La battaglia di Alamo

A cura di Rino Di Stefano

Ricordatevi di Alamo! La mattina del 27 febbraio 1837 spirava un vento gelido sulle rovine della missione di Alamo. Il cielo era terso, di un azzurro intenso, e il pallido sole invernale del Texas illuminava ciò che restava dell’antica chiesa e dei muri perimetrali sgretolati dalle cannonate del generale Santa Anna.
Il silenzio della prateria venne rotto dall’arrivo della compagnia di cavalleggeri texani agli ordini del capitano Juan Seguìn al cui seguito viaggiava il calesse di un falegname. Il compito del capitano Seguìn non era semplice.
Secondo gli ordini ricevuti dal governo presieduto da Sam Houston, doveva trovare i resti dei cadaveri di William Barret Travis, David Crockett e James Bowie, cioè di coloro che avevano guidato l’eroica difesa di Alamo fino all’estremo sacrificio, per dare loro onorata sepoltura.
Sam Houston a cavalloSam Houston a cavallo
Non si può dire che la preoccupazione di fornire una tomba agli eroi di Alamo fosse stata tempestiva. I circa 180 americani che si fecero volontariamente uccidere dall’esercito messicano per affermare il principio di un Texas libero e statunitense, erano morti nella notte del 6 marzo 1836, poco meno di un anno prima.
Per tutto quel tempo le loro ossa, in buona parte carbonizzate, erano rimaste all’aperto sul piazzale della missione dove i corpi erano stati bruciati dai militari messicani in due grandi falò.
Adesso gli uomini di Seguìn si aggiravano tra pezzi di teschi e tibie chiedendosi come avrebbero mai potuto identificare i resti di quei tre senza poter sbagliare.
E in effetti non potevano, per cui scelsero soltanto le ossa che sembravano più in buono stato e, quando sembrò loro di avere messo assieme abbastanza resti per comporre tre corpi, chiamarono il falegname che li infilò tutti dentro una bara di legno grezzo di cui provvide subito a inchiodare il coperchio.
William Barret TravisWilliam Barret Travis
Sulla superficie Seguìn stesso scrisse quindi i tre nomi: Travis, Crockett e Bowie.
Ricoprì poi la bara con un largo panno nero, vi pose sopra la campana della chiesa e si diresse verso il centro di San Antonio dove, sfilando lungo la strada principale, i cittadini avrebbero potuto finalmente porgere l’ultimo saluto agli eroi di Alamo.
La cerimonia della tumulazione avvenne nel pomeriggio, quando i soldati di Seguìn riportarono la bara ad Alamo, accompagnati da una numerosa folla. La cassa e il resto delle ossa vennero seppelliti sotto l’ampio piazzale della chiesa e i soldati, schierati nel picchetto d’onore, esplosero sei scariche di fucili, tre prima e tre dopo la sepoltura, in onore dei morti.
Il primo ad arringare la folla fu Seguìn, in spagnolo. Il secondo il maggiore Thomas Western, in inglese: “In queste ossa, qui di fronte a noi – disse – non vediamo altro che i tangibili resti di Travis, Bowie e Crockett”.
James BowieJames Bowie
Peccato che a cerimonia conclusa nessuno pensò bene di lasciare un qualche segno dove la tumulazione era avvenuta, per cui con il passare degli anni sul posto prima si assistette alla crescita spontanea di un boschetto di peschi, poi all’asfalto della moderna metropoli di San Antonio nel cui centro sorge ancora oggi il monumento nazionale di Alamo. Come si addice alle leggende, dunque, di Travis, Bowie e Crockett restò soltanto il ricordo nel cuore e nella tradizione degli americani. Ma chi erano questi tre personaggi? Come mai uomini così diversi tra loro finirono per essere accomunati in un unico tragico destino? E cosa accadde realmente ad Alamo in quei freddi giorni di marzo del 1836?

