Osceola, capo dei Seminole

A cura di Isabella Squillari

Osceola Per capire la vita di Osceola e i tempi in cui visse (e il suo rapporto con essi) è necessario dare uno sguardo alla situazione degli Stati Uniti del tardo ‘700 – inizio ‘800, e ai loro rapporti con i Seminole. Durante questo periodo, i Seminole combatterono per mantenere le loro terre in Florida, e si opposero al tentativo del governo statunitense di costringerli a ritirarsi ad ovest nei territori indiani, l’attuale Oklahoma. Originariamente i Seminole facevano parte della confederazione dei Creek, e vivevano nei territori che oggi sono l’Alabama e la Georgia.
Tuttavia, all’inizio del 1700 la tribù mosse verso la Florida, che in origine era stata occupata degli spagnoli. Stabilitasi in Florida, la tribù divenne conosciuta con il nome di “Runaways” (Fuggitivi) o Seminole.
Nel tardo 1700, gli inglesi occuparono la Florida, e spesso incitarono i Seminole ad attaccare i coloni statunitensi. Durante questo stesso periodo, i Seminole accolsero spesso gli schiavi neri in fuga. Per queste due ragioni, nel periodo di tempo a cavallo tra il 1817 e il 1818, gli Stati Uniti invasero la Florida, dando inizio alla Prima Guerra Seminole. Le truppe USA, comandate dal generale Andrew Jackson, sconfissero gli indiani.


Un bel quadro che ritrae Osceola
Nel 1819, gli Stati Uniti acquisirono la Florida, e iniziarono ad insistere affinchè gli indiani vendessero le loro terre e si spostassero ad ovest nei territori indiani insieme ad altre tribù del sudest. Nel 1932 alcuni gruppi di Seminole accettarono l’offerta degli Stati Uniti e si trasferirono nei territori indiani. Altri gruppi, invece, opposero resistenza agli States, e si rifugiarono nelle paludi della Florida. Di conseguenza, nel 1835 venne combattuta la Seconda Guerra Seminole per costringere gli indiani ad andare verso ovest.
Questa guerrà durò sette anni, e costò agli Stati Uniti più di mille vite umane e decine di milioni di dollari. Osceola guidò la nazione Seminole durante questo conflitto, finchè non venne ingannato mentre portava avanti un negoziato di pace durante una tregua, e successivamente imprigionato. Osceola morì in carcere nel 1838, ma il suo desiderio di mantenere intatta la terra dei Seminole e di resistere al trasferimento imposto dagli Stati Uniti venne portato avanti nella regione degli Everglades fino al 1842.

