Le compagnie delle pellicce

A cura di Enrico Rizzo


Cacciatori di pellicce – clicca per INGRANDIRE
Le “compagnie delle pellicce” si svilupparono nel continente nord-americano per soddisfare le necessità commerciali delle potenze europee nell’ambito delle pelli da trattare, ad esempio, per la realizzazione di abiti o altri accessori. Inghilterra e Francia fecero certamente la parte del leone in quei traffici, almeno finché tra un conflitto e l’altro non divenne importante anche la presenza degli Stati Uniti che, alla fine, fagocitarono il mercato.
Gli scambi delle pellicce iniziarono un periodo di declino a partire dal 1840, dovuto al fatto che il cappello di pelliccia di castoro era pressoché andato fuori moda. Ma anche altri fattori provocarono la fine del boom delle pellicce e tra questi non possiamo certo scordare lo sterminio degli animali e l’aumento degli insediamenti agricoli.
Di seguito vediamo insieme le principali compagnie delle pellicce che si contesero il dominio nel Nord America.

American Fur Company (1808-1942)

L’American Fur Company, che diventerà una delle imprese più significative del 19mo secolo, fu fondata nel 1808 da John Jacob Astor, spinto dalla volontà di competere con le grandi potenze canadesi del settore: la Hudson Bay Company e la North West Company. Prima che la guerra del 1812 le distruggesse, Astor operò inizialmente attraverso due società controllate: la Pacific Fur Company, attiva nella Columbia River Valley in Oregon e la South West Company, nella regione dei Great Lakes. Nel 1817 tuttavia, grazie ad un provvedimento del Congresso che escludeva dai territori degli Stati Uniti i commercianti stranieri, l’American Fur Company divenne la maggiore società nei Great Lakes. Il processo di espansione non si arrestò: nel 1821 ci fu un accordo con (la) Chouteau di St. Louis, nel Missouri, che consegnò il monopolio sul fiume Missouri, e poi sulla regione delle Rocky Mountains.

Inoltre, la crescita dimensionale era perseguita attraverso l’acquisto di piccole compagnie locali o con l’eliminazione della concorrenza attraverso politiche commerciali estremamente aggressive. Prima che si ritirasse dagli affari il fondatore Astor, nel 1834, l’American Fur Company era diventata praticamente monopolista del commercio di pelli.
Dopo l’uscita di Astor la compagnia durò ancora fino al 1842: molti stazioni commerciali erano state chiuse per diminuire i costi di gestione, la concorrenza si era rifatta significativa, e gli sforzi per diversificare i business, in particolare in quello minerario, non avevano portato all’aumento dei profitti che il declino della domanda di pellicce aveva fatto crollare.
Le piccole compagnie sorte dal suo disfacimento fallirono quasi tutte prima degli anni ’50.

Columbia Fur Company (1821 – 1827)

Sorse per iniziativa di molti dei 900 lavoratori licenziati dalla Hudson’s Bay Company a seguito della fusione con la vecchia Old West Company nel 1821. Grazie alle capacità di questi uomini, esperti conoscitori del commercio delle pellicce, la compagnia fece enormi profitti, operando tra l’alto Mississippi e l’alto Missouri, prima di essere acquistata nel 1827 dalla American Fur Company di John Jacob Astor che, in questo modo, ottenne il monopolio sull’Upper Missouri.

Astor mise a capo delle operazioni della nuova società controllata, Upper Missouri Outfit, Kenneth McKenzie, mantenendo numerosi lavoratori della compagnia acquistata.

Hudson’s Bay company (1670 –presente)

Tale compagnia, fondata il 2 maggio 1670, è la più vecchia società commerciale in Nord America e una delle più vecchie nel mondo.
Stabilita inizialmente a Londa, UK, gestì per secoli il traffico delle pellicce nel Nord America britannico. Gli esploratori e i commercianti della compagnia furono tra i primi a istaurare relazioni con i Nativi Americani e tra i primi Europei a esplorare luoghi che sarebbero poi diventati parte degli USA e del Canada.
Il primo quartier generale fu posto alla foce del Nelson River, nell’attuale Manitoba, Canada, seguito rapidamente da altri nelle sponde sud dell’Hudson Bay in Manitoba e negli attuali Ontario e Quebec.
La HBC si fuse nel 1821 con la North West Company di Montreal, Canada raggiungendo un’estensione operativa che toccava l’oceano Artico a nord e l’oceano Pacifico a ovest. Con il controllo di quasi tutti gli scambi commerciali nel Pacific Northwest, la compagnia spostò il quartier generale a Fort Vancouver, Washington, cercando di impedire qualsiasi insediamento nel territorio per scoraggiare la competizione.
Negli anni 1820 e 1830 i trappers esplorarono per la prima volta le regioni della Northern California fino alla Baia di San Francisco.
I posti di commercio della compagnia fungevano da governo de facto in molte regioni del continente, ancora non toccate dall’arrivo di insediamenti significativi. La compagnia ad un certo punto era la più grande possidente del mondo.