Il conflitto che portò alla rivolta dei coloni americani contro il governo del Texas messicano fu dovuto essenzialmente alla differenza culturale tra i due gruppi etnici. I messicani con due leggi del 1823 e del 1825 incoraggiarono l’arrivo degli americani in Texas.
Davy CrockettDavy Crockett
I requisiti per emigrare in territorio texano erano sostanzialmente tre: diventare cattolici, ubbidire alle leggi messicane e non avere schiavi. Soprattutto su quest’ultimo punto i messicani erano irremovibili, mentre gli americani pretendevano di continuare a servirsi della mano d’opera negra considerandola nÈ più nÈ meno che proprietà privata. A ogni emigrante americano il governo messicano concedeva una lega (pari a 4.428 acri) per l’allevamento, e un labor (177 acri) per coltivare. Inoltre era prevista un’esenzione dalle tasse per sei anni e chi sposava una donna messicana riceveva anche un quarto di lega in più. A questo proposito, se l’americano era scapolo, riceveva soltanto un quarto di lega. Tanto per avere un’idea delle misure, si pensi che un acro corrisponde a 4.047 metri quadrati. Il costo di queste concessioni era di 30 dollari più le spese, e c’erano quattro anni di tempo per pagare.
Grazie a questi incentivi, ben presto buona parte del Texas venne abitata da americani e più il numero aumentava più crescevano i dissapori col governo messicano.

Alamo nel 1849
Un’immagine di Alamo risalente al 1849

La rottura avvenne nel 1835 quando i padroni di casa si resero conto che i loro ospiti cominciavano a parlare palesemente di separazione del Texas dal Messico. A quel punto promulgarono una nuova legge che vietava l’accesso a nuovi emigranti americani e il generale Antonio Lòpez de Santa Anna, appena nominato capo del governo messicano, cominciò ad arrestare quelli che considerava i capi della rivolta.
Gli insorti, che avevano nominato Sam Houston comandante in capo del loro esercito, si impossessarono della citta di San Antonio ed è qui che un piccolo contingente americano di 155 uomini al comando del colonnello William Barret Travis, 27 anni, un avvocato dell’Alabama militarizzato sul campo, si trovava quando all’orizzonte apparvero i 4000 soldati di Santa Anna.
Nel comando Travis era affiancato da James Bowie, 42 anni, un avventuriero della Louisiana che si era stabilito in Texas dopo aver sposato Ursula de Veramendi, figlia di un ricco notabile messicano, morta subito dopo in seguito ad un’epidemia di colera. Noto soprattutto per l’invenzione di un grosso coltello da caccia dal quale non si separava mai, anche Bowie era stato nominato colonnello, ma con Travis non andava molto d’accordo. Se tra i due non si arrivò mai ad uno scontro aperto fu probabilmente perchè tutti e due erano massoni da lunga data e, a modo loro, si rispettavano.
Il terzo colonnello del gruppo era David Crockett, 49 anni, una vera celebrità già a quel tempo. Ex deputato del Congresso nelle file dei Wigs, Crockett era una leggenda vivente in tutti gli Stati Uniti ed era finito in Texas dopo aver perso le elezioni in Tennesse per un pugno di voti. Si trovava a San Antonio perchÈ, diceva, voleva aiutare i fratelli americani contro i messicani. E lo fece.