Infanzia e giovinezza
Fare delle ricerche sulla vita di Osceola può essere paragonato al tentativo di mettere insieme un puzzle al quale mancano molti pezzi. La sua vita si intreccia inestricabilmente con gli eventi culturali, economici e politici del suo tempo. Da un punto di vista storico la sua infanzia, la sua giovinezza e la sua vita di adulto sono state influenzate da tre guerre: la guerra Creek (1813-1814), la Prima Guerra Seminole (1817-1818), e la Seconda Guerra Seminole (1835-1842).
Osceola bambinoUn bellissimo ritratto di Osceola bambinoI Seminole erano una tribù della famiglia Muskogee, stretti alleati delle tribù Hitchiti e Creek. Un tempo vivevano nella Georgia del sud e nella Florida del nord. Generalmente si pensava abitassero le zone semitropicali e paludose della Florida, anche se in realtà essi non si spinsero nelle Everglades se non dopo una lunga e crudele guerra contro l’uomo bianco.
Generalmente gli uomini Seminole erano alti di statura e ben proporzionati. Indossavano abiti a righe lunghi fino al ginocchio, legati alla vita con una corda alla quale era appesa una borsa o una sacca. I Seminole vivevano cacciando cervi e nutrendosi di tacchini, pesci e tartarughe che essi arrostivano direttamente nel loro carapace. Le abitazioni tradizionali seminole erano costruite prevalentemente da foglie di palmetto, ed erano aperte su tutti i lati, molto simili a piattaforme coperte.
Il leader più grande, così come anche il più famoso della tribù Seminole, fu Capo Osceola.
Osceola era nato nel 1804 (circa) a Tallahassee, una città appartenente ai Creek del nord, nei pressi dell’attuale Contea di Macon in Alabama, a nordovest di Montgomery.
Osceola nacque da padre scozzese e madre seminole a Tallahassee, una cittadina che a quei tempi vedeva convergere varie culture come quella Indiana, irlandese, inglese, scozzese e africana. Osceola, essendo un Creek del nord, parlava la lingua Muskogee.
Non esistono documenti che certifichino che Osceola si chiamasse così dalla nascita, perché molti ragazzi Creek ricevevano nascendo un nome collegato a qualcosa che gli adulti presenti potevano aver visto o vissuto in quel momento. Il nome definitivo, o da adulto, qualche volta veniva loro assegnato al raggiungimento della virilità, spesso dopo un atto di valore o qualche volta per qualche loro caratteristica particolare. Il nome adulto di Osceola derivava da “Asi”, che significa “Bevanda scura” e da “Yaholo”, che significa “Cantore”.
Durante uno dei rituali indiani, la “Green Corn Dance”, gli uomini usavano bere una bevanda scura, e l’officiante gridava ad alta voce “Asi Yaholo”. Così, il nome Asi Yaholo significava Cantore della Bevanda Scura. I bianchi lo pronunciavano Osceola, e così questo divenne il suo nome definitivo.
Molti storici sostengono che Osceola, conosciuto in gioventù come Billy Powell, fosse figlio di William Powell, un commerciante bianco della zona Tallasse, e di una donna Indiana di nome Polly Copinger. Osceola denunciò più tardi il cognome Powell, dichiarando però con convinzione che “Nelle mie vene non scorre sangue straniero. Io sono un purosangue Muskogee.”
La spiegazione più credibile delle origini di Osceola è data da T.S. Woodward, il quale ha risalito la stirpe di Osceola fino a James McQueen, uno scozzese, e a Sally, una principessa Indiana.

James McQueen (scozzese) sposò Sally (principessa indiana Tallahassee)
Ann McQueen (figlia) sposò Copinger (un bianco)
Polly Copinger (figlia) sposò William Powell (commerciante bianco)
Osceola (figlio)

Osceola non ricopriva ruoli ufficiali nella sua tribù, dal momento che suo padre non era stato un capo. La sua adolescenza trascorse come quella di tutti i giovani maschi Seminole, e vi sono molte prove che Osceola fosse davvero bravo nel praticare tutti gli sport Muskogee. Egli era un abile lottatore, corridore, giocatore di pallone, saltatore; insomma, un atleta completo nella pratica di tutti gli sport indiani. Benché Osceola non avesse ricevuto un’educazione formale, riuscì ugualmente a crearsi un discreto bagaglio culturale, derivante principalmente dall’osservazione, dall’imitazione e dai tentativi fatti per imparare…nonché dagli errori.