La compagnia fondò nel 1831 Fort Boise, nell’Idaho, situata sull’Oregon Trail. Per dissuadere i pionieri nel passare per quella via, furono posizionati lungo il percorso per impedire il passaggio. Il monopolio tuttavia finì quando l’Oregon fu raggiunto dalla rete ferroviaria nel 1843 che permise l’arrivo di migliaia di pionieri. Nel 1846 infine, gli Stati Uniti acquisirono completa giurisdizione degli insediamenti nella regione.
Nel 1849 l’US Army istituì una postazione chiamata Columbia Barracks sulla collina di fronte a Fort Vancouver. In quel periodo il commercio di pellicce stava dando i primi segnali di declino e la Hudson’s Bay Company trasferì il quartier generale a Fort Victoria in British Columbia, Canada, con molti dipendenti lasciati a lavorare nelle industrie e nelle fattorie sorte nell’area. La compagnia affittò molte strutture e fabbricati all’US Army. La presenza continuò fino al 1860, quando la compagnia decise di trasferire tutte le attività a nord, abbandonando Fort Vancouver.
La compagnia, col tempo, si dedicò al commercio di beni di prima necessità agli abitanti del West Canada, abbandonando il business delle pellicce.
Attualmente la compagnia con sede a Toronto, Canada, è conosciuta per i suoi centri commerciali come The Bay, Zellers, Field e Home Outfitters.

Missouri Fur Company (1808-12, 1819-24)

Nella primavera del 1807, Manuel Lisa organizzò una spedizione lungo il fiume Missouri con 50-60 uomini, costruendo Fort Raymond alla confluenza dei fiumi Yellowstone e Big Horn nell’attuale Montana. Dopo aver accuratamente setacciato la zona e ottenuto migliaia di pelli, tornarono a St. Louis. Là Lisa formò la St. Louis Missouri Fur Company nell’inverno del 1808-1809 insieme a diversi partner, tra cui Pierre Choteau, Sr., Auguste Choteau, Jr., Andrew Henry, Pierre Menard, Benjamin Wilkinson, Reuben Lewis, William Clark, Sylvestre Labbadie, e William Morrison.
La prima spedizione della nuova società fu per il governatore della Louisiana, Meriwether Lewis, per restituire un indiano Mandan al suo popolo, nella primavera del 1809.
Dopo aver completato con successo questa missione, una seconda spedizione, che comprendeva 13 imbarcazioni fluviali, fu mandata lungo il fiume Missouri, passando prima per Fort Mandan nel North Dakota. La società stabilì una serie di fortezze lungo il Missouri e Nebraska fiumi, commerciando con i Sioux, Ricara, Mandan e i Piedi Neri.
Le migliaia di pellicce raccolti dalla società erano periodicamente mandate a St. Louis, Missouri, dove William Clark operava come agente della società. La guerra del 1812 costrinse la St. Louis Fur Company ad abbandonare la pericolosa terra Dakota.La partnership fu sciolta nello stesso anno. Tuttavia, nel 1819, al compagnia fu ripristinata con il nome di Missouri Fur Company con partner Manuel Lisa, Thomas Hempstead, Andrew Woods, Joseph Perkins, Joshua Pilcher, Mosè B. Carson e John Zenoni.


