Una nuova foto di Doc Holliday? Eccovi tutta la storia!

A cura di Sergio Mura da un lavoro di Leo W. Banks

E’ vero, non siamo nuovi ad annunci di ritrovamenti di fotografie di personaggi famosi della storia del west, degli indiani e persino della guerra civile. Ma non sempre è necessario interessarsi ad ogni annuncio, infatti molte storie si sgonfiano da sole. Quando ci interessiamo noi di Farwest.it è perché la comunità internazionale di esperti ritiene di avere tra le mani elementi importanti su cui ragionare.
Stavolta, nel caso di questa nuova, presunta fotografia in cui ci sarebbe Doc Holliday, i responsabili di un museo di Silver City (New Mexico) ritengono di aver individuato il leggendario pistolero in una fotografia storica locale in loro possesso.
Veniamo subito alla fotografia! Osservate attentamente la scena che rappresenta la main street di Silver City, in New Mexico. Guardate la terza persona in piedi partendo da sinistra, quella che parzialmente copre il terzo finestrino della diligenza… quell’uomo magro e alto che tiene la mano destra in tasca e la mano sinistra sul bavero. Quello potrebbe essere John Henry “Doc” Holliday, almeno stando a molti esperti. 


Clicca sull’immagine per ingrandirla

Non è ripreso nell’atto di vomitare sangue o ubriaco, né particolarmente irritato o, ancora, pronto ad ingaggiare una sparatoria (tutte cose che compongono “il ritratto” ufficiale del Doc), ma l’uomo nella foto assomiglia certamente al temutissimo pistolero che prese parte al famoso episodio dell’OK Corral, verificatosi nel 1881 a Tombstone in Arizona.
Sappiamo bene tutti che il gruppo degli Earp, compreso il nostro dentista affetto da tubercolosi, tubercolare preferito, trascorse una notte a Silver City il 15 aprile del 1882 durante la fuga in Arizona seguita alla tremenda azione vendicatrice diWyatt Earp chiamata “Vendetta Ride”.

Uno storico della Wells Fargo sostiene con ragionevole certezza che l’uomo seduto in cima alla diligenza, quello che ha in mano una busta, è l’agente Wells Fargo a Silver City, GM Huffaker. Alcuni storici ritengono che Wells Fargo stesse in realtà aiutando Wyatt Earp a sfuggire alla legge.
Il Museo di Silver City, che possiede questa immagine, ha richiesto agli esperti americani di approfondire la questione, per capire se veramente c’é Doc Holliday in questa foto, la cui nota a margine nella collezione del museo attesta che lo scatto risale al periodo compreso tra tra maggio 1881 e settembre 1882.
Un ingrandimento di Doc
Gli esperti hanno calcato il cappello della Pinkerton in testa e hanno iniziato a ragionare.
Robert G. McCubbin, un noto collezionista di fotografie e immagini del vecchio West, ha dato un’occhiata e rovesciato parecchia l’acqua ghiacciata sugli entusiasmi che nel frattempo si sono diffusi tra gli appassionati. Confrontando questa immagine con quella di Doc Holliday scattata a Prescott, in Arizona, McCubbin sostiene che la sagoma dei baffi non corrisponde e il mento è più appuntito. Perciò conclude che il gruppo ritratto presso la diligenza “potrebbe essere chiunque”, aggiungendo che Holliday probabilmente non avrebbe mai permesso di scattargli una foto mentre era in fuga dai rigori della legge.
Gary Roberts, biografo di Holliday, dice: “Mentre, per ragioni storiche, vorrei che questa fosse una foto della “vendetta posse”, devo concludere che non vi sono prove sufficienti per confermare che lo è.”
Doc nella foto scattata a Prescott
Che cosa possiamo dire al riguardo della data presunta di questa fotografia? La diligenza staziona davanti all’edificio Meredith-Ailman. La prima domanda potrebbe essere: quella banca era a Silver City intorno a metà aprile del 1882? La risposta è “sì”, la banca c’era, ma l’edificio di quel periodo sembra diverso. Susan Berry, direttore in pensione del Museo di Silver City, ha frugato tra i giornali del tempo e ritiene di avere trovato la prova che stabilisce che la foto sarebbe stata scattata dopo aprile 1882. Infatti, “The New Southwest” riferisce che “un lampione è stato posto di fronte a un edificio posto due porte più a nord dell’edificio Meredith-Ailman” ai primi di luglio 1882. La parte destra della fotografia mostra tale lampione che sappiamo che non era lì in aprile.
Lo stesso giornale il 29 luglio riporta “l’installazione di grandi lettere dorate sopra le porte sul nuovo fronte di ferro del palazzo Meredith-Ailman”. Quelle lettere dorate sono presenti in questa foto.
“La foto, perciò – conclude Berry – è stata certamente scattata non prima di fine luglio 1882. Probabilmente lo scatto risale a prima del 14 novembre, quando la banca ha riaperto, ed è stato preso prima del 11 maggio 1883, quando al Palazzo Higbee (accanto alla banca e nascosto da un albero) è stato aggiunto un secondo piano.”
Sulla base di questi primi ragionamenti e su questi prime e incomplete analisi, anche se questa è una foto storica molto bella, non sembra che il giovane alto e magro da noi evidenziato possa realmente essere il nostro famoso pistolero con la sua posse. Si tratta di considerazioni che possono spezzare il cuore del più determinato investigatore della Pinkerton, ma non ci arrendiamo. Troppo pochi scatti sono stati confermati come ritratti autentici di Doc Holliday e non è possibile che non ve ne siano altri da qualche parte, non per un uomo che è entrato nella leggenda del west.
Perciò continueremo a cercare e a indagare intorno a questa fotografia, considerando che altre prove, stavolta più favorevoli, potrebbero saltar fuori da un momento all’altro.

La fotografia autentica di Doc Holliday scattata a Prescott, in Arizona, nel 1879, è una delle quattro fotografie del famoso dentista riconosciute come autentiche. Gli altri scatti lo mostrano quando aveva 20 anni, al diploma di scuola dentale, quando aveva uno o due anni e l’ultima quando era un bambino in braccio a sua madre. Purtroppo, questa foto non verrà aggiunta all’elenco. L’uomo, non è il nostro amato pistolero.
Per gentile concessione del Museo di Silver City

Condividi l'articolo!

Commenti

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.