1863, però, suo marito morì di tubercolosi e Rebecca avrebbe potuto desistere. Invece insisté e si laureò l’anno seguente in medicina. Esercitò brevemente a Boston prima di trasferirsi a New Brunswick, in Canada, dove nel maggio del 1865 si sposò con Arthur Cumpler.
Rebecca Crumpler
Oggi è ricordata come Rebecca Lee-Cumpler, anche se non sembra che abbia continuato a usare il cognome Lee dopo il secondo matrimonio. Dopo la fine della guerra civile, la Crumpler si trasferì a Richmond in Virginia, per lavorare con il Freedmen’s Bureau, un’agenzia governativa che assisteva gli schiavi liberati e i bianchi degli ex stati confederati caduti in miseria. Malgrado la laurea, Rebecca era assunta come infermiera con una paga di 10 dollari al mese. In seguito, disse che questa parte della sua vita fu il “lavoro da missionaria” cui si sentiva davvero chiamata. Dovendo assistere oltre 30000 pazienti di colore liberati dalla schiavitù ma che soffiavano ancora di violente discriminazioni, la Crumpler si concentrò sull’assistenza alle famiglie più povere.
Il libro della Cumpler, “A book of Medical Discources” del 1883, fu una delle prima pubblicazioni a carattere medico realizzate da un autore afro-americano, ed era rivolto in particolare a un pubblico femminile. La Cumpler aveva capito che la conoscenza è il vero potere, e che incoraggiare le donne a essere più attive nel proteggere la propria salute e quella dei propri figli avrebbe aiutato a rendere migliori le loro vite in un contesto difficile.

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.