Fort Lisa

Manuel Lisa e sua moglie tornarono a Fort Lisa vicino a Omaha, Nebraska, mentre Joshua Pilcher spostò da un accampamento all’altro il commercio con gli indiani. Quando Pilcher tornò a Fort Lisa, Manuel Lisa era ammalato. Lisa è morì il 12 agosto 1820. In seguito, Thomas Hempstead gestì l’attività, con sede a St. Louis, Missouri. Tuttavia, il commercio di pellicce stava diventando instabile, e quando due dei loro avamposti furono derubati da guerriglieri Arikara, i loro debiti crebbero significativamente. Tuttavia, la società ha perseverò e presto penetrò più a ovest, costruendo Fort Benton nel Montana e commerciando con la tribù Crow.
La concorrenza con la Hudson’s Bay Company e la Rocky Mountain Fur Company aumentò, ponendo l’azienda in ancor più difficoltà finanziarie. A questo punto, l’azienda comprendeva anche William H. Vanderburgh, Lucien Fontenelle e Andrew Drips, e in un solo anno, inviarono quasi 300 commercianti che accumularono $ 42.000 in pellicce.
Ma ciò non bastò. Il 31 maggio 1823, guerriglieri Blackfoot fecero un’imboscata agli uomini di Pilcher, uccidendo sette di loro e ferendone altri quattro. Le loro trappole, cavalli da soma e pelli furono rubati con una perdita di circa $ 15.000, Joshua Pilcher portò indietro i suoi uomini dal nord-ovest, ma l’agguato rappresentò un colpo mortale per l’azienda che non ritornò più in quelle regioni. Nella primavera del 1824, il Missouri Fur Company dichiarò in bancarotta.

North West Company (1779-1821)

Con sede a Montreal, in Canada, l’organizzazione fu fondata nel 1779, ma per il per i primi quattro anni, era poco più che una libera associazione di alcuni mercanti di Montreal, “ufficialmente” organizzata solo nel 1783, nel tentativo di rompere il monopolio della Hudson Bay Company. Il cambiamento fu portato avanti dagli uomini d’affari Benjamin Frobisher, il fratello Giuseppe, e Simon McTavish, insieme agli investitori -partner Robert Grant, Nicholas Montour, Patrick Piccolo, William Holmes e George McBeath. La compagnia operò con crescente successo, compentendo con la Hudson Bay Company, e fondendosi con la Gregory, McLeod e Co. nel 1787. Poco dopo, Roderick Mackenzie e suo cugino, Alexander Mackenzie aderirono alla compagnia con Alexander Mackenzie a sovrintendere le esplorazioni dei territori occidentali.
La società originariamente operava nella regione del Lago Superiore e le valli dei fiumi Red, Assiniboine e Saskatchewan, ma, in seguito si allargò a nord e a ovest fino alle coste dell’Artico e del Pacifico. In Oregon, costruirono avamposti negli attuali Washington e Idaho. Il loro quartier generale fu situato a Grand Portage sul lago Superiore, ma dopo il 1805, fu spostato a Fort William, che si trova presso l’attuale città di Thunder Bay, in Ontario, Canada.

I profitti del commercio di pellicce furono tali che causarono molta tensione tra la North West Company e la Hudson Bay Company, tanto che ci furono diversi piccoli scontri armati. La competizione diventò particolarmente intensa quando la Hudson Bay Company fondò la colonia di Assiniboia sul Red River nell’attuale Manitoba nel 1811-1812. Il conflitto aperto scoppiò dopo qualche anno, durante il quale uomini della North West Company distrussero la colonia sul Fiume Rosso colonia nel 1816, in quello che divenne noto come il Massacro di Seven Oaks. La Hudson Bay Company si vendicò distruggendo l’avamposto della Nord West Company di Fort Gibilterra, che si trova nell’attuale Winnipeg, Manitoba, e catturando Fort William. Nel corso dei prossimi anni, alcuni dei partner più ricchi e più capaci cominciarono a lasciare l’azienda.
Sotto la pressione del governo britannico, la North West Company e la Hudson Bay Company si fusero nel luglio 1821.

