Le grandi sparatorie della storia del west

A cura di Sergio Mura

C’è un west vero e duro che è stato capace di essere ben oltre le icone del cinema western ed è la storia del west per ciò che è stata: un periodo grandioso di enormi cambiamenti in cui la vita era spesso in pericolo anche quando tutto sembrava essere tranquillo.
Alle scene cinematografiche con le strade impolverate e rese roventi da un sole implacabile, i famosissimi cappelli Stetson ben calcati sulla testa, le luccicanti stelle degli uomini di legge, le corse forsennate di cavalieri su cavalli incitati dalle punte degli speroni… a tutto questo la storia del west ha opposto la schiacciante realtà di spari e agguati molte volte mortali in un difficile contesto di normale vita quotidiana.
Alcune tra queste sparatorie e alcuni tra questi agguati sono entrati nella leggenda e sono citati in miriadi di testi.
Ne ricordiamo alcuni che, tra l’altro trovate ben descritti in singoli articoli di questo sito.

Frisco Shootout
1 Dicembre 1884

Questa sparatoria è la rappresentazione “western” del classico confronto tra Davide e Golia. Il giovanissimo rappresentante della legge, il diciannovenne Elfego Baca, rimase assediato dentro una piccola casa, sotto il fuoco di circa ottanta uomini armati e decisi ad accopparlo.

Secondo i resoconti del tempo e successive ricostruzioni, ben quattromila proiettili finirono per colpire l’edificio, ma il povero Elfego Baca non restò neppure ferito. Gli assedianti se ne andarono solo quando rimasero senza munizioni per proseguire l’assedio.

Ecco il link al nostro articolo: FAI CLIC QUI!

Jonathan Davis contro la banda dei “Sydney Ducks”
19 Dicembre 1854

Il 19 dicembre 1854 ebbe luogo uno dei più incredibili scontri a fuoco della storia del West. Uno scontro così incredibile che è persino difficile raccontarlo. Mentre camminava lungo un sentiero per minatori, Jonathan R. Davis e due suoi compagni vennero aggrediti da una banda composta da 13 malfattori, di cui una certa parte era di origine australiana, autentici e pericolosissimi criminali conosciuti come “Sidney Ducks”.

I due amici vennero abbattuti quasi subito dai primi colpi, ma lui, Jonathan Davis, veterano dell’esercito, mantenne la calma e riuscì ad abbattere sette delinquenti in rapida successione e subito dopo ne colpì altri quattro con il suo coltellaccio, un “Bowie”.

Ecco il link al nostro articolo: FAI CLIC QUI!

Sparatoria all’OK Corral
26 ottobre 1881

La più leggendaria sparatoria di tutta la storia del west è proprio questa. Prende il nome dal corral di Tombstone (Arizona) nei pressi del quale essa avvenne, sebbene i fatti si svolsero fuori dallo stesso corral.

Alla sparatoria presero parte i tre fratelli Earp (compreso il famosissimo Wyatt) e l’amico di sempre Doc Holliday che si impegnarono contro una banda di fuorilegge chiamata “i Cowboys”. Gli spari durarono appena trenta secondi e quando il fumo e la polvere si diradarono, si vide che tre “Cowboys” erano rimasti uccisi, mentre sul versante degli Earp ci furono solo ferite più o meno gravi. La sparatoria è stata ripresa anche in diversi film, in particolare Tombstone (1993).

Ecco il link al nostro articolo: FAI CLIC QUI!

Long Branch Saloon
5 Aprile 1879

Tutto iniziò con Frank Loving che litigava con Levi Richardson, al quale rimproverava aspramente di aver fatto delle avances a sua moglie.
Ad un certo punto vennero sfoderate le pistole e i due uomini si trovarono in piedi uno di fronte all’altro all’interno del notissimo “Long Branch Saloon” della famosa cittadina del Kansas, Dodge City.

Dopo la sparatoria il povero Richardson cadde a terra con ben tre buchi extra, mentre Loving, nonostante la distanza ravvicinata, se la cavò con un nulla.

Ecco il link ad uno degli articoli: FAI CLIC QUI!

Wild Bill Hickok contro Dave Tutt
21 luglio 1865

Anche se ciò può fare dispiacere agli appassionati, nella storia del west i duelli che avevano lo scopo di stabilire chi fosse il miglior pistolero sono stati eventi molto rari.
Nella sparatoria di cui parliamo, ad esempio, gli eventi sono precipitati a fronte di una richiesta di denaro. Tutt stava chiedendo il pagamento di un debito d’azzardo e portò l’orologio d’oro dell’ex amico come garanzia.

Quando le parole non bastarono per placare gli animi, i due contendenti uscirono dal locale in cui si trovavano fin nella piazza della città di Springfield, Missouri.
Spararono entrambi, ma solo uno cadde: Dave Tutt si precipitò.
Wild Bill sopravvisse.

Ecco il link al nostro articolo: FAI CLIC QUI!

Quattro morti in cinque secondi (“Four Dead in Five Seconds”)
14 Aprile 1881

Al marshal di El Paso, il famoso Dallas Stoudenmire, bastò giusto sentire l’eco degli spari provenire da un saloon della cittadina per correre lì con le sue due Colt calibro .44 e iniziare a spare.
Come ben suggerisce il nome che è stato universalmente attribuito alla sparatoria, quattro persone persero la vita nei pochi attimi che durò l’evento; uno di questi era un semplice passante.


Una ricostruzione della sparatoria

E quella era appena la prima settimana di lavoro di Dallas Stoudenmire!

Ecco il link ad uno degli articoli: FAI CLIC QUI!

Coffeyville Bank Robbery
5 Ottobre 1892

La terribile “Gang dei Dalton” prese ben più di quanto aveva previsto quel giorno in cui osò tentare di rapinare ben due banche sui due lati di una stessa strada di Coffeyville… Un bravo impiegato riuscì a convincere i banditi che la cassaforte aveva un meccanismo di sblocco a tempo e questo bastò ai cittadini per organizzarsi in armi e fronteggiare i rapinatori.
La sparatoria iniziò non appena i Dalton misero il naso fuori dalla banca e alla fine ben quattro di loro restarono a terra morti.

Nonostante fu colpito ben 23 volte, Emmett Dalton riuscì a scamparla e dopo quattordici anni di carcere, venne reclutato da Hollywood per interpretare sé stesso in un film.

Ecco il link ad uno degli articoli: FAI CLIC QUI!

Wild Bill Hickok e la “mano del morto”
1 Agosto 1876

Questa è la seconda citazione che riguarda Wild Bill Hickok che, in effetti, fino alla sua improvvisa fine fu uomo con le pistole facili. In questo caso citiamo, però, l’episodio che pose fine prematuramente alla sua vita.
Mentre giocava a poker in un noto saloon di Deadwood, Wild Bill (che in questa circostanza rivolgeva le spalle all’ingresso) venne avvicinato di sorpresa da una sorta di ubriacone, un certo Jack McCall, che era stato battuto a carte proprio dal famoso pistolero.

Jack McCall aveva la pistola in mano e sparò in testa a Wild Bill Hickok, uccidendolo all’istante. La mano di carte di cui il pistolero disponeva in quel momento, una doppia coppia di assi e otto, venne chiamata “la mano del morto”.

Ecco il link al nostro articolo: FAI CLIC QUI!

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.