Alamo dopo la ricostruzione del 1850
Alamo dopo la ricostruzione del 1850

La storia di Alamo inizia nella mattinata del 23 febbraio 1836 quando l’esercito messicano arrivò nei pressi di San Antonio. Il primo ad avvistare i soldati di Santa Anna fu lo scout John Smith, chiamato “El Colorado” a causa dei capelli rossi.
Fu a lui che il colonnello Travis affidò il primo messaggio dell’assedio, indirizzato allo stato maggiore dell’esercito texano comandato da Sam Houston: “Il nemico è arrivato in gran forze. Vogliamo uomini e provviste. Inviateceli. Abbiamo 150 uomini e siamo determinati a difendere Alamo fino all’ultimo. Forniteci assistenza”.
Il Generale Santa AnnaIl Generale Santa Anna
Mentre Smith partiva al galoppo, Travis cominciò a dare i primi ordini per preparare la resistenza tra le mura di Alamo. Prima di tutto fece evacuare una cinquantina di soldati messicani feriti, fatti prigionieri in un precedente scontro. In questo modo permise che si ricongiungessero con il grosso delle truppe di Santa Anna senza pesare sulle forze americane. Poi mandò Seguin, lo stesso che un anno dopo provvederà alla sepoltura dei resti, a San Antonio per racimolare quante più provviste possibili potesse. Mentre gli americani giravano per le strade, le donne locali piangevano: “Poveri ragazzi – dicevano – sarete tutti ammazzati”. Furono invece una quarantina i cittadini che preferirono nascondersi dentro Alamo per evitare di affrontare l’esercito messicano. Fecero appena in tempo, perchè nel pomeriggio gli uomini di Santa Anna avevano già occupato l’area di San Fernando, la più vicina alla missione, facendo sventolare una bandiera rossa, segno di non voler dare tregua al nemico, sul pennone del campanile.
Quando la vide, Travis ordinò per tutta risposta che venisse sparata una cannonata verso la postazione nemica. I messicani replicarono con altre quattro cannonate e quello fu di fatto il primo scambio di colpi tra i due avversari.
A quanto pare fu anche l’occasione per il primo litigio tra Travis e Bowie. Il primo voleva aspettare la prima mossa dei messicani, mentre il secondo intendeva agire subito andando a trattare direttamente con Santa Anna. Essendo egli stesso il genero di un notabile messicano, Bowie pensava che sarebbe stato ascoltato. Senza consultare Travis, Bowie mandò il volontario Green B. Jameson con una missiva diretta personalmente al generale. Ma il risultato fu deludente: di fronte a un Travis infuriato perchè i suoi ordini non erano stati rispettati, Jamestown tornò con una nota firmata da Josè Batres, il vice di Santa Anna, nella quale si diceva che “se volevano salvare le loro vite, dovevano mettersi immediatamente a disposizione del Governo Supremo”. In pratica, dovevano arrendersi senza condizioni. Rendendosi conto che la situazione era comunque disperata, lo stesso Travis inviò ai messicani un secondo messaggio, questa volta affidato ad uno dei suoi uomini più fidati, Albert Martin, da consegnare al colonnello Juan Almonte, uno degli alti ufficiali dello staff di Santa Anna, conosciuto e rispettato come gentiluomo in tutto il Texas. Ma Almonte si limitò a ripetere le condizioni imposte dal suo generale, per cui anche questo tentativo andò a vuoto.
A quel punto a Travis non restò che radunare gli uomini per esporre loro la situazione e tutti furono d’accordo per non cedere. Ancora una volta Travis affidò la sua replica ai cannoni e per risposta i messicani presero a bombardare sistematicamente la missione producendo non pochi danni. E mentre le granate colpivano la vecchia chiesa costruita nel 1758 dalla Flying Company of San Josè y Santiago del Alamo de Parras, il colonnello inviò un altro messaggio al raggruppamento texano di stanza a Goliad: “Noi porteremo avanti questa resistenza così come il nostro onore pretende, e anche quello del Paese”, scrisse Travis al collega Fannin. Ma l’attesa per una risposta si rivelò vana.
Fu allora che Travis decise di piazzare i suoi cannoni nelle posizioni strategiche, in particolare sul tetto rinforzato della chiesa dove ne fece sistemare tre da diciotto libbre l’uno.
C’era anche un altro problema. All’interno del forte si trovavano ormai anche una quarantina tra malati e feriti che Travis fece sistemare al secondo piano del convento. Tra questi era finito anche James Bowie, colpito da una forte febbre tifoidea che lo debilitava a causa di continui accessi di vomito e diarrea con ingenti perdite ematiche. Per quanto curato dal dottor Amos Pollard e assistito dalla cognata Juana Alsbury, Bowie non si riprenderà più e quindi non parteciperà neanche allo scontro finale. Il 24 febbraio i messicani piazzarono una nuova batteria a circa 300 metri da Alamo e ripresero il bombardamento.

La mappa di Alamo
La mappa di Alamo (clicca per ingrandire)