Pacific Fur Company (1810-1813)

Fondata nel giugno 1810 da John Jacob Astor, la metà delle azioni era detenuta dalla American Fur Company, di proprietà esclusiva di Astor. L’altra metà era di proprietà di soci lavoratori. Un anno dopo la sua fondazione, l’azienda fondò Fort Astoria in Oregon. Astor prevedeva che l’avamposto crescesse ad insediamento permanente, con l’intenzione di sviluppare un grande anello di commercio che includeva New York, la costa del Pacifico, l’Alaska russo, Hawaii e la Cina. Le pellicce raccolte nel nord-ovest e l’Alaska, dovevano essere portate in Cina e scambiate per porcellana, seta e altri tessuti, e spezie che sarebbe poi stati portati di nuovo a New York, via Hawaii.
La prima spedizione del mare, sul Tonquin, partì da New York nel settembre 1810, si fermò nelle Hawaii, dove un certo numero di operai nativi hawaiani furono imbarcati, e arrivò al fiume Columbia nel mese di aprile 1811, in cui era sorto Fort Astoria. La nave poi risalì la costa del Pacifico per vendere, ma fu avvistata dalla tribù Tlaoquiaht di Clayoquot Sound, Vancouver Island che se ne impadronì. I guerrieri uccisero 61 uomini prima che la nave fosse fatta esplodere da un membro dell’equipaggio sopravvissuto.

All’incirca nello stesso periodo Astor organizzò una spedizione via terra in 1810-12. Chiamata la Astor Expedition fu guidata da Wilson Prezzo Hunt e fu la prima spedizione via terra da St. Louis, Missouri fino alla foce del fiume Columbia, dopo la Corps of Discovery, guidata da Lewis e Clark.
La spedizione risalì il fiume Missouri fino ai villaggi Arikara nei pressi dell’attuale Mobridge, Dakota del Sud, per proseguire poi via terra ad ovest. Lungo il percorso la spedizione scoprì South Pass, Wyoming, attraverso il quale centinaia di migliaia di coloni avrebbero poi percorso l’Oregon, California e Mormon le Montagne Rocciose. Abbandonarono i loro cavalli a Fort Henry e costruirono canoe per percorrere lo Snake River, nel southern Idaho. Questa idea fu abbandonata quando incontrarono una serie di rapide. Dopo che due uomini e rifornimenti furono persi, la spedizione si divise in tre gruppi principali, ciascuno cercando la strada verso il fiume Columbia. La maggior parte di loro giungsero ??a Fort Astoria nella prima parte del 1812.
Quell’anno, l’azienda subì diversi intoppi: il primo dei quali fu il ritardo della nave di approvvigionamento Beave. La perdita della nave Tonquin aveva lasciato l’avamposto a Fort Astoria vulnerabile e a rischio di essere catturato dagli inglesi durante la guerra del 1812. L’anno successivo, Fort Astoria e tutte le altre attività della zona furono venduti alla Nord West Company.

Rocky Mountain Fur Company (1822-1833) 

A volte indicata come Ashley’s Hundred, la Rocky Mountain Fur Company è fondata a St. Louis, nel Missouri nel 1822 dal generale William Henry Ashley e dal maggiore Andrew Henry. Pubblicarono annunci sui giornali St. Louis alla ricerca di “Cento giovani intraprendenti… per salire il fiume Missouri alla sua sorgente, per essere impiegati per uno, due, o tre anni.” Tra quelli assunti c’erano Jedediah Smith, William Sublette, Jim Beckwourth, Thomas Fitzpatrick e David Edward Jackson, solo per citarne alcuni. Piuttosto che puntare sul commercio delle pellicce e pelli con gli indiani, il Rocky Mountain Fur Company addestrarono i loro uomini a fare la parte relativa alla caccia.

A differenza dei loro rivali, di Hudson Bay Company e dell’American Fur Company, la Rocky Mountain Fur Company non costruì nessun forte o stazione commerciale, e i loro uomini lavoravano in modo indipendente. Tuttavia, la società teneva incontri ogni estate, raccogliendo i loro uomini in varie località, dove potevano raccogliere le pelli. Erano occasioni per gli uomini di montagna per rilassarsi e divertirsi dopo lunghi periodi di isolamento. Nel 1826 Jedediah Smith, William e Milton Sublette e David Jackson acquistarono la Rocky Mountain Fur Company. Assunsero più uomini di montagna, alcuni dei quali che sarebbe diventato il soggetto di molti romanzi come Jim Bridger, Joe Meek, Kit Carson e Robert Newell. L’azienda prosperò per successivi sette anni, fino a quando il commercio di pellicce calò nel 1830 a causa della grave diminuzione della popolazione di castori e per il fatto che i cappelli di castoro stavano andando fuori moda, sostituiti dai cappelli di seta.

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.