Osceola il guerriero ormai adulto
Nel 1813, quando aveva all’incirca nove anni, Osceola insieme a sua madre Polly e a sua nonna Ann, furono costretti a lasciare la loro casa e a fuggire nelle paludi della Florida del nord, perchè un gruppo di soldati e di White Creek assaltarono e incendiarono il loro villaggio. Questo episodio rimase per lungo tempo fortemente radicato nella giovane mente di Osceola, e fu la causa dei continui spostamenti della famiglia.
Durante questo periodo di vagabondaggio, Osceola e la sua famiglia cercarono rifugio a Fort Negro, un forte britannico abbandonato dove molti fuggitivi, negri e indiani, erano sopravvissuti senza troppi problemi finchè le truppe statunitensi non lo avevano attaccato. Ancora una volta, Osceola, Polly e Ann furono costretti a fuggire nella palude. Il loro vagabondare giunse al termine quando essi si unirono alla banda di Peter McQueen (lo zio di Polly), un gruppo composto da circa mille Red Stick, insieme al quale essi emigrarono in Florida. Alla fine, alla ricerca continua di una sistemazione sicura, la famiglia si stabilì nella zona centrale della Florida.
Ma le truppe statunitensi riuscirono a scoprire dove si trovava Osceola con la sua famiglia, e guidate da una banda di White Stick, attaccarono l’accampamento uccidendo molti dei guerrieri di McQueen. Alcuni dei guerrieri sopravvissuti fuggirono nella boscaglia, mentre Osceola, sua madre, sua nonna ed altri guerrieri furono catturati. Nonna Ann tentò di assicurare la libertà ai suoi cari promettendo che, se Osceola e Polly fossero stati liberati, avrebbe cercato di convincere McQueen e gli altri sopravvissuti ad arrendersi…. una promessa che non avrebbe potuto essere onorata vista la necessità che le truppe USA avevano di rimanere all’inseguimento dei vari gruppi di guerrieri in fuga.
Durante gli anni in cui visse come un fuggitivo, Osceola imparò a diffidare dei bianchi, ma molta della sua rabbia era diretta ai Creek del nord che nel 1814 avevano firmato il trattato di Andrew Jackson durante la Creek War. Il suo risentimento era diretto anche verso i Creek del sud che si erano alleati con i bianchi, come ad esempio i guerrieri Creek che avevano preso parte all’attacco a Fort Negro insieme a Jackson. A causa di tutti questi avvenimenti, ormai Osceola considerava sé stesso un indiano Seminole. Iniziò anche a rendersi conto che l’unica differenza tra Seminole e Creek consisteva nel fatto che i Seminole erano indiani Creek che si erano stabiliti in Florida.
Osceola ebbe due mogli, come usavano gli indiani. La sua prima moglie era una donna Indiana molto dolce di nome Rugiada del Mattino o Che cho la. Osceola la incontrò mentre si stava dissetando ad un torrente quando ella aveva soltanto 15 anni. Rugiada del Mattino parlava inglese, e spesso fece da interprete al marito (questo particolare ha fatto sì che ella abbia contribuito a scrivere la storia dei Seminole). Suo padre era un Seminole e sua madre una donna di colore fuggita dai bianchi e rifugiatasi tra gli indiani molti anni prima.
Osceola doveva avere più o meno 22 anni quando incontrò e sposò la sua prima moglie, Rugiada del Mattino. Purtroppo non vi sono molte informazioni circa la sua seconda moglie. Si pensa che questa carenza di dettagli possa essere dovuta in parte al fatto che le donne Seminole evitavano quasi sempre i contatti con i bianchi. Ricerche svolte recentemente indicano che Osceola avrebbe avuto circa 30 anni quando, nel 1834, sposò la sua seconda moglie, prima dello scoppio della Seconda Guerra Seminole.
Ci si potrebbe domandare in che modo le due mogli di Osceola avessero potuto coesistere, e quale fosse la natura dei loro rapporti. Di sicuro, le sue due “metà” vivevano in perfetta armonia dal momento che dividevano la stessa tavola, ma dormivano in dimore separate.
Dall’unione di Osceola con Rugiada del Mattino nacquero quattro figli. In ogni caso, molte delle ricerche svolte sulla sua vita parlano di due mogli e due figli che sarebbero stati al suo fianco durante le ostilità e la prigionia che seguì. Si dice anche che le mogli e due figli fossero accanto a lui quando nel 1838 morì all’età di 34 anni.

Strategia militare e tattica
Osceola acquisì molte conoscenze di tipo militare osservando i soldati nelle postazioni militari statunitensi, in particolar modo ai Forti Brooke e King. Il suo talento in campo militare era così spiccato che alcuni soldati credevano fosse un graduato di West Point.
Molti storici hanno scritto del genio militare di Osceola. La sua tattica di rapide schermaglie seguite da altrettanto rapide ritirate era spesso in contrasto con la lenta e scomoda tattica dei soldati bianchi.


