Deerfield 1704

L’epopea della frontiera, le guerre franco-indiane nel ‘700, le battaglie fra Inglesi e Francesi, gli assalti degli indiani Uroni e Abenaki agli avamposti dei coloni, difesi dalla Milizia Coloniale. E’ una storia affascinante di guerra, massacri, amore e vendetta, con i testi e la sceneggiatura di Carlo Bazan, gli acquarelli e le tavole a fumetti di Lele Vianello, collaboratore per tanti anni di Hugo Pratt.
Ecco una breve intervista a Carlo Bazan.
Perchè la scelta di contattare Lele Vianello?
“I motivi della mia scelta sono almeno un paio. Il primo, la bravura di Lele nel saper ricreare nei disegni e negli acquarelli l’immaginario della Frontiera, così come ce lo ha lasciato quel Maestro dell’avventura disegnata che risponde al nome di Hugo Pratt, del quale Lele fu amico e collaboratore per molti anni. Il secondo motivo è la comune passione per la storia della Frontiera, dell’America delle Colonie e per i romanzi, i film, l’iconografia e, ovviamente, i fumetti sull’argomento.” Leggi il resto

Il Grinta (True Grit)

La locandina del film
Il cinema western, dato per spacciato a più riprese da numerosi uccelli del malaugurio, ogni tanto ci regala sorprese che bastano a restituirci la speranza che i bei tempi possano ancora tornare.
La verità è che, forse, i tempi gloriosi del western non torneranno mai più, ma che c’è ancora tutto lo spazio che si vuole per regalare agli spettatori, giovani e meno giovani, delle vere e proprie perle.
Il Grinta è un film, ben noto grazie alla versione in cui ha recitato John Wayne, ma questo dei fratelli Cohen, appena arrivato in Italia, è qualcosa di specialmente delizioso; è un film attento ai dettagli, preciso come pochi nei riferimenti storici, ben recitato e ben dosato nel mostrare dolcezza, avventura, durezza, violenza.
Noi appassionati vogliamo sperare che basti tutto questo, insieme alla fondamentale firma di Ethan e Joel Cohen per attirare l’attenzione delle giovani platee, le uniche in grado di richiamare nuovi film western a gran voce. Leggi il resto

La galleria indiana di Cuore di Lupo, Giampaolo Galli

A cura di Giampaolo Galli

“Grande varietà di soggetti ed alta qualità cromatica ed espressiva. E tanta, tanta passione. Bravo!” E’ questo uno dei tanti commenti sorpresi e compiaciuti degli appassionati di storia del west del nostro forum quando, in assoluta anteprima, hanno potuto ammirare le opere di Giampaolo Galli. Eccone un altro: “Complimenti alla grande! I tuoi quadri hanno soggetti, grafica e colori non usuali e sono di grande impatto emotivo.” Gli altri aggiungono ulteriori notazioni positive.
Perché, in effetti, basta un semplice sguardo ai lavori di Giampaolo per restare veramente impressionati dall’uso dei colori, delle tecniche e del montaggio. L’ampia varietà dei soggetti fa il resto, restituendoci una potenza immaginifica che lascia colpiti a fondo.
La natura ancora intatta si fonde con la presenza dei guerrieri di diverse tribù indiane e persino con la presenza degli animali selvaggi. Leggi il resto

Apache

Gli Apache fino al 1938 erano considerati una sorta di popolo spauracchio, terribile e selvaggio, il popolo di ribelli come Geronimo.
Con questo libro, uscito appunto quell’anno, Lockwood ebbe il grande merito di spazzare via gran parte di quelle dicerie antiche e false, ristabilendo in maniera definitiva la realtà storica di una grande nazione pellerossa abituata a convivere con la severità di un clima che faceva spaventare i bianchi e con un territorio che a un’occhio disattento poteva sembrare povero di ogni cosa.
Nella storia degli Apache c’è tutta la verità e ci sono tutte le grandi imprese compiute dai capi più famosi come Geronimo, Ulzana, Mangas Coloradas, Cochise e tanti altri. Leggi il resto

In vacanza nel west. In Italia!

A cura di Martina Uras

Cari amici di Farwest.it, ho pensato di proporvi il West! Voglio dedicarlo a tutte quelle persone che nutrono un amore sconsiderato per la natura e gli animali. Dopo queste prime righe, penserete alla proposta e direte “Si, ma questa è pazza! Con la crisi che c’è… il West chi se lo può permettere?”
Vi consiglio di continuare a leggere per scoprire che il West è a portata di tasca!
Da decenni il mito del Far West affascina intere generazioni, chi di voi non ha mai visto un film western o anche di semplice ambientazione come lo spaghetti western di Bud Spencer & Terence Hill? Ma come mai il West non passa mai di moda? Perché è la terra dei pascoli e delle mandrie, l’ ambientazione di storie con pistoleri solitari, sceriffi corrotti e bande criminali senza scrupoli, un territorio lasciato allo stato naturale, vasto e incontaminato, fatto per essere attraversato, esplorato in lungo ed in largo. Leggi il resto