Agli americani non restava che nascondersi tra le mura della missione e aspettare. Travis ne approfittò per scrivere un nuovo appello che indirizzò al “Popolo del Texas e a tutti gli Americani nel Mondo”: “Sono assediato da un migliaio o più di messicani agli ordini di Santa Anna – Ho sostenuto un continuo bombardamento per 24 ore e non ho perso un uomo. – Il nemico ci ha chiesto una resa senza condizioni, altrimenti la guarnigione sarà passata a fil di spada, se il forte verrà preso – Ho risposto con un colpo di cannone, e la nostra bandiera sventola ancora orgogliosamente sulle mura. Io non mi arrenderò nÈ mi ritirerò. Allora mi rivolgo a voi nel nome della Libertà, del patriottismo e di tutto ciò che è di più caro al carattere americano, affinchè veniate in nostro soccorso con la massima celerità – Il nemico sta ricevendo rinforzi quotidianamente e non c’è dubbio che arriverà a tre o quattro mila unità nel giro di quattro o cinque giorni. Se questa mia richiesta non verrà accolta, sono determinato ad andare avanti da solo il più a lungo possibile e a morire come un soldato che non dimentica mai ciò che è dovuto al proprio onore e a quello del suo Paese. Vittoria o Morte”.
La lettera, indirizzata al quartier generale texano situato a Gonzales, venne affidata ad Albert Martin che con una buona dose di fortuna riuscì a passare oltre le linee nemiche, perdendosi nell’oscurità. Dalle mura quella notte Travis lo vide allontanarsi e, mentre la sua mente si perdeva in mille cupi pensieri, si sorprese ad ascoltare le note di un mesto “Deguello” che gli giungevano dal campo messicano.
L’indomani il bombardamento riprese fin dal primo mattino. Circa duecento messicani del battaglione Permanente Matamoros arrivarono a un centinaio di metri dal forte, ma gli americani risposero con un fuoco talmente fitto che alla fine gli uomini di Santa Anna furono costretti a ritirarsi, lasciando una decina di morti sul campo. Durante l’azione fu particolarmente notato l’onorevole David Crockett, come Travis chiamava l’ex parlamentare, che correva da un punto all’altro per incitare gli uomini e far loro coraggio.

La bandiera di battaglia di Alamo
La bandiera di battaglia di Alamo

Travis, quando si rese conto che i messicani stavano tastando il terreno in vista dell’assalto decisivo, riprese la penna e si rivolse direttamente a Sam Houston: “Devo resistere fino alle estreme conseguenze. Se essi ci sconfiggeranno, noi saremo sacrificati sull’altare del nostro Paese, e speriamo che i posteri e il nostro Paese renderanno giustizia alla nostra memoria. Aiutami, Paese mio! Vittoria o morte”.
In effetti viene il sospetto che Travis scrivesse in modo così enfatico sapendo che i suoi appelli sarebbero stati pubblicati, ma c’è da dire che egli cercava comunque di far sapere che la situazione a Alamo era davvero drammatica. Il problema si poneva sul come far giungere il messaggio a destinazione, visto che ormai i messicani controllavano l’intera area. E, soprattutto, chi mandare? Tra l’altro ci voleva qualcuno che parlasse bene lo spagnolo e fu così che gli uomini della guarnigione votarono Juan Seguìn. Travis non era d’accordo, ma alla fine capitolò. Seguìn, travestito da campesino, salutò per l’ultima volta i suoi commilitoni e quella stessa notte si infiltrò tra le linee nemiche. Quell’operazione, per quanto rischiosa, finì per salvargli la vita.
Mentre i messicani poco per volta accerchiavano Alamo, a San Felipe il governatore Smith faceva pubblicare il primo appello di Travis e esortava i texani a “volare” in difesa di Alamo: “La campagna è cominciata – scrisse Smith – I texani non devono lasciare che i loro fratelli vengano massacrati da un esercito di mercenari”.
Anche se le file texane si stavano ingrossando di volontari, nel forte l’attesa si faceva sempre più drammatica. Bowie era ormai allo stremo quando il 29 febbraio un gruppo di volontari che era arrivato con lui andò a trovarlo per comunicargli che Santa Anna aveva offerto un’amnistia ai difensori di Alamo che si fossero arresi. “Chi di voi vuole andarsene, è libero di farlo”, disse Bowie con un fil di voce. E quelli non se lo fecero dire due volte: lo ringraziarono e uscirono dal forte, salvi.
La notte del primo marzo un violento temporale si abbattè sulla zona. Alle tre, sotto una pioggia battente, una sentinella si sentì chiamare e, con sua grande sorpresa, vide John Smith, El Colorado, bussare alla porta del forte con trentadue uomini: alla fine i rinforzi, se così si potevano definire, erano arrivati. Il giorno dopo a Brazoria, diverse decine di chilometri più in là, l’ultimo appello di Travis, “Vittoria o Morte”, veniva pubblicato sul giornale “Texan Republican”. Ma la spedizione di soccorso era ben distante dall’essere organizzata. A Washington, dove doveva partecipare a una convention, Sam Houston continuava a dire che quella di Alamo era “una maledetta menzogna, e che anche tutti quei rapporti di Travis e Fannin erano menzogne, visto che là non vi erano forze messicane e che tutta quella messinscena era soltanto uno stratagemma elettorale studiato da Travis e Fannin per sostenere la loro popolarità”.
Houston arrivò a insinuare che i rapporti ricevuti fossero addirittura fatti ad arte dai messicani, per cui, con la mente offuscata dai litri di whisky che si beveva tutti i giorni (fu visto diverse volte ubriaco in pubblico), di fatto non fece mai nulla per salvare la guarnigione di Alamo.
Il 3 Marzo gli americani assediati videro un uomo a cavallo correre nella prateria sfidando il fuoco dei fucili messicani. Era James Butler Bonham che portava due messaggi, uno dei quali di Willie Williamson, uno dei capi della rivolta, scritto alcuni giorni prima a San Felipe. Nella prima missiva Williamson annunciava l’arrivo di 660 volontari. Nella seconda, forse scritta da Houston in persona, si diceva invece che le forze presenti a San Felipe non potevano essere trasferite. In pratica, Alamo veniva abbandonato a se stesso.

