L’uomo che sussurrava ai cavalli

In questo bellissimo libro Nicholas Evans è riuscito a coniugare tanti generi: western, avventuroso, drammatico, suspence, romantico, new age. Ci è riuscito splendidamente ad onor del vero, tanto che chi legge il libro resta colpito dal fatto che pare di aver dato un volto a ciascuno dei personaggi, cavalli compresi. Voglio dire che l’amalgama è ben riuscito al punto che ci pare di essere entrati a far parte, noi stessi, della storia.
Il libro racconta di un uomo che vive nel Montana (Stati Uniti del nord ovest) e che ha il dono di essere perfettamente parte della natura incontaminata in cui vive e di riuscire a parlare con i cavalli, a capirli, a curarli, se necessario e i cavalli hanno completa fiducia in lui. Si tratta di un Whisperer, un sussurratore. Leggi il resto

Estate di Powwow nella Wind River Reservation nel Wyoming

Pow WowI Powwow nella Contea di Fremont abbondano d’estate nel Wyoming, stagione tradizionale per i raduni dei Nativi Americani.
La regione della riserva indiana di Wind River offre serate e notti con echi di tamburi e voci che cantano. I Powwow hanno antica origine e le tracce sono già presenti prima dell’arrivo degli Europei nel continente americano.
Gli Indiani delle praterie danzavano per onorare i membri della tribù, per festeggiare eventi importanti e per richiedere la protezione per i guerrieri e cacciatori. Leggi il resto

Gli indiani d’America

Questo è un libro non facile, devo premetterlo subito. Non è facile perché pur trattando lo stesso argomento trattato dagli altri autori, Washburn antepone l’incredibile pesantezza della trattazione scientifica che non sembra conoscere mezze ragioni, ma solo i teoremi matematici che hanno la certezza del risultato.
L’autore è uno dei maggiori esperti americani di storia dei pellerossa, ma il cipiglio con il quale tratta secoli e secoli di storia è capace di rovinare l’appetito del lettore; a noi è successo così. Leggi il resto

Le spoglie di Toro Seduto

A cura di Cesare Bracchi

Toro Seduto
Dopo le discussioni riguardanti la destinazione finale delle spoglie di Toro seduto, documentate anche su questo sito, a far riportare all’attenzione della cronaca il grande capo Sioux sono, questa volta, vicende che fanno riferimento ad alcune reliquie.
La notizia, del settembre scorso, è che una ciocca di capelli e un paio di gambali che erano stati sottratti da un medico dell’esercito al cadavere di Toro seduto, saranno restituiti al pronipote del capo indiano dal Museo Nazionale di Storia Naturale. Il Museo ha annunciato la decisione dopo una attenta verifica, durata 5 anni, della reale discendenza di Ernie LaPointe, 59 anni di Lead nel South Dakota, e delle sue tre sorelle maggiori, dal grande capo indiano. Leggi il resto