Osceola ed i Seminole trattano con gli Americani
Lo storico McNeer riassume così una delle schermaglie di Osceola “Ebbe luogo un combattimento che mise in giro l’incredibile voce che Osceola fosse un graduato di West Point… in un luogo dopo l’altro si videro esplodere dal nulla episodi di guerra … sono passati nove mesi da quando le truppe si sono scontrate con gli indiani in un combattimento vero e proprio… e all’improvviso vi fu uno di quei rapidi attacchi a piedi che iniziavano con un’imboscata e finivano di lì a poco con la sparizione degli indiani nella foresta o nella palude. Per le truppe si era trattato di una lunga marcia affiancate dai carri carichi di bagagli e provviste; un’avanzata durante la quale i soldati avrebbero dovuto scovare i predatori indiani ma che in realtà si rivelò un fallimento…”
Durante la sua prigionia a Fort Moultrie, nel corso di una conversazione con il dott. Weedon, il medico che si occupava di lui, Osceola, in modo scherzoso e con un po’ di presunzione, descrisse le strategie militari adoperate dagli indiani e dai bianchi. Lo storico McNeer descrive in questo modo la conversazione di Osceola con il dottor Weedon : “Egli si alzò ed iniziò ad imitare i soldati. Dapprima mostrò come combattono i bianchi, caricando e facendo fuoco. Poi mostrò in che modo gli indiani organizzano le schermaglie e le ritirate.”
Vi sono altre testimonianze del genio militare di Osceola e degli effetti che provocò sul consiglio dei capi: “Osceola divenne lo spirito guida delle guerre lunghe e disperate. Audace e risoluto nelle azioni, letale e sistematico nella vendetta, freddo, ingegnoso e perspicace durante i consigli, nel corso dei quali parlava pochissimo. Egli faceva degli altri capi i propri strumenti, e quello che essi mostravano in pubblico non era altro che il risultato dei suggerimenti segreti dell’invisibile maestro.”
Il generale Jesup, un ufficiale statunitense che aveva portato avanti con Osceola un negoziato ingannevole, credeva che “un ufficiale USA e i suoi uomini sarebbero stati in grado di sconfiggere una banda eterogenea di ex schiavi con i loro alleati. Nessun ufficiale dell’esercito statunitense avrebbe negoziato con esseri tanto inferiori.”
In nessuna occasione Osceola fu alla guida di un gruppo di più di 1500 guerrieri Seminole per combattere contro almeno 40.000 soldati statunitensi. In una guerra costata agli Stati Uniti 40 milioni di dollari, ed un numero di morti superiore a 1500, Osceola combattè una guerriglia mirata ed efficace durante la quale sconfisse i migliori ufficiali dell’esercito USA, compresi i generali Duncan Clinch, Winfield Scott, E.P. Gaines, e Thomas S. Jesup.

Leadership
Anche se non aveva una posizione specifica all’interno della sua tribù, Osceola fu in grado di diventare un leader molto apprezzato tra la sua gente.
Quando ebbe all’incirca 18/20 anni, egli si recò più volte a Fort Brooke in Florida per osservare gli addestramenti delle truppe bianche. Ma mentre Osceola guardava attentamente i soldati, dal canto loro essi osservavano lui. Louis, un nero che faceva l’interprete al forte, venne mandato da un capitano ad accertare l’identità di Osceola. Questo è quello che Louis riferì al capitano dopo aver parlato con Osceola: “Egli è un Mickasukee, un Red Stick e il miglior cacciatore, corridore e guerriero che ci sia.”


Ancora una trattativa
In seguito, ai Seminole venne proibito di avvicinarsi alle coste. Osceola, dovendo stare lontano da Fort Brooke che si trovava nella baia di Tampa, si trasferì vicino a Fort King. Qui, egli si unì ad una banda di Red Stick che vivevano in un villaggio nella palude Wahoo, situato 100 miglia a nord della baia di Tampa. È in questo luogo che i giovani guerrieri iniziarono ad ascoltare Osceola, ed egli iniziò a guadagnarsi il loro rispetto e la loro obbedienza.

Condividi l'articolo!

Pagine di questo articolo: 1 2

Commenti

2 Risposte a “Osceola, capo dei Seminole”

  1. Ricky Faina, il 5 luglio 2007 08:09

    Grandissimo Osceola (di cui peraltro già conoscevo in buona misura le gesta), per la sua lotta per la libertà e l’indipendenza del suo popolo potrebbe essere paragonato a Garibaldi e a Che Guevara (a quest’ultimo lo lega la fine drammatica, mentre il condottiero nizzardo morì nel suo letto).
    Non so se gli altri sono d’accordo, ma questo è il mio giudizio anche in quanto storico.

    Ricky Faina

  2. willy, il 3 agosto 2007 14:35

    cercando notizie su di lui, di Osceola mi hanno colpito l’eleganza della persona e del comportamento, il rispetto e la dedizione per il popolo al quale apparteneva e la sua determinazione. un grande insomma…

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.