Una scena della battaglia
Una scena della battaglia

Per Travis era l’ennesimo colpo. Già furente per l’abbandono dei volontari texani che egli non esitava a definire traditori, quella notizia gli fece capire che ormai non c’era davvero più nulla da fare. Allora scrisse alcune lettere che affidò nuovamente a El Colorado, lettere il cui contenuto non fu mai reso pubblico e nelle quali probabilmente scrisse il suo testamento politico. Una era indirizzata a Jesse Grimes, un delegato della convenzione di Washington, un’altra a David Ayers di Montville. A entrambi affidò le sue ultime volontà e, soprattutto, l’educazione del figlio Charles, 5 anni, avuto dal suo matrimonio con Rosanna Cato. L’ultima missiva, di cui non si conobbe mai il contenuto, era per l’amata Rebecca, la donna che aveva intenzione di sposare se solo fosse riuscito a sopravvivere all’avventura di Alamo. Arriveranno tutte a destino compiuto, quando le ossa di Travis erano già state incenerite.
Il 4 marzo i messicani ripresero a bombardare la missione. Il 5 gli americani contarono 334 palle di cannone contro le loro mura. E quella notte un Travis ormai disperato giocò la sua ultima carta inviando un ultimo messaggero, il giovane James Allen, nel disperato tentativo di convincere lo stato maggiore americano a mandare rinforzi. Un rapido censimento delle armi permise di stabilire che nella missione i 180 americani rimasti avevano in tutto 816 tra pistole e fucili, con polvere e piombo sufficienti per circa 15 mila colpi, 25 granate da cannone e duecento baionette: un po’ poco per fronteggiare un esercito di quattromila uomini armati di tutto punto e dotati di artiglieria pesante. L’attacco decisivo cominciò intorno alle 3 del mattino del 6 marzo. Gli assediati, stanchi e provati dalla continua tensione, dormivano quasi tutti. Nessuno, nemmeno le sentinelle, si accorse che oltre un migliaio di soldati messicani del battaglione Toluca aveva completamente circondato la missione e pian piano si avvicinava alle mura. Nessuno, nonostante il chiarore della luna, vide le scale che venivano appoggiate e subito salite dai commandos nemici. Nessuno si rese conto che la missione era stata invasa fino a quando il primo “Viva Santa Anna” non squarciò il silenzio della notte. Erano circa le 5,30. Travis fu svegliato di soprassalto dall’ufficiale J.J. Baugh che irruppe nella sua camera urlando: “I messicani stanno arrivando!”. Ancora stordito da quelle poche ore di sonno, Travis arrivò sugli spalti appena in tempo per vedere una marea di uniformi bianche che si lanciava all’assalto dei suoi uomini. Quando girò lo sguardo una pallottola di circa due centimetri di diametro lo prese in piena fronte uccidendolo sul colpo. Il suo corpo, successivamente trafitto anche da molti colpi di baionetta, cadde vicino ad un cannone e lì restò fino alla fine della battaglia. Uno ad uno gli americani vennero uccisi tutti: l’ordine era di non fare prigionieri.

Cannoni ad Alamo
Cannoni ad Alamo

Quando i messicani entrarono dentro il convento, in una stanza trovarono James Bowie ormai agonizzante alla sua terza settimana di febbre tifoidea. Scambiandolo per uno che si voleva nascondere sotto le coperte, lo presero a fucilate sul posto facendogli letteralmente saltare la testa. Sempre più numerosi, cominciarono poi a spingere ciò che restava del gruppo dei difensori fino all’ingresso della missione. Gli americani furono costretti a uscire spinti verso l’esterno. Fuori li aspettava la cavalleria messicana comandata da Ramirez y Sesma che in due cariche successive pose fine a colpi di lancia anche a quella eroica e disperata sacca di resistenza.
I messicani si fermarono soltanto quando, abbattendo una porta, si trovarono di fronte a tre donne e due bambini. Fu una di queste, Susanna Dickenson, che in seguito testimonierà di aver visto i corpi di Davy Crockett e dei suoi compagni del Tennessee giacere nella polvere davanti al sagrato della chiesa.

Ma gli americani avevano venduta cara la pelle. A fronte dei 1600 uomini impiegati nell’attacco, i messicani morti furono circa duecento e quattrocento i feriti, tra i quali anche un generale e 28 ufficiali. Settanta di questi feriti morirono in seguito alle lesioni riportate nella battaglia.
Avvalendosi della testimonianza di Joe, lo schiavo negro di Travis cui venne risparmiata la vita proprio a causa del suo stato, Santa Anna volle vedere personalmente i corpi di Travis, Bowie e Crockett prima di inviare il suo rapporto finale a Città del Messico. “Il quadro presentato dalla battaglia è straordinario – scrisse Santa Anna – tra i corpi sono stati trovati il primo e il secondo capo del nemico – Bowie e Travis – colonnelli come essi stessi si facevano chiamare – nonchè Crockett con lo stesso titolo degli altri due”.
La notizia del massacro di Alamo giunse a Washington solo l’11 marzo e fece un’impressione enorme. Per Sam Houston, che non aveva mai creduto alle lettere di Travis, fu un colpo tremendo. E per quanto si portò dietro per tutta la vita il rimorso di quelle vite sacrificate, cercò di salvare la faccia sostenendo pubblicamente che “la caduta di Alamo è stata il risultato di una disobbedienza da parte di Travis e Bowie”.

Santa Anna di fronte a Houston
Santa Anna di fronte a Houston

Ma all’opinione pubblica americana non potevano bastare le sue illazioni e Houston lo sapeva bene. Fu così che l’esercito texano si ricompattò e il 21 aprile cercò vendetta affrontando in campo aperto le truppe messicane di Santa Anna a San Jacinto. Prima della battaglia gli ufficiali si rivolsero ai volontari con tre sole parole:”Remember the Alamo”. Ed è urlando “Alamo! Alamo! Alamo!” che gli americani, inferiori di numero (800 contro 1.300), in soli venti minuti di battaglia sgominarono l’esercito messicano facendo prigioniero lo stesso generale Santa Anna. La rivoluzione era finita e il Texas diventava indipendente. Nel settembre di quello stesso anno Sam Houston veniva eletto presidente della Repubblica del Texas e Alamo entrava nella storia e nella leggenda.

Condividi l'articolo!

Commenti

4 Risposte a “La battaglia di Alamo”

  1. Ricky Faina, il 22 maggio 2008 13:11

    Articolo interessante, anche se aggiunge relativamente poco di nuovo a quanto già si sa (spero che Rino non me ne voglia).

    Ricky Faina

  2. new orleans greys, il 18 settembre 2011 18:07

    vorrei solo ricordare che i difensori di alamo che non erano 180 ma recentemente si e dato un numero ben preciso erano 189 con un nome e cognome
    benche gli storici ultimamente si pensa che il numero dei difensori di alamo potrebbe essere dai 189 a 260 uomini

  3. siepe, il 25 novembre 2011 14:44

    Dei correzioni:
    Santa Anna, non Santa Ana
    David Crockett aveva 49 anni, non 50
    James Bowie aveva 42 anni, non 40
    Green B. Jameson, non Jamestown
    Bowie non era curato da dottor Sutherland, ma da dottor Amos Pollard, medico ufficiale del Alamo

    Perdonatemi il mio debole italiano. Non sono italiano. Sono americano e’ un appassionato di sempre del alamo.

    Auguri,

    Steve Hedgpeth

  4. Sergio Mura, il 25 novembre 2011 21:52

    Thank you so much! :-)

Vuoi scrivere qualcosa? Usa i commenti!

Devi eseguire il log-in per inserire